Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 27 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Notizie Radicali - 24 gennaio 1976
I fascisti scelgono il processo fascista

SOMMARIO: I motivi che hanno indotto gli avvocati radicali Mellini e De Cataldo prima ad accettare e in seguito a rifiutare la difesa degli imputati di Avanguardia Nazionale. Hanno accettato innanzitutto perchè tali imputati non hanno commesso atti di violenza, ma soltanto reati politici ed ideologici e in secondo luogo perché intedevano fare un processo radicale, libertario e antifascista. Hanno successivamente rifiutato la difesa poichè gli imputati non hanno accettato di avvalersi di un processo di tal genere e, quindi, del diritto di sollevare questioni preliminari ed eccezioni di incostituzionalità; hanno scelto, cioè, un processo fascista.

(NOTIZIE RADICALI N. 1, 24 gennaio 1976)

Roma, 13 gennaio - NR

Un appello ai 62 imputati di Avanguardia Nazionale è stato rivolto da Marco Pannella, nel corso di una conferenza-stampa tenuta presso la sede del Partito Radicale, perché, dissociandosi dalla linea difensiva scelta dalla loro organizzazione designino come loro difensori avvocati radicali. "Ci impegniamo a difenderli - ha detto Pannella - anche contro eventuali ritorsioni e rappresaglie che potrebbero avvenire in carcere".

"Al momento dell'apertura del processo i nostri avvocati saranno a portata della loro designazione".

La conferenza-stampa era stata convocata per spiegare i motivi che avevano indotto gli avvocati Franco De Cataldo e Mauro Mellini ad assumere la difesa di alcuni imputati del processo per ricostituzione del Partito Fascista intentato a 62 pretesi appartenenti alla organizzazione Avanguardia Nazionale. I due avvocati hanno invece comunicato che rinunciano ad assumere la difesa in questo processo, essendo venuta meno una delle condizioni che essi avevano posto: gli imputati di A.N. hanno infatti rinunciato ad avvalersi del diritto di sollevare, in apertura del processo, questioni preliminari ed eccezioni di incostituzionalità.

"Lo scontro, a questo punto, è chiaro - ha detto Pannella - ed è lo scontro tra noi e A.N.". Pannella ha spiegato i motivi per i quali il Partito Radicale e la Lega 13 Maggio avevano accettato di sostenere la difesa con Mellini e De Cataldo e con altri avvocati radicali e libertari, in questo processo. "Lo stato rivendica il diritto di giudicare in modo fascista. E può giudicare in modo fascista grazie alla legge Reale, che è in realtà una legge di attuazione del Codice Rocco. E' un diritto che contestiamo a chiunque, soprattutto se si pretende di esercitarlo in nome della Costituzione e dell'antifascismo". Pannella ha detto che esistono in Italia centinaia di fascisti che si sono comportati come sicari del regime e che sono corresponsabili di attentati terroristici, di stragi e di provocazioni. "Non si procede contro di loro per queste responsabilità. Si preferisce intentare processi politici e ideologici che elevano questi sicari e questi complici al rango di "vittime" del regime". "Siamo stati attaccati d

all'intero schieramento politico per la nostra scelta: dall'estrema sinistra extra-parlamentare fino ai segretari di sezione del PRI, cioè ai segretari di sezione del partito degli onorevoli Mammì e Reale. Ora il cerchio si chiude: gli imputati di A.N. rinunciano a condurre la battaglia preliminare, giuridica e politica, contro il Codice Rocco, la legge Scelba e la legge Reale. Difendono questo processo che assegna loro il ruolo di "vittime" e, come vittime sono conviventi con il regime che li processa. E difendono la loro legalità, che si esprime in quelle tre leggi, a causa delle quali sono in carcere e sono imputati".

Alla conferenza stampa sono intervenuti anche gli avv. De Cataldo e Mellini e il segretario del PR, Spadaccia.

De Cataldo ha detto che gli era stato offerto di assumere la difesa da altri avvocati, mentre Mellini era stato nominato difensore da uno degli imputati, un giovane milanese, Stefano Trentin. "Quando ho saputo della rinuncia alla battaglia preliminare ho detto al mio difeso che subordinavo la difesa alla possibilità di condurre la battaglia processuale senza limiti di mandato".

Gli avvocati avevano nei giorni scorsi posto come pregiudiziale alla difesa i seguenti tre punti:

a) che venissero designati almeno 10 difensori (sugli oltre 130 cui gli imputati avrebbero teoricamente diritto) radicali o della Lega 13 Maggio.

b) che essi fossero assolutamente liberi di condurre la difesa secondo le loro convinzioni giuridiche e civili, contestando quindi, sin nella fase preliminare, la costituzionalità delle leggi fasciste, democristiane e repubblicane in base alle quali si era giunti al processo.

c) che non vi fosse costituzione di un unico collegio dei difensori.

I due avvocati hanno dato alcune informazioni tecniche e processuali ai giornalisti, chiarendo che nel processo ai A.N. non è contestato agli imputati alcun atto di violenza ma solo reati politici ed ideologici.

Gianfranco Spadaccia ha detto che nonostante gli attacchi concentrici che gli sono stati rivolti, la Segreteria del Partito Radicale non ha avuto esitazioni a sostenere i due avvocati: "Siamo abituati - ha detto - a dover affrontare le battaglie più significative in condizioni iniziali di isolamento.

C'è sempre però un momento della verità che fa giustizia degli attacchi che ci vengono riservati. Non c'è stato bisogno di attendere il processo. Il momento della verità è venuto prima con il rifiuto degli imputati di accettare una difesa libertaria, con dei libertari al banco della difesa, quel processo sarebbe stato non un processo fascista, ma un processo radicale, libertario, antifascista".

 
Argomenti correlati:
processo
de cataldo franco
stampa questo documento invia questa pagina per mail