Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 26 feb. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Lista Pannella Riformatori
Pannella Marco - 31 luglio 1995
LA RAI E IL CASO TORTORA
31 luglio 1995

di Marco Pannella

SOMMARIO. Lettera, inviata alla dirigenza Rai e alle autorità preposte, per denunciare la faziosità dell'informazione Rai nella rievocazione del caso Tortora

Alla Presidente della RAI-TV, Al Direttore Generale della RAI-TV, Ai Consiglieri d'Amministrazione, Ai Direttori di Rete e di Testate

e p.c.

Al Garante dell'Editoria, Al Presidente della Commissione di Vigilanza, Al Procuratore della Repubblica di Roma

Gentili Signora e Signori,

persiste e s'aggrava la palese, continua violazione di leggi, norme direttive e di deontologia professionale da parte della Concessionaria nei confronti dei non-graditi; in concreto e in realtà contro il diritto-dovere ad una informazione leale e legittima.

In particolare torno a ribadire l'ostracismo cui in particolare TG1 e TG3 e le Reti corrispondenti si dedicano nei confronti nostri e miei, fino alla censura accanita della stessa storia politica e civile italiana quando imporrebbe la informazione (almeno oggi!) su quel che ieri è stato censurato per esigenze e scelte di regime.

Segnalo - perché si dia seguito a questa mia segnalazione - il comportamento tenuto a proposito del riemergere del caso Tortora.

Quel "caso" fu un caso affrontato e risolto grazie alla azione politica e personale, parlamentare ed europea di Sciascia, mia, del Partito Radicale, di Enzo Tortora quale eletto e presidente del PR. Finchè restò mera vicenda "giudiziaria", affidata alla gestione giudiziaria e umana di avvocati e di amici o familiari, ci si trovò dinanzi ad un linciaggio immondo, feroce, di magistrati, di giornalisti, di camorristi, di interessati a una gigantesca manovra digressiva per impedire il normale corso della vicenda "Cirillo". Facemmo elezioni europee e referendum, a partire della disinformazione e dal linciaggio, situandoci all'interno della vicenda stessa. Fummo presenti anche come soggetti giudiziari.

Ebbene, la RAI-TV - il TG1 e il TG3 che furono i più feroci falsificatori, strumentalizzatori politici, torturatori di Tortora e della giustizia e della verità, - sono riusciti a censurare totalmente dalla vicenda e dalla revocazione noi e la verità storica e giudiziaria. Un miscuglio di malafede ideologica e di insipienze professionali ha prevalso. Ulteriore offesa, oltretutto, al nostro deputato europeo, al nostro Presidente, al nostro difeso, al paese. Ve ne chiedo conto, attendo giudizi e provvedimenti, in attesa di azioni doverose in altra sede.

Marco Pannella

 
Argomenti correlati:
tortora enzo
stampa questo documento invia questa pagina per mail