Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
gio 22 feb. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Emma Bonino commissario UE
Bonino Emma - 25 gennaio 1995
EMMA BONINO, COMMISSARIA EUROPEA: "PER PRIMA COSA MI RECHERO' IN EX-YUGOSLAVIA, NON PER UNA MISSIONE SIMBOLICA MA PER DARE DEL MIO MANDATO UNA TESTIMONIANZA DI IMPEGNO".

COMUNICATO STAMPA

Bruxelles, 25 gennaio 1995

"La decisione di recarmi in ex-Yugoslavia, qualche giorno soltanto dopo la nomina formale a Commissaria responsabile degli aiuti umanitari, fa seguito ad un impegno preso dinanzi al Parlamento Europeo durante le audizioni.

Ma non si tratta di una missione simbolica - anche se i simboli contano quando si tratta dell'immagine dell'Europa.

La ex-Yugoslavia è attualmente (assieme alla regione del Rwanda-Burundi) il principale destinatario dei flussi finanziari canalizzati dell'Ufficio per gli Aiuti Umanitari della Commissione ("ECHO") sotto forma di aiuti umanitari: circa 270 Milioni di ECU (oltre 540 Miliardi di lire) per il 1994, su un totale di 764 Milioni di ECU.

A fronte di questo contributo sostanziale di solidarietà dell'Unione Europea per le popolazioni che soffrono a causa dei conflitti in corso, mi è sembrato indispensabile dare sin dall'inizio del mio mandato una testimonianza di impegno. La mia missione avrà dunque un triplice scopo:

- dare visibilità politica a questo sforzo in una regione così vicina all'"Europa che prospera", affinché i nostri cittadini/contribuenti sappiano che l'Europa serve anche a questo, e che sono partecipi di questa azione di solidarietà;

- sostenere di persona gli sforzi di tutti gli operatori umanitari sul terreno (comunitari e non), che lavorano con dedizione in condizioni improbe;

- verificare di persona l'efficacia all'azione svolta, e valutarne - se del caso - i limiti, per riflettere su possibili sinergie da promuovere (nel corso del mio mandato) con le attività di prevenzione dei conflitti o di riabilitazione post-crisi.

Queste tre preoccupazioni costituiranno il filo conduttore di tutte le mie future missioni (a cominciare del Rwanda/Burundi).

 
Argomenti correlati:
commissario
unione europea
echo
diritti umani
missione
rwanda
stampa questo documento invia questa pagina per mail