Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 25 set. 2017
  cerca in archivio   COMUNICATI
Vassalli, Baldassarre, Pace, Celotto, Armaroli, Bifulco, Cerri, Lariccia, Modugno, Parodi e Patrono sulla vicenda degli otto senatori estromessi dal senato
Lo spirito di corpo ha trasformato la prerogativa in privilegio. Poteri del Parlamento nella verifica dei poteri.

1 febbraio 2008

Per quasi due anni la Giunta delle elezioni e delle immunitĂ  parlamentari del Senato ha fatto attendere il proprio pronunciamento sulla questione relativa alla legittimitĂ  della elezione degli “otto senatori contestati”, in relazione alla dubbia applicazione della soglia di sbarramento del 3% nel congiunto operare del premio di maggioranza e della clausola di sbarramento al Senato.

Soltanto a due giorni dalle votazioni sulla fiducia al Governo Prodi la Giunta si è pronunciata, in senso conservativo.

La prassi parlamentare prevede che la delibera della Giunta, ove confermi l’esito delle elezioni, sia soltanto comunicata all’Assemblea, senza possibilitĂ  di aprire una discussione.

Si tratta di “travisamento” delle prerogative parlamentari a tutela dell’autonomia del Parlamento; di una prerogativa che rischia di assumere i contorni del “privilegio” esercitato dai parlamentari eletti, in spregio di una serie di principi supremi del nostro ordinamento.

Questa applicazione contrasta con la lettera e con lo spirito della Costituzione, ove chiaramente si attribuisce a “ciascuna Camera” la legittimazione a giudicare “dei titoli di ammissione dei suoi componenti e delle cause sopraggiunte di ineleggibilitĂ  e di incompatibilitĂ ” (art. 66 Cost.).

Il Costituente ha previsto che la verifica dei titoli di ammissione avvenisse attraverso la parlamentarizzazione. Le origini storiche dell’istituto della “convalida riservata” affondano le proprie radici nella finalitĂ  di assicurare un sistema garantistico che impedisse il ripetersi di arbitrarie “rimozioni”, tipiche del periodo fascista. Nel dibattito costituente si era autorevolmente proposta una soluzione “mista”, comprendendo nell’organo di garanzia anche magistrati togati (Mortati); poi, prevalse la formulazione squisitamente parlamentare di cui all’art. 66 Cost.

Malgrado la corretta (per quanto mai applicata) procedimentalizzazione prevista nei regolamenti parlamentari (cfr. art. 135-ter reg. Senato), lo spirito di corpo del Parlamento, troppo spesso ha trasformato la prerogativa in privilegio.

La Giunta del Senato ha rigettato il ricorso degli otto senatori malgrado voci autorevolissime abbiano chiaramente affermato l’esigenza di applicare in maniera corretta la legge elettorale del 2005.

Non appare possibile continuare a condividere una prassi contra Constitutionem, limitando l’Assemblea a prenderne atto, senza potersi pronunciare.

Giuliano Vassalli, Presidente emerito della Corte Costituzionale

Antonio Baldassarre, Presidente emerito della Corte Costituzionale

Alessandro Pace, Presidente dell’Associazione Italiana dei Costituzionalisti, Professore ordinario di diritto costituzionale, FacoltĂ  di Giurisprudenza, UniversitĂ  degli Studi di Roma “La Sapienza”

Alfonso Celotto, Professore ordinario di diritto costituzionale, FacoltĂ  di Giurisprudenza, UniversitĂ  di Roma Tre

Paolo Armaroli, Professore ordinario di diritto pubblico comparato, FacoltĂ  di Scienze Politiche, UniversitĂ  di Genova

Raffaele Bifulco, Professore ordinario di Istituzioni di diritto pubblico FacoltĂ  di Giurisprudenza, UniversitĂ  degli studi di Napoli “Parthenope”

Augusto Cerri, Professore ordinario di diritto costituzionale, FacoltĂ  di Giurisprudenza, UniversitĂ  degli Studi di Roma “La Sapienza”

Sergio Lariccia, Professore ordinario di diritto amministrativo, FacoltĂ  di Scienze Politiche, UniversitĂ  degli Studi di Roma “La Sapienza”
Franco Modugno, Professore ordinario di diritto costituzionale, FacoltĂ  di Giurisprudenza, UniversitĂ  degli Studi di Roma “La Sapienza”
Giampaolo Parodi, Professore ordinario di Diritto pubblico comparato, FacoltĂ  di Giurisprudenza, UniversitĂ  di Pavia

Mario Patrono, Professore ordinario di diritto pubblico, FacoltĂ  di Sociologia, UniversitĂ  degli Studi di Roma “La Sapienza”


il caso degli 8 senatori eletti (2006) ed estromessi dal Senato: UN DOSSIER


IN PRIMO PIANO







  stampa questa pagina invia questa pagina per mail