Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 15 apr. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Lista Pannella Riformatori
Pannella Marco - 19 maggio 1995
DOPO AVER DOCUMENTATO ALLA MAGISTRATURA, AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, AL GARANTE IL SEMPRE PIU' RAFFINATO E VIOLENTO OSTRACISMO DEL QUALE SONO OGGETTO, DA ANNI...E PER ANNI, TOLGO IL DISTURBO.
19 Maggio 1995

di Marco Pannella (dichiarazione)

SOMMARIO. Nel pieno svolgimnento della campagna referendaria, Pannella mette in luce e denuncia le parzialità, i silenzi, le connivenze dell'informazione televisiva privata non meno che pubblica, e informa che non prenderà più parte ai dibattiti referendari, che non garantiscono la "par condicio".

"Ho da anni e per anni denunciato e documentato una crescente situazione di ostracismo politico da parte del sistema televisivo pubblico e, non da poco, da quello privato.

Questa situazione di ostracismo, anticostituzionale, illegale, che viola norme e regolamenti di ogni tipo, trova ormai negli spazi istituzionali della Commissione di Vigilanza non più che una foglia di fico per coprire la vergogna sostanziale di disinformazione e di sempre più sofisticato sistema di manipolazione della lotta politica e della tanto retoricamente evocata "par condicio".

Non intendo più coprire tale situazioni con proteste, denunce, documentazioni, richieste di interrompere la flagranza dei reati in corso di attuazione e di rafforzamento, del tutto inutili.

Ho quindi deciso di non accettare più di partecipare a nessun tipo di trasmissioni referendarie o elettorali che siano, in persistenza di tale stato di trionfante illegalità, coperta evidentemente da tutti, a cominciare dal Presidente della Repubblica, e da un ordine giudiziario che continua a sancire l'impunità della RAI-TV nel quadro delle alleanze di regime e di sistema fra le varie corporazioni e fazioni di potere, e che è volta ed atta a falsare per l'ennesima volta risultati elettorali o referendari, e i termini stessi della lotta politica in Italia. In primissima linea, oltre tutto, in questa impresa si trova l'insieme dei veri padroni del settore privato, cioè i suoi direttori e i suoi massimi comunicatori, della Fininvest, di Telekabul-Montecarlo, di "bulgari" bianchi, rossi, e del partito della pagnotta iper-miliardaria, uniti in trasversale comunità di opera con gli altri.

DOMANI SABATO 20 MAGGIO, ALLE ORE 12h15, PRESSO LA SALA STAMPA DI MONTECITORIO, TERRO' UNA CONFERENZA-STAMPA ALLA QUALE MI AUGURO CHE SIANO PRESENTI ANCHE RAPPRESENTANTI DEGLI UFFICI-STAMPA DELLA REPUBBLICA DI ROMA E DELLA STESSA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA, CHE IN TAL MODO E CHE CON TALE PUBBLICO ANNUNCIO INVITO AD UNA CORTESE PRESENZA. DOPO DI CHE, COME HO SUINDICATO, CESSERO' DI ACCETTARE DI SEDERMI AL TAVOLO RADIO-TELEVISIVO DEL SISTEMA TRIONFANTE DI BARI E DI COLLITORTI DEL PERBENISMO ISTITUZIONALE E CIVILE ITALIANO, FIN QUANDO NON SIANO GARANTITE E ATTUATE MISURE ADEGUATE DI RIPARAZIONE DEI DIRITTI VIOLATI DEI CITTADINI AD UNA INFORMAZIONE LEALE E LEGALE, E DI INTERRUZIONE DEL TRIONFANTE SISTEMA DI ILLEGALITA', DI RAPINA DEL VERO E DEL GIUSTO (MI PERDONI IL SIGNOR CAPO DELLO STATO SE UMILMENTE MI CIMENTO ANCHE IO CON QUESTI "VALORI").

 
Argomenti correlati:
rai
stampa questo documento invia questa pagina per mail