Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 12 lug. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Lista Pannella Riformatori
Paracchini Gian Luigi, Pannella Marco - 20 aprile 1995
PANNELLA: BASTA CON I CLIENTELISMI
di Gian Luigi Paracchini

SOMMARIO: [Intervista] Pannella spiega le ragioni della sua candidatura a Presidente della regione Lombardia, e i suoi intendimenti in caso di elezione: il problema della Lombardia, dice in sostanza, è di mantenere fede alla sua straordinaria vocazione europea, avallata da figure come quella del Cattaneo, di Bertani e di Cavallotti.

(CORRIERE DELLA SERA, 20 aprile 1995)

"Che cosa serve alla Lombardia? Un cambiamento radicale che puo' venire soltanto da Roma: la profonda riforma delle istituzioni e della politica. Chiudiamo partiti e partitini e lasciamone due, tre al massimo. Come gli americani: chi vince governa e si prende tutto. Se fallirà toccherà all'opposizione. In questo modo cancelleremmo il clientelismo. Se avessimo avuto un sistema del genere avremmo evitato lo scandalo della spartizione sanitaria."

E' un Pannella in forma e iperattivo quello che sta affrontando le ultime ore di propaganda elettorale come leader della Lista Pannella-Riformatori. Dice di avere qualche anno di sonno arretrato da smaltire, ma non ha rimpianti di questo tipo. I dolori vengono dai risultati di un sondaggio secondo cui soltanto il 20 per cento degli elettori lombardi saprebbe che lui è candidato alla presidenza del Pirellone. "E questo - dice avvampando - dimostra come il sottoscritto e la lista dei Riformatori siano vittime di disinformazione e discriminazione sistematica sia in tv che sulla stampa"

- Pannella, poi dicono che è un teorico del lamento...

"E' tutto scritto, non soffro di manie di persecuzione. Da Santoro, tanto per fare un esempio, sono andato l'ultima volta nel '93"

- Perché questa corsa alle amministrative?

" E' un'occasione ghiotta. Questa regione, per capacita' e risorse, si mangia almeno 4 o 5 Stati della Comunita' europea: e' un osservatorio europeo straordinario".

- Ma il suo non è un esordio assoluto.

"Infatti. Un paio di anni fa sono stato eletto nel consiglio circoscrizionale di Ostia. Ci sono rimasto cento giorni ma sono bastati per buttare giù con le ruspe alcune costruzioni abusive."

- Come mai una corsa proprio in Lombardia?

"Ho già detto della sua grande importanza. E poi qui mi trovo bene, sento delle affinità. Nella finanza adesso va tanto di moda il nome di Cuccia, ma io preferisco ricordare quello di Mattioli, banchiere illuminato: era abruzzese come me. Per meta' poi sono svizzero, ecco perché mi sento come a casa mia. Nel dna lombardo c'è il radicalismo di Cavallotti e Bertani e il seme liberalfederalista."

- Ci dica la prima cosa che farebbe se fosse eletto.

" Sembra paradossale ma mi prenderei tre mesi di riflessione. Passerei le giornate a incontrare i procuratori generali, poi quelli della Repubblica, le autorità militari e le forze sociali, perché se anche detesto le categorie-corporazioni sarebbe l'unico modo per avere un confronto diretto con chi ha responsabilità. E studierei tutti i modi per rendere veloce ed efficente la macchina amministrativa."

- Ma lei crede nel ruolo della Regione?

"Sì, perché credo fermamente nel federalismo e nell'Europa e la Regione è un passe-partout per l'Europa federalista."

- Che cosa risponde a chi accusa la sua lista di Riformatori di essere una ruota di scorta di Berlusconi?

"Non sono mai stato una ruota di scorta nella mia vita per un semplice motivo: ho caratteristiche diverse. Diciamo che sarei pronto ad allearmi con Berlusconi e non con il Polo, a elezioni avvenute. Ma molte delle mie proposte e idee sono le stesse che qualche anno fa piacevano tanto alle sinistre. Altro che ruota di scorta: io so governare le situazioni difficili."

- Un suo slogan?

"Ho idee chiare su un possibile nuovo per evitare un probabile disastroso".

- Provi a convincere un elettore indeciso. Perché dovrebbe votarla?

"Ho la credibilita', la determinazione per fare fuori le cosche politiche, produttive, sindacali e parassitarie. Sono forte della povertà di appoggi esterni: il che garantisce la mia libertà, la mia indipendenza assoluta. Sono dalla parte di Cattaneo e del liberalfederalismo e contro il centrismo giacobino delle sinistre."

- Un giudizio sui suoi rivali Formigoni e Masi.

"Li rispetto. Hanno entrambi matrice cattolica e vengono dalla vecchia dc. Formigoni ha una vena aliberale che mi e' molto estranea. Masi invece mi fa sorridere perche' si e' travestito da sanculotto della rivoluzione".

 
Argomenti correlati:
corriere della sera
regione
formigoni roberto
cavallotti felice
stampa questo documento invia questa pagina per mail