Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mer 22 mar. 2023
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Emma Bonino commissario UE
Agenzia Ansa - 7 luglio 1995
UE: CONSUMATORI, BONINO A BUDAPEST INDICA STRATEGIA PER EST

di maria laura franciosi (inviata)

7 luglio 1995

ANSA

________

SOMMARIO. Intervenendo ad un incontro tra la Commissione Ue, l'Università di Lovanio e il Ministero dell'Industria ungherese, Emma Bonino sottolinea la novità della strada assunta dai Paesi dell'Est, come strategia di pre-adesione all'Ue, in materia di diritti dei consumatori. Sul libro bianco dedicato alla armonizzazione delle legislazioni dei paesi in qwuestione, nei diversi capitoli c'è sempre una sezione sui diritti dei consumatori. In particolare è l'Ungheria a porsi all'avanguardia su questo percorso.

budapest - la strada verso una cultura completamente nuova dei consumatori nei paesi del centro ed est europeo che si aprono ad una economia di mercato dopo anni di dirigismo è stata indicata oggi dal commissario europeo emma bonino, intervenuta alla prima conferenza paneuropea per la difesa dei consumatori, apertasi oggi al parlamento di budapest.

"questa nuova cultura", ha spiegato bonino, rientra nella strategia di pre-adesione all'unione europea da parte dei paesi dell'est d'europa. lo dimostra il fatto che nel 'libro bianco' sull'armonizzazione delle legislazioni di tali paesi, approvato due settimane fa dai capi di stato e di governo europei al vertice di cannes, "tutti i 23 capitoli dedicati agli spazi da armonizzare comprendono una sezione relativa al diritto dei consumatori".

solo con una forte spinta dei cittadini, con il loro coinvolgimento a difendere i propri diritti come utenti e consumatori, ha detto bonino, sarà possibile passare ad una vera politica dei consumatori, in una economia aperta alla competitività che garantisca libertà di movimento di beni, servizi e capitali. "il passaggio dell'europa centro-orientale ad una economia di mercato - ha detto bonino - non sarà completo se non verrà sostenuto da una valida politica mirante a proteggere i consumatori".

in questa ottica rientra l'incontro odierno organizzato dalla commissione ue con l'università di lovanio e il ministero dell'industria ungherese. esso servirà a fare un bilancio del funzionamento dei progetti pilota per armonizzare il diritto dei consumatori, nati nel 1994 nell'ambito del programma 'phare' per assistere i governi a formulare e adottare una adeguata legislazione nel settore e per aiutare la nascita di organizzazioni indipendenti di consumatori. già oltre metà degli 11 paesi 'phare', ha detto bonino, ha approvato leggi in tal senso mentre gli altri si apprestano a farlo.

l'ungheria si è particolarmente distinta per la sua solerzia sulla via dell'armonizzazione legislativa, "un vero esempio - ha detto bonino - per alcuni paesi europei che, invece, non sono ancora riusciti a darsi leggi in grado di tutelare i propri consumatori e utenti di servizi, difendendoli dalla pubblicità menzognera". conclusa questa prima fase, l'ue si è detta disposta a dare un forte contributo ad una capillare campagna di informazione dei consumatori.

l'ungheria ha inoltre colto l'occasione, ha poi detto bonino in un incontro da lei avuto oggi con il segretario di stato per le relazioni estere, per "avanzare una richiesta abbastanza forte di essere coinvolta, almeno a livello consultivo, nella conferenza di revisione del 1996".

 
Argomenti correlati:
commissario
unione europea
lovanio
ansa
budapest
est
parlamento ungherese
stampa questo documento invia questa pagina per mail