Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 03 mar. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Emma Bonino commissario UE
Il Corsera - 5 giugno 1995
L'UNIONE EUROPEA SPOSA LA "CAUSA". AIUTI E CONTRATTI IN CAMBIO DI RIFORME.
di M.Na. (Massimo Nava)

IL CORRIERE DELLA SERA

dal nostro inviato.

________

SOMMARIO. L'inviato speciale del "Corriere della Sera", giunto a Cuba al seguito della Commissaria europea Emma Bonino, informa sulle complesse iniziative che stanno portando l'Europa ad avviare contatti e collaborazione con Cuba e Fidel castro, in cambio di riforme sia sociali che politiche. Indica i progressi raggiunti, segnala la presenza di nuovi leader politici ai quali è affidato il compito della transizione, anche per evitare che Cuba divenga una seconda Panama.

L'AVANA - In pochi mesi, il cambio parallelo del peso è sceso da 130 a 35 per un dollaro, sono stati aperti 90 negozi dove tutti possono fare acquisti in valuta, 185 imprese di 28 Paesi hanno firmato accordi commerciali e produttivi in vari settori, dalle miniere allo sfruttamento turistico e immobiliare, banche e società finanziarie internazionali piazzano i loro uffici a Cuba. Molti uomini di affari preparano il terreno per quello che sarà uno dei bocconi più ambiti: la ricostruzione e lo sfruttamento edilizio dell'Avana. Proprio in queste settimane, molte voci sulla stampa USA si sono schierate contro l'embargo.

L'Unione Europea ha sposato la causa cubana, facendo pressione sul Congresso americano che si appresta a discutere una legge ancora più restrittiva dell'embargo e inviando consistenti aiuti umanitari con la missione di Emma Bonino, che ha incontrato Castro e numerosi esponenti del governo. Con latte in polvere e medicinali, si è di fatto detto che le porte dell'Europa sono aperte, soprattutto se si velocizzeranno le riforme sociali e politiche. »Non potendo ancora aprire i mari - scherza Ernesto Melendez, ministro per gli Investimenti stranieri - abbiamo aperto i cieli: almeno un collegamento al giorno con Europa e Canada . L'establishment non vede il rischio che Cuba torni ad essere una colonia, soprattutto se si avvereranno le previsioni di un milione di turisti all'anno e di 150 mila nuove camere d'albergo: »Non saremo mai Panama .

La speranza è che l'apertura economica sia accompagnata dalla liberalizzazione politica. I segnali sono contrastanti:la critica è libera e a volte pesante ma la stampa resta grigia e ossequiente, le organizzazioni internazionali denunciano casi numerosi di detenuti politici, ma i cubani - la metà dei quali nati dopo la rivoluzione - assistono all'ascesa di nuovi dirigenti, più giovani e più aperti. Uno di essi è la mente della primavera cubana: Carlos Lage, medico di 42 anni, segretario del consiglio dei ministri, è da molti considerato il delfino di Castro. Sembra uscito da un campus americano, fa una difesa d'ufficio della »democrazia cubana, ammette gli errori e spiega la ricetta: »La ridistribuzione delle terre, l'autonomía delle imprese, l'iniziativa privata, i tagli all'apparato statale, le joint venture con possibilità di riesportazione dei profitti: tutte queste misure stanno avendo un impatto enorme sulla società cubana . E', in sintesi, la ricetta cinese e vietnamita. »Ma noi vogliamo avviare a

nche riforme politiche .

 
Argomenti correlati:
commissario
unione europea
missione
cuba
riforme
stampa
melendez ernesto
nava massimo
stampa questo documento invia questa pagina per mail