Notizie Radicali
  il giornale telematico di Radicali Italiani
  martedž 18 marzo 2014
 Direttore: Gualtiero Vecellio
Legge 40: dal referendum alla via giudiziaria

di Valter Beltramini, Luca Osso e Elvis Pavan

Come prevedibile, il referendum sulla legge elettorale¬† ha portato alle urne uno sparuto, seppur lodevole, gruppo di elettori. E questo non tanto perch√©¬† i quesiti proposti erano, a voler essere generosi, ¬†poco attraenti, ma perch√© lo strumento¬† referendario √® diventato inutilizzabile in quanto il regime partitocratico, che incostituzionalmente per anni¬† lo aveva negato¬† al popolo italiano, √® riuscito a disinnescarlo¬† attraverso un continuo e sistematico tradimento della volont√† degli elettori. Gli italiani sono rimasti a casa perch√© ormai sanno che il gioco √® falsato. Ormai queste sono solo consultazioni farsa come ¬†√® stato ben documentato dal ď Gruppo di iniziativa Sayagraha 2009Ē nel volume ď La peste italianaĒ ( scaricabile ¬†gratuitamente dal sito www.radicali.it)

 

Per questo anche noi radicali che dello strumento referendario abbiamo fatto ampio ed ottimo uso,  si pensi a quali importanti riforme di civiltà siamo riusciti ad ottenere portando gli italiani alle urne,  siamo stati costretti a metterlo in un secondo piano. Non per questo però abbiamo rinunciato alle nostre battaglie,  rassegnandoci ad uno status quo  che fa comodo solo alla partitocrazia e alle gerarchie vaticane. Abbiamo solo  dovuto cambiare  strada  ed abbiamo intrapreso, con successo, la via giudiziaria.

 

LíAssociazione¬† Luca Coscioni assieme alla ďAssociazione dei¬† Pazienti InfertiliĒ¬† √® riuscita ad ottenere una importante pronuncia di incostituzionalit√† della legge 40 sulla fecondazione medicalmente assistita ; si √® cos√¨ compiuto¬† un importante passo verso la cancellazione di una norma crudele , la cui esistenza in un moderno paese occidentale¬† ha dellíincredibile.¬† Una legge dettata da oltre Tevere, dove si trova bizzarro e¬† oltraggioso che una persona¬† possa desiderare la paternit√† e la maternit√† , e ancor pi√Ļ¬† esecrabile, di un figlio che non sia affetto da una qualche dolorosa malattia genetica.¬†Il Vaticano vorrebbe imporre a¬†tutti la rassegnazione a quello che ci d√† la natura, per quanto possa essere doloroso, e líaccettazione della sofferenza come un dono in grado di avvicinarci a Dio. Cí√® una bella scena in¬† ďRicomincio da TreĒ in cui un prete di fronte ad un Troisi¬† che rifiutava di considerare la menomazione di un braccio, subita dal proprio padre, un miracolo, gli prometteva preghiere in favore della sua anima miscredente.¬† E líaltro per risposta: ďNo, per carit√†, non disturbatevi, che senn√≤ mi fanno un miracolo pure a meĒ.

 

Ma quello che pi√Ļ stupisce √® che il legislatore metteva un limite anche numerico, non pi√Ļ di tre, alla produzione di embrioni,¬†ingabbiando cos√¨ il medico agli¬†imperscrutabili voleri di un cattolicesimo irrazionale e magico.

 

La¬† Corte Costituzionale ha invece stabilito che¬† ďin materia di pratica terapeutica, la regola di fondo deve essere líautonomia e la responsabilit√† del medico, che, con il consenso del paziente,¬† opera le necessarie scelte professionaliĒ. Quindi ha definito la ¬†legge incostituzionale per contrasto con líart. 3 sotto il duplice profilo della uguaglianza e della ragionevolezza, in quanto si riserverebbe lo stesso trattamento ( ¬†líimpianto di tre embrioni) a situazioni diverse. Inoltre anche per contrasto¬† con líart. 32 in quanto ¬†pregiudizievole per¬† la salute della paziente intesa in senso ampio, sia psichico che fisico. Il limite della produzione dei tre embrioni rimane in vigore, ma cadono contemporaneamente líobbligo di impiantare¬† in un'unica volta tutti gli embrioni, il divieto¬† di indagini diagnostiche e¬† si deroga (per motivi di salute) al divieto di crioconservazione.

 

In sostanza, allo stato attuale, il medico √® costretto a produrre tre embrioni alla volta, ma non √® costretto ad impiantarli tutti, ma, se vi sono motivi sanitari, ne pu√≤ congelare uno o due a tempo indefinito.¬† Una trovata di una sottigliezza gesuitica ma pi√Ļ accettabile della precedente.

Ora lí Associazione Luca Coscioni prosegue la sua battaglia anche attraverso il servizio internet ď Soccorso Civile ( www. lucacoscioni.it/soccorsocivile), un portale di informazione, aperto al contributo degli utenti , sulle possibilit√† di ricorso alla fecondazione medicalmente assistita:¬† tipologie di metodi esistenti,¬† indicazione dei centri europei in cui si pu√≤ praticare ( anche nella vicina Austria) e i relativi¬† tariffari,¬† possibilit√† di donare gli embrioni allíestero.¬† Chi invece volesse contattare la cellula locale dellí Associazione pu√≤ farlo tramite Valter Beltramini al numero: 3290238228


NOTE


Beltramini, Osso e Pavan sono esponenti della Cellula Coscioni per il Friuli Venezia Giulia