Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 21 ott. 2014
  cerca in archivio   COMUNICATI
Rifiuti Campania: interpellanza radicale sul “caso Ferrante”
Urge modifica legge istitutiva alto Commissario anticorruzione.

17 luglio 2007

I deputati radicali della Rosa nel Pugno Bruno Mellano, Marco Beltrandi, Sergio D’Elia, Donatella Poretti e Maurizio Turco hanno presentato oggi un’interpellanza al Presidente del Consiglio dei Ministri sul cosiddetto “caso Ferrante”, cioè sulle dimissioni “per motivi strettamente personali”, dopo appena sei mesi dall’assunzione dell’incarico, del prefetto Bruno Ferrante dalla carica di Alto Commissario per la prevenzione e il contrasto della corruzione e la sua contestuale nomina a presidente di due societĂ  del gruppo Impregilo, Fibe e Fibe Campania. Rispetto alle societĂ  Impregilo e Fibe Campania, venti giorni fa il Gip del Tribunale di Napoli ha disposto l'interdizione ai contratti con la pubblica amministrazione per un anno, relativamente alle sole attivitĂ  di smaltimento, trattamento e recupero energetico dei rifiuti.

 

Nell’interpellanza, i deputati radicali chiedono al premier Prodi:

- se il “caso Ferrante” non rappresenti un caso classico di “controllante” che diventa, senza soluzione di continuitĂ , “controllato”, di nome e di fatto, vista l’inchiesta giudiziaria in corso su Impregilo e consociate da parte della magistratura campana;

- se il “caso Ferrante” non suggerisca la necessitĂ  e l’urgenza di una modifica della legge istitutiva dell’ “Alto Commissario per la prevenzione e il contrasto della corruzione e delle altre forme di illecito all’interno della pubblica amministrazione”  (art. 1, L. 16 gennaio 2003, n. 3), con la previsione di un congruo intervallo fra le dimissioni dalla suddetta carica e l’assunzione di incarichi di responsabilitĂ  nel settore pubblico e privato;

- se nella scelta del futuro Alto Commissario anticorruzione il Presidente del Consiglio terrà conto anche del requisito della stabilità temporale; in parole povere, dovrà essere valutata la determinazione del candidato ad investire nella carica suddetta non alcuni mesi del proprio tempo ma alcuni anni (tenendo presente che la carica è quinquennale, rinnovabile per una volta);

- se il Prefetto Ferrante, prima di lasciare l’incarico, ha assolto all’obbligo di presentazione della relazione semestrale sulle attivitĂ  svolte, ai sensi della suddetta legge istitutiva.



IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail