Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
sab 25 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Lista Pannella Riformatori
Pannella Marco - 4 marzo 1995
LE RISERVE DEI RIFORMATORI
MOVIMENTO DEI CLUB PANNELLA

4 Marzo 95

Dichiarazione di M. Pannella.

SOMMARIO. Mentre il Polo, in una riunione con Berlusconi, Ferrara, Fini e Letta, decide di passare all'opposizione e di votare contro il governo Dini, Marco Pannella indica quali sono i veri errori che il governo sta commettendo, e cioè la realizzazione di una "par condicio" tendenzialmente "bulgara", tutta a vantaggio dei "progressisti", il reiterarsi dei tentativi per derubare i cittadini del diritto ai referendum, i tentativi di imbavagliare Radio Radicale.

LE RISERVE DEI RIFORMATORI: ANCHE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, OLTRE CHE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, STIANO ATTENTI NON SOLAMENTE AGLI ERRORI DEL POLO, MA AI NON-ERRORI INTOLLERANTI, STALINISTI, ANTICOSTITUZIONALI E ANTIDEMOCRATICI DEI SUOI AVVERSARI. BASTA L'ONESTA' INTELLETTUALE PER ESIGERLO.

" Il Presidente del Consiglio ha dichiarato, al Senato, che intende entro il 15 marzo proporre la soluzione della riforma delle pensioni, situandosi in continuità con il Governo Berlusconi per quanto riguarda la concertazione con il sindacato e le cosidette forze sociali. Ce ne rammarichiamo ma non possiamo non riconoscere che un Governo provvisiorio e di tecnici non puo' certamente decidere di affrontare lo scontro sociale e politico che, in Italia, potrà consentire una vera riforma liberale, liberista e libertaria anche in questo fondamentale settore economico e sociale. Ci auguriamo che il Presidente del Consiglio non si faccia coinvolgere nella prospettiva opposta, quella di un accordo a qualsiasi costo con la cosidetta sinistra e con l'apparato parastatale del sindacato.

Dove la situazione é allarmante, a livello di governo, é su due altri punti:

1. realizzare la "par condicio" significa rivedere in senso liberale e antibulgaro, o antiprogressista, la legislazione esistente, votata sotto il ricatto e il terrore dal precedente Parlamento, e rimuovere le cosche e le baronie della fazione che ha imperato nel settore radiotelevisivo pubblico. La semplice onestà intellettuale - lo dichiamo con franchezza anche al Presidente della repubblica - esige di riconoscere che se la destra ed il centro del Polo potessero disporre di telegiornali e di contenitori, di anchorman anche lontanamente faziosi quanto il TG3, Tempo Reale, gli spazi della rete TG1, la politica italiana sarebbe stravolta, e l'informazione, quale diritto-dovere per i cittadini, del tutto e di nuovo negata. Diciamo a chi di dovere che in tempi anche recenti - di fronte a documentazioni inoppugnabili, e a risposte nonviolente e democratiche - purtroppo si ritenne che le massime autorità dello Stato non potevano che dolersi quasi privatamente con i violatori delle leggi e gli attentatori ai diri

tti civili e politici dei cittadini. Oggi si legittima il sospetto di una evocazione della "par condicio" a favore degli stessi. E' troppo.

2. il proseguirsi all'interno del Governo - e nelle trattative con sindacati e dintorni - di tendenze a derubare, d'intesa con la nuova maggioranza parlamentare, i cittadini dei referendum sul sindacato.

3. l'imbavagliamento del solo "organo di partito" Riformatore, che la dice lunga sul carattere violentemente, stalinisticamente intollerante dei moralisti restauratori della partitocrazia; tentativo che sembra trovare il Governo...distratto.

Il Movimento dei Club Pannella-Riformatori ribadisce il suo dissenso sulla scelta del Polo di non investire con una forte iniziativa e lotta politica il Parlamento per indurlo a delegare al Governo la riforma delle pensioni, e le conseguenze che intende trarne.

Cio' detto rileva il carattere sempre più intollerante, protervo, violento che l'informazione progressista assume, a cominciare dall'"Unita'" che - sotto la cipria "liberal" - e' oggi una perfetta riedizione dell'"Unità" degli anni del frontismo togliattiano e stalinista, con la stessa nebulosa "intellettuale" di complicita' di allora. Solo che, oggi, trovare un Vittorini sembra sempre più difficile.

 
Argomenti correlati:
pannella marco
dini lamberto
elezioni
rai
fini gianfranco
ferrara giuliano
referendum
stampa questo documento invia questa pagina per mail