Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 26 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Lista Pannella Riformatori
Meli Maria Teresa, Pannella Marco - 6 marzo 1995
PANNELLA: MI FIDO DI DINI
SILVIO E' SOLO ESASPERATO

di Maria Teresa Meli

SOMMARIO. [Intervista]. Pannella chiarisce il significato di recenti sue prese di posizione e di distinguo dal resto del Polo sul comportamento da tenere in Parlamento con il governo Dini. Dichoara di comprendere l'esasperazione umana di Berlusconi, ma di ritenere più utile muovere un passo dietro l'altro per impedire che Dini cada nelle mani dei progressisti. Accusa Prodi di voler "irizzare" anche se stesso, e si dichiara perplesso di fronte a certe esternazioni scalfariane. Nessuna volontà comunque, nei riformatori, di abbandonare Berlusconi, anche se a certe condizioni essi potrebbero dare vita ad un "terzo polo".

(LA STAMPA, 6 marzo 1995)

ROMA - "Votare contro la manovra significa tagliarsi i c...Questa è disperazione, non è politica. Eravamo riusciti a spaccare pure il sindacato, e ora invece consegnamo Dini nelle mani di D'Alema". E' un sabato mattina a tinte fosche, questo, per Marco Pannella: è infuriato con i suoi colleghi del Polo. Nel pomeriggio, il leader radicale è più calmo, ma non per questo meno determinato a dissuadere Silvio Berlusconi.

D. Onorevole Pannella, perché lei si fida di Dini, mentre il Cavaliere sospetta di lui?

"Secondo me, fino a prova contraria Dini è una persona assolutamente leale: l'ho sentito con le mie orecchie dire che è intenzionato a dare dimissioni irrevocabili una volta mandata in porto la riforma delle pensioni. E sottolineo irrevocabili, 110 volte. E poi l'ho sentito al Senato mentre spiegava che avrebbe presentato quel provvedimento entro il 15 marzo. Ma non lo si è voluto ascoltare con attenzione.

Non si è voluto tentare di andare avanti nella direzione giusta, seppur di qualche millimetro, ora dopo ora. Invece sono mesi che continuiamo a volere tutto e subito ottenendo...niente".

D. Ma secondo lei, perché il Cavaliere ha preso questa decisione da ultima spiaggia?

"Io credo che lui sia umanamente e comprensibilmente esasperato. Berlusconi non ha vissuto come noi, per 30-40 anni, la ferocia mortificante e desolante della politica dei partiti italiani. E poi faccio un esempio: il primo comunista italiano giunto al governo nel nostro Paese, restando totalmente fedele alla sua visione disperata della politica e alla disperata fede nel potere, Giuliano Ferrara, tenta di funzionare così come altri da ispiratore-esecutore delle quotidiane scelte del principe. E temo che Ferrara, un'altra volta - ci fu anche quella di Craxi - stia dando una mano alla disgrazia di chi pur sinceramente vuol servire".

D. Anche Fini, all'assemblea di An, ha sparato a zero contro Dini e la sua manovra.

"Sì, e mi sgomenta non poco questo suo calzare gli stivaloni forattiniani: sembra il ventriloquo del proprio passato".

D. E adesso lei cercherà di far cambiare idea a Berlusconi?

"Dialogherò con lui da mane a sera, e nutro grande fiducia

nella possibilità di intendermi con lui".

D. Quindi lei non ha "tradito" Berlusconi.

"Veramente l'ho sentito anche oggi, perché il 13 marzo presenteremo insieme la candidatura di Giovanni Negri a Padova. Sa, Berlusconi già con la scelta di Emma Bonino per Bruxelles dimostrò di voler sdoganare quella storia radicale che, molto di più di quella postfascista, il regime intende soffocare. Già, i dissensi pur gravi che ogni tanto abbiamo sono nulla rispetto allo sgomento che provo di fronte alle migliori manifestazioni dell'etnia progressista".

D. Ossia?

"Mi riferisco, per esempio, a quel Prodi che a furia di "irizzare" ha "irizzato" anche se stesso".

D. Tornando ad uno degli "oggetti" del contendere, le pensioni: c'è chi sostiene che un governo dei tecnici non dovrebbe contrattare la manovra con i sindacati.

"La cosa ha dell'incredibile: un governo provvisorio di soli tecnici dovrebbe avere la capacità di fare quello che l'esecutivo Berlusconi non è riuscito a fare. E' evidente che Dini può tentare solo di fare la più decorosa delle riformette. E' chiaro che invece le grandi riforme sono il frutto di drammatici conflitti sociali e politici. Ma qui in Italia sono in molti ad essere prigionieri dell'ideologia del "consenso sociale", che purtroppo sembra essere divenuto un dogma da Costituzione materiale anche per chi è l'aedo di quella Costituzione scritta che nella pratica attuale continua ad essere un vero e proprio colabrodo".

D. A proposito della Costituzione, come giudica l'atteggiamento di Scalfaro, che è stato criticato dal Polo?

"Mi sembra che ci sia il rischio di una riproposizione degli atteggiamenti del grande Pertini e di Cossiga, e non proprio per il meglio di quello che hanno rappresentato".

D. Un'ultima domanda: secondo lei tutti i deputati riformatori la seguiranno e voteranno sì alla manovra?

"Mi sembra che i deputati da noi eletti condividano questa impostazione. Ciò non significa che vogliamo tradire Berlusconi, anche se, a determinate condizioni, potremmo decidere di formare un terzo polo riformatore, dove potrebbero confluire anche alcuni progressisti".

 
Argomenti correlati:
pannella marco
dini lamberto
elezioni
negri giovanni
prodi romano
stampa questo documento invia questa pagina per mail