Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 21 apr. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio PE
Parlamento Europeo - 12 marzo 1992
PROTEZIONE DELLA FASCIA DI OZONO

Il Parlamento europeo,

- visto il regolamento (CEE) n. 594/91 del Consiglio del 4 marzo

1991 relativo a sostanze che riducono la fascia di ozono,

- vista la decisione del Consiglio sull'emendamento al Protocollo

di Montreal relativo alle sostanze che riducono la fascia di

ozono, adottato nel giugno 1990 a Londra dalle parti firmatarie

del Protocollo,

- visti i suoi pareri del 14 dicembre 1990 e dell'8 ottobre

1991 su questi due argomenti,

- vista la dichiarazione della Commissione, in data 19 febbraio

1992,

- visto l'articolo 41 del proprio regolamento,

A. considerando che i recenti rapporti della NASA basati su

ricognizioni via satellite indicano che le concentrazioni di

ossido di cloro (CLO) hanno raggiunto livelli estremamente

elevati nell'emisfero settentrionale, tanto che appare

probabile che fino al 40% della fascia di ozono su talune

zone settentrionali dell'Europa, della Russia, degli Stati

Uniti e del Canada si esaurirà verso la fine dell'inverno e

all'inizio della primavera,

1. invita il Consiglio a chiedere, sulla base di una proposta

che deve essere elaborata dalla Commissione, in occasione

della sesta riunione del gruppo di lavoro delle parti

firmatarie del Protocollo di Montreal che avrà luogo a

Nairobi (Kenya) dal 6 al 15 aprile 1992, una revisione del

suddetto Protocollo e a proporre una consistente

anticipazione dei programmi di riduzione;

2. ritiene che la Comunità europea, essendo uno dei maggiori

produttori internazionali di clorofluorocarburi, di altri

clorofluorocarburi completamente alogenati, di halon, di

tetracloruro di carbonio e di 1.1.1.-tricloroetano, debba

assumere un ruolo guida a livello mondiale nella questione

e proporre che la produzione e il consumo di queste sostanze

cessi entro il 31 dicembre 1993;

3. ritiene che la Comunità europea debba presentare proposte

specifiche alle parti firmatarie del Protocollo di modo che

possano essere elaborate norme internazionali di sicurezza

per la movimentazione, il trasporto, il recupero, il

riciclaggio, la distruzione e la riduzione delle emissioni

di tutte le sostanze controllate e di transizione;

4. ritiene che la produzione e l'utilizzazione di

clorofluorocarburi parzialmente alogenati (H-CFC), che sono

considerati "sostanze di transizione" conformemente al

Protocollo, e di idrobromofluorocarburi (H-BFC) debbano

essere gradualmente sospesi al più tardi entro il 31 dicembre

1995;

5. invita la Commissione, oltre a proseguire la procedura per

la revisione del Protocollo di Montreal, a presentare

proposte basate sulle indicazioni summenzionate, cercando

unilateralmente di promuovere la legislazione opportuna nella

Comunità;

6. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente

risoluzione alla Commissione, al Consiglio e ai governi degli

Stati membri.

 
Argomenti correlati:
risoluzione
ambiente
cfc
stampa questo documento invia questa pagina per mail