Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 14 apr. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Lista Pannella Riformatori
Pannella Marco - 11 maggio 1995
A PROPOSITO DELLA RIUNIONE DELL'HILTON E DELLO SPETTACOLO PATETICO DEL POLO IN TEMA DI DIRITTI, DI LIBERTA', DI REGOLE E COSTUMI DEMOCRATICI E LEALI, SI RICORDA CHE IL MOVIMENTO DEI CLUB PANNELLA-RIFORMATORI HA I SUOI RESPONSABILI E LE SUE DECISIONI DA RISPETTARE, I SUOI MILITANTI E LA LORO OPERA ANCHE.
di Marco Pannella (dichiarazione, da Bruxelles)

11 Maggio 1995

SOMMARIO: Comunicato stampa ammonitore sui rischi di valorizzare comportamenti antagonisti rispetto a quella che è la linea del Movimento dei Club, come formata dai suoi organi. Sottolinea i rischi di voler assumere gratuitamente posizioni di facile "dissenso", solo per poter lucrare improbabili premi.

Vorrei semplicemente ricordare a tutti, sul piano del buon gusto e della serietà, civile e democratica, che il Movimento dei Club Pannella-Riformatori ha dei responsabili, una linea politica, degli obiettivi, una vita democratica e libertaria, e che chi ha l'onere e l'onere di rappresentarlo sono coloro che a ciò sono stati eletti.

Poi vi sono i suoi eletti in Parlamento, i quali hanno stessi diritti e stessi doveri di ogni altro militante, anche se - ovviamente - hanno privilegi e prerogative istituzionali che gli altri non hanno.

Ciascuno sa che, nella politica italiana, il "dissenso" premia molto più che l'opera militante, che il rispetto delle decisioni, degli orientamenti, delle responsabilità collettivamente assunti, specie quando questi vanno, secondo la tradizione radicale, contro conformismi, convenienze, subalternanze e marginalità, per affermare riforme, intransigenza e tolleranza.

E ciascuno sa, anche, che ben di rado i "premi" che, nell'immediato, altrimenti si riscuotono e sollecitano, fruttano a lungo, e assicurano stima da parte di chi premia quel che ritiene servigi.

Colgo l'occasione per rivolgere pubblicamente un saluto riconoscente e fiducioso alle centinaia e centinaia di militanti che - dopo anni di straordinario impegno e di incessante fatica - in queste ore sono mobilitati ovunque in Italia per assicurare il successo della nuova campagna referendaria, di quella in corso, degli obiettivi strategici e immediati del Movimento, primo fra essi quella del raddoppio dei Clubs Pannella e la nascita dell'Unione federalista dei Riformatori. Il loro lavoro resterà oscuro e censurato, anzichè premiato, finchè a destra, al centro, a sinistra prevarranno forze a vocazione e tradizione di regime.

Ma in tal modo faranno crescere anzichè consumare una storia e valori e obiettivi assolutamente singolari e alternativi al regime, liberali, liberisti, libertari, anche nei metodi.

 
Argomenti correlati:
referendum
stampa questo documento invia questa pagina per mail