Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 19 apr. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Conferenza Partito radicale
Cicciomessere Roberto - 20 febbraio 1991
Esportazione armi (2)

Risoluzione in Commissione (Affari Esteri)

premesso che la legge 9 luglio 1990, n.185, recante "Nuove norme sul controllo dell'esportazione, importazione e transito dei materiali d'armamento" prevede, per divenire operativa, una serie di adempimenti da parte del Governo fra cui:

1) l'approvazione, entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, dell'elenco dei materiali d'armamento (art.2, comma terzo);

2) l'istituzione del registro nazionale delle imprese e consorzi di imprese operanti nel settore della progettazione, produzione, importazione, manutenzione e lavorazione comunque connesse di materiale d'armamento (art.3, comma primo);

3) l'istituzione del Comitato interministeriale per gli scambi di materiali di armamento per la difesa - CISD (art. 6, primo comma);

4) l'istituzione del Comitato consultivo per l'esportazione, l'importazione ed il transito di materiale d'armamento (art. 7, primo comma);

5) la costituzione, entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, dell'Ufficio presso la Presidenza del Consiglio con il compito di fornire al CISD pareri, informazioni, etc.;

6) l'emanazione, entro 120 giorni dall'entrata in vigore della legge, del regolamento contenente le norme di esecuzione;

rilevato che la Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 25 gennaio 1991 pubblica la delibera con la quale, "considerato che non sono ancora vigenti i provedimenti attuativi della legge 9 luglio 1990, n.185", proroga l'applicazione della disciplina transitoria e cioè l'applicazione delle disposizioni contenute nella precedente normativa di legge;

rilevato che dei sei adempimenti amministrativi prima citati risulta attuato solo quello relativo alla costituzione del CISD (Comitato interministeriale per gli scambi di materiali di armamento per la difesa);

rilevato che numerosi quotidiani riferiscono che secondo lo studio condotto dal giornalista americano Kenneth Timmerman, commissionato dal centro "Simon Wiesenthal" di Los Angeles alcune aziende italiane avrebbero fornito armi e materiale bellico all'Irak anche successivamente allo scoppio delle ostilità nel Golfo. Secondo tale studio le aziende coinvolte nel traffico clandestino di armi sarebbero le seguenti: Ausidet, Montedison, Snia-Techint, Snia-Bpd, Technipetrol, Euromac, Bnl, Danieli, Ilva, Iri e Società delle Fucine.

impegna il Governo

a compiere, entro il 15 febbraio, tutti gli adempimenti previsti dalla legge n. 185 del 1990

a riferire alla commissione sulle denunciate violazioni all'embargo sancito con decreto legge 6 agosto 1990, n. 220 contenente "misure urgenti relative ai beni della Repubblica dell'Irak" e del decreto legge 23 agosto 1990, n. 247 contenente "provvedimenti urgenti in ordine alla situazione determinatasi nel Golfo Persico"

a riferire immediamente sulle operazioni autorizzative svolte dal 1 gennaio 1990 ad oggi in particolare per l'esportazione di materiale d'armamento e la cessione di licenze di produzione nei confronti dell'Iraq, Iran e Siria;

Roberto Cicciomessere

Emma Bonino

Giuseppe Calderisi.

 
Argomenti correlati:
stampa questo documento invia questa pagina per mail