Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 29 set. 2023
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Lista Pannella Riformatori
Pannella Marco - 14 luglio 1995
PANNELLA : BERLUSCONI E PRODI, DINI E SCALFARO SAPPIANO CHE ORMAI IL PRIMO PUNTO DI EVENTUALI INTESE E SOLIDARIETA' PASSA ATTRAVERSO LA "GUERRA" A....
14 luglio 1995

di Marco Pannella (dich., da Strasburgo)

SOMMARIO. Si ribadiscono i punti fermi della opposizione a Milosevic e al suo regime, e si ricorda come i governi Amato e Ciampi furono fermi nell'opporsi al riconoscimento di Milosevic come interlocutore. E' il primo punto di qualsiasi programma e progetto politico che possa coinvolgere il Movimento dei Club, e vale "nei confronti di tutti: di Berlusconi e di Prodi, per tacere di quel che di fatto ( sul piano costituzionale non di diritto) riguarda le responsabilità di questo 'Governo' e di questa Presidenza della Repubblica politica".

"Il regime di Belgrado è privo di riconoscimenti ufficiali e diplomatici, avendo violato ogni legalità, interna e internazionale. Nei suoi confronti l'Italia, da un anno a questa parte - come la gran parte degli altri Stati europei - ha esattamente la stessa posizione che nel 1938, a Monaco, Chamberlain e Daladier, ebbero nei confronti di Hitler e di Mussolini.

In nome della pace si riconobbe pari dignità e pienezza di interlocuzione, diritto al bottino ed all'impunità per i crimini commessi e in corso di compimento, a Berlino e Roma. Con quel che ne consegui.

Il Partito Radicale trasnanazionale e transpartito e, sul fronte italiano, in particolare noi del Movimento dei Club Pannella-Riformatori, avevamo ottenuto dai Governi Amato e Ciampi, che rispettarono gli accordi, una linea politica di concreta opposizione a Belgrado ed al riconoscimento di Milosevic come interlocutore, fin quando non avesse acquisito caratteri di piena sovranità legittimamente riconosciuta sul territorio serbo e montenegrino; oltre che di concreto sostegno al diritto ed ai diritti degli Stati e dei cittadini aggrediti dalla Serbia e dai suoi sicari.

Il problema di Serajevo e di tutta la gente civile nel mondo si risolve solamente se Belgrado sarà immediatamente considerata come la prima linea e il cuore stesso dall'impresa nazi-comunista che rischia di riproporsi non solamente nell'ex Iugoslavia ma come esempio nel mondo intero. L'oppressione del popolo serbo stesso; il genocidio culturale e civile in corso impunemente nel Kossovo; la corresponsabilità in particolare del mondo socialdemocratico dell'occidente, e di quello delle varie destre isolazioniste o scioviniste, l'abbandono da parte italiana della politica estera federalista europea e antitotalitaria vanno considerati e combattuti senza riserve ormai, con immediatezza, con tutte le armi della nonviolenza e della democrazia. E' questo il primo punto di qualsiasi programma e progetto politico che possa coinvolgerci. E vale nei confronti di tutti: di Berlusconi e di Prodi, per tacere di quel che di fatto ( sul piano costituzionale non di diritto) riguarda le responsabilità di questo "Governo" e di q

uesta Presidenza della Repubblica politica.

 
Argomenti correlati:
berlusconi silvio
milosevic slobodan
bosnia
scalfaro oscar luigi
stampa questo documento invia questa pagina per mail