Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
gio 22 feb. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio PE
Parlamento Europeo - 29 ottobre 1992
Le centrali elettriche di Gabcikovo-Nagymaros

RISOLUZIONE (B3-1414, 1422, 1458 e 1490/92)

Il Parlamento europeo,

A. profondamente preoccupato per le crescenti tensioni in Europa centrale che potrebbero minacciare il rinnovamento democratico di questa regione d'Europa,

B. a conoscenza dell'accordo del 1977 sottoscritto dall'Ungheria e dalla Cecoslovacchia per la costruzione di un sistema di produzione di energia elettrica mediante uno sbarramento e una centrale idroelettrica sul Danubio,

C. consapevole che dal 25 maggio 1992 l'accordo è stato disdetto dall'Ungheria,

D. consapevole dell'importanza annessa al progetto in parola dal governo slovacco e della giustificata aspirazione di detto governo a rivitalizzare l'economia slovacca,

E. consapevole della situazione energetica della Slovacchia che necessita della chiusura degli impianti obsoleti pericolosi per l'ambiente e di un riorientamento verso fonti energetiche rinnovabili; ricordando che misure di risparmio energetico potrebbero fornire un contributo fondamentale alla soluzione dei problemi energetici di questa regione,

F. considerando che la costruzione della centrale idroelettrica prevista avrebbe come conseguenza la trasformazione totale di un'intera parte di territorio e comporterebbe un peggioramento delle condizioni di vita sul piano ecologico e una minaccia per l'approvvigionamento di acqua potabile,

G. conscio tuttavia del fatto che, se verranno compiuti passi irreversibili, gli eventuali effetti perversi si estenderanno ben oltre la Slovacchia,

H. considerando le implicazioni ecologiche e di politica internazionale del progetto, intrapreso peraltro senza uno studio di impatto ambientale effettivamente approfondito e senza adeguata consultazione delle popolazioni interessate,

I. compiaciuto dei risultati dei negoziati tra la Commissione, la Cecoslovacchia e l'Ungheria che hanno avuto luogo a Londra il 28 ottobre 1992,

1. esprime l'auspicio che i negoziati di Londra portino alla soluzione del conflitto e si attende che il giudizio di un organo indipendente in merito ai risultati della missione di inchiesta sia vincolante per ambedue le parti;

2. invita la Commissione a sostenere con vigore le iniziative miranti ad individuare una soluzione diplomatica del contenzioso;

3. invita la Commissione a realizzare uno studio globale di compatibilità ambientale delle centrali nucleari, ricorrendo ad esperti ambientali indipendenti, accettati sia dalle autorità slovacche che da quelle ungheresi;

4. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, al governo federale della Cecoslovacchia, ai governi dell'Ungheria e della Slovacchia nonché alle Nazioni Unite e alla Conferenza per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa.

 
Argomenti correlati:
risoluzione
fiumi
diga
cecoslovacchia
accordo
commissione
negoziati
ambiente
stampa questo documento invia questa pagina per mail