Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
sab 20 apr. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Lista Pannella Riformatori
Martini Fabio, Pannella Marco - 18 gennaio 1995
SILVIO, STAI CALMO »L'importante è ottenere il voto a giugno
di Fabio Martini

(intervista a Marco Pannella)

SOMMARIO: Pungente e articolata analisi della situazione politica in un momento di massima scollatura tra Berlusconi e Scalfaro, sulla questione della data delle elezioni. Pannella critica l'atteggiamento assunto da Forza Italia e dal Polo, ma anche Scalfaro per una certa "mancanza di cultura" nel giudicare e valutare quanto è accaduto in Italia dopo il voto del 27 marzo.

(LA STAMPA, 18 gennaio 1995)

ROMA A Marco Pannella non piace la linea dura scelta dal Polo e racconta che quasi ce l'aveva fatta a convincere Silvio Berlusconi:

»Da tre giorni Berlusconi sta cercando di capire, di ragionare e due giorni fa, in un vertice di maggioranza, mi sono trovato 20 contro uno a consigliare prudenza. Berlusconi ha ascoltato me a ha ritelefonato a Dini, a Scalfaro...

E invece il patatrac, come mai?

»Per una ragione semplice: alla fine quelli del Polo si sono sentiti traditi umanamente...

Umanamente? E da chi?

»Da Scalfaro. Dieci giorni fa Berlusconi e Letta sono tornati dal Quirinale convintissimi di aver ascoltato Scalfaro che dava loro la parola d'onore sulle elezioni per l'11 giugno. E lo erano perché, dopo essersi impegnato davanti a Berlusconi, Scalfaro ha ripetuto la promessa davanti a Gifuni e a Letta che erano sopraggiunti: ve lo ripeto davanti ad altre due persone...

Ammesso che tutto sia andato così, questo che vuol dire, che Berlusconi è un ingenuo?

»Vuol dire che io capisco la reazione umana di chi non è allenato ad avere un riflesso politico."

Eppure, il no senza appello a Dini non convince Marco Pannella, vero?

»Ho consigliato fino all'ultimo di non scegliere in modo assoluto e ultimativo una posizione di rottura

E visto che Berlusconi e Fini hanno scelto la strada dello scontro, il dissenso di Pannella può portare a rompere col suo amico Berlusconi?

»Non è la prima volta che io dissento dal governo, anche se La Stampa e altri giornali lo hanno censurato. Ma io non rompo per un dissenso tattico...

Questo vuol dire che i Riformatori di Pannella mai e poi mai voteranno a favore del governo Dini?

»No, affatto. E che ne so io cosa succede domani, dopodomani? Il problema è capire, capire, capire, intervenire, intervenire, intervenire...In politica non ci sono i giuramenti, neanche quelli pronunciati stasera

Pannella incerto se votare un governo di tecnici, non è sorprendente?

»Io Dini l'ho sostenuto contro Mastella e contro i sindacati. E noi riformatori abbiamo votato contro la legge finanziaria, dopo che era stata stravolta...

Ma ora Dini non è più ministro, è capo di un governo tecnico.

»Questo è un governo di primissima Repubblica. Brancaccio e Corcione hanno collaborato, riscuotendo la fiducia di Andreotti e degli altri del Caf. Questo governo è contro tutta la tradizione liberale, da Croce ad Einaudi. Ma noi non siamo dogmatici e diciamo che questo governo può andare bene se non va oltre la primavera. Ma se va oltre diventa a-costituzionale

Fini dice che se Dini cade il Parlamento, Scalfaro si deve dimettere. D'accordo?

»Ma queste sono tesi politiche non costituzionali. Comprendo il riflesso di Fini, ma ritengo che il nostro riflesso sia più costruttivo. La mia critica a Scalfaro è infinitamente più grave, perchè fatta senza antipatia e fatta con la stessa cultura giuridica e parlamentare di Scalfaro

E detto dall'amico Pannella, dal grande elettore Pannella, qual'è stato il più grande errore di Scalfaro?

»Direi che l'analisi culturale di Scalfaro è stata carente. Einaudi riteneva che l'elemento differenziante il sistema anglosassone fosse il rapporto di base tra eletto ed elettori. Umberto Bossi è stato eletto per l'ottanta per cento con voti di persone che sono contro di lui. Di questo Scalfaro non si è fatto carico e allora dico che l'errrore di un grande Presidente è un grande errore .

 
Argomenti correlati:
intervista
berlusconi silvio
dini lamberto
governo
stampa questo documento invia questa pagina per mail