Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 22 lug. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Lista Pannella Riformatori
Pannella Marco - 11 giugno 1995
PER IL MOVIMENTO UN GRANDE SUCCESSO O UN TRIONFO POLITICO. IL PAESE PIU' MATURO DELLA SUA CLASSE DIRIGENTE. ALTERNATIVA RADICALE: E' LA SOLA CHE BERLUSCONI E I LIBERALI DELLA SINISTRA POSSONO ORA ADOTTARE.
11 giugno 1995

di Marco Pannella

SOMMARIO: Commento di felicitazione circa i risultati dei referendum del 12 giugno 1995: "il paese è più maturo della sua classe dirigente". Il Movimento raggiunge e supera il voto che si ebbe sul referendum per il finanziamento dei partiti. Tocca ora a Silvio Berlusconi raccogliere il significato del voto e riprendere il cammino della riforma liberale antipartitica.

"Come, e ancor più degli anni settanta, il paese è democraticamente più maturo della sua classe dirigente, è antropologicamente altro dal regime partitocratico. Apprezza i referendum tanto quanto la classe dirigente li odia, detesta e di fatto ignora, come dimostrano gli articoli di fondo per più prestigiosi direttori come Mieli e Mauro, o come le massime autorità dello Stato.

Il Movimento dei Club Pannella - Riformatori, nella peggiore delle ipotesi, raggiunge e supera il voto che, in analoghe circostanze di isolamento assoluto rispetto a tutta la partitocrazia, riportammo nel referendum sul finanziamento pubblico dei partiti e che costrinse il regime a offrire come capro espiatorio il Presidente Leone di fronte al successo dell'opposizione radicale.

Se si dovesse confermare anche il successo, anche numerico nei referendum sui Comuni e sulle trattenute sindacali, questo equivarrebbe ad un vero e proprio trionfo del nostro Movimento, delle sue opzioni di fondo per una radicale Riforma "americana" e uniturnista e per colpire il Sindacato antidemocratico, corporativo e illiberale di regime.

A questo punto, in primo luogo ma non solamente, Silvio Berlusconi, dovrà scegliere fra una alternativa radicalmente riformatrice, liberale, liberista e libertaria e il papocchio restauratore del regime DC, un appello diretto al paese sulla base delle nostre richieste. E, a sinistra, dovranno liberarsi le forze liberali che pure vi sono, e che non intendono oltre esser irregimentate e soffocate dalle pratiche trasformiste e corporativiste di Prodi e D'Alema.

 
Argomenti correlati:
risultati
stampa questo documento invia questa pagina per mail