Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 24 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Lista Pannella Riformatori
Pannella Marco - 24 marzo 1995
PANNELLA: MI PREPARO ALLA PIU DURA DELLE RISPOSTE DI QUESTI DECENNI. "ANCHE NEI PERIODI PIU' BUI DEL REGIME PARTITOCRATICO V'ERA PIU' LIBERTA' O MENO VIOLENZA ANTIDEMOCRATICA: QUESTA STORIA DELLA 'PAR CONDICIO' DISONORA CHI COSI' LA FA VIVERE..."

24 marzo 1995 (dichiarazione)

SOMMARIO: Deplora che la prossima campagna elettorale per le regionali debba essere condotta con norme capestro sull'informazione, i cui tempi "sono ridotti a zero per la maggior parte degli italiani". E' la conseguenza di una ideologia illiberale, "che soffoca la civiltà stessa dello scontro" e del dialogo. Annuncia dure iniziative di protesta.

APPELLO ALLE TELEVISIONI PRIVATE, ALLA FININVEST, ALLA RAI-TV. APPELLO AI NONVIOLENTI, AI LAICI, AI LIBERTARI, AI MILITANTI.

»Anche negli anni più bui del monopolio RAI-TV v'era più spazio per il dibattito, per la lotta elettorale e civile. Magari di notte, quasi clandestini, si passava ovunque; in condizioni assolutamente impari, ma si passava.

Oggi la campagna elettorale è sostanzialmente vietata, sia attivamente che passivamente. I tempi di informazione politica e dei dibattiti sono ridotti a zero per la maggior parte degli italiani.

Si è giunti perfino a impedire per legge ogni attività di "poteri dello Stato" quali sono i Comitati per i referendum. Qui non si fa politica e non si fanno informazioni e dibattiti: qui si obbedisce e si fallisce.

Nessun calcolo politico, se non di pochi: ma ideologia profondamente illiberale, antiliberale, antidemocratica, che soffoca la civiltà stessa dello scontro e della convivenza. Questo è il potere progressista, perbenista, conformista, che uccide ogni alternativa di libertà e di democrazia.

Con una sola, illustre eccezione, la stampa italiana - "quella grande", da Torino a Roma, da Ivrea a Catania - rende l'omaggio ipocrita alla verità con i suoi editoriali (sempre meno) e la uccide nel resto delle sue pagine, dei suoi titoli, delle sue cronache.

Tutto questo produce la "sottomissione" di chi è "liberale" o contraddizione di complemento a tutto e tutti (comunisti, fascisti, clericali, militari e partitocrati) o, con recente atto di contrizione, al potere progressista, statalista e dintorni. Il Presidente Scalfaro rischia - e lo scongiuriamo di rendersene conto - di essere il Presidente di fatto di questa storia e di questa costituzione di fatto, di questo regime ultradecennale, più di quanto alcun suo predecessore lo sia stato.

Cosi' si va indietro, a passi di gigante, verso il peggio della nostra storia. Pronubo e gran sacerdote Michele Santoro, Fini e D'Alema convengono per elezioni a ottobre: riforma francese o tedesca, ma non "americana"; FININVEST e grande editore di regime, il consociativo post-comunista Veltroni, registrano l'atto di sottomissione della prima al secondo...

Mi preparo, allora, alla più dura delle risposte.

 
Argomenti correlati:
dichiarazione
par condicio
referendum
regioni
scalfaro oscar luigi
stampa questo documento invia questa pagina per mail