Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 15 apr. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Lista Pannella Riformatori
Calderisi Giuseppe - 4 aprile 1995
REFERENDUM SULLE TRATTENUTE AUTOMATICHE PER I SINDACATI. NO ALLA LEGGE TRUFFA ANCHE DOPO LE REGIONALI. IL TESTO NON SUPERA IL REFERENDUM E NON PUO' IMPEDIRE IL VOTO POPOLARE
di Peppino Calderisi (dichiarazione)

4 aprile 1995

SOMMARIO. Dura presa di posizione per denunciare il tentativo in corso in Parlamento di aggirare e vanificare uno dei referendum promossi dalla Lista pannella-Riformatori, quello relativo alle trattenute sindacali.

"Grazie ai 3000 emendamenti presentati al Senato dal Polo, è stato per ora bloccato il tentativo di approvare una legge truffa sulle trattenute automatiche per sindacati.

Il testo del disegno di legge rappresenta una vera e propria frode contro il diritto al referendum. Il contenuto del quesito non viene infatti minimamente accolto, ma solo aggirato ed eluso. Lo scopo del referendum, come ha riconosciuto la Corte Costituzionale, è quello di abrogare la norma di legge che stabilisce che i contratti devono disciplinare la materia delle trattenute al fine di lasciare all'autonomia privata la materia. Il testo Smuraglia, invece, continua a prevedere questo obbligo contrattuale e non supera pertanto il referendum. Sarebbe impossibile per la Corte di Cassazione, in base alla giurisprudenza fissata dalla Consulta, dichiarare la cessazione del voto referendario previsto per l'11 giugno.

Ma il tentativo parlamentare di scippare il referendum a campagna elettorale iniziata, rendendo incerta l'esistenza del referendum, raggiungerebbe comunque lo scopo di creare grande confusione e di impedire di fatto la campagna elettorale.

Per questo è necessario che il Polo si impegni al massimo delle forze per impedire che anche un solo ramo del Parlamento approvi questa legge truffa.

Di tutto questo investiremo anche il Capo dello Stato nell'incontro di venerdì 7 aprile, ricordandogli le sue precedenti prese di posizione a favore del diritto dei cittadini a pronunciarsi sui quesiti referendari."

 
Argomenti correlati:
dichiarazione
trattenute sindacali
stampa questo documento invia questa pagina per mail