Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 21 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Fuori - 25 aprile 1976
SESSUALITA': CONCLUSI I LAVORI DEL V· CONGRESSO DEL FUORI! NEL DOCUMENTO CONCLUSIVO APPROVATO L'INVITO A PORTARE LA BATTAGLIA PER LA LIBERAZIONE SESSUALE NEGLI ALTRI PARTITI E ORGANIZZAZIONI DELLA SINISTRA. GLI OMOSESSUALI RADICALI SI PRESENTERANNO NELLE LISTE DEL PR ALLE PROSSIME ELEZIONI.

SOMMARIO: Il documento conclusivo del V congresso nazionale del Fuori! - Movimento di Liberazione Omosessuale federato al Partito Radicale - tenutosi a Roma il 25 aprile 1976. Il Fuori invita tutti gli omosessuali e le lesbiche ad uscire dall'isolamento ed a portare la battaglia per la liberazione sessuale anche negli altri partiti e organizzazioni della sinistra.

(NOTIZIE RADICALI N. 110, 25 aprile 1976)

Roma, 25 aprile -NR- Si sono conclusi i lavori del 5· Congresso del Fuori! iniziato ieri al Teatro Alberico di Roma. Alla fine dei lavori è stato approvato il seguente documento:

DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL V· CONGRESSO NAZIONALE DEL FUORI! - Movimento di Liberazione Omosessuale federato al Partito Radicale.

Questo nostro V· Congresso, che ha visto una partecipazione di più di 800 persone fra lesbiche ed omosessuali è la testimonianza della crescita del nostro movimento. Il FUORI! è presente, come gruppo organizzato, in ormai più di 50 sedi radicali, e nuovi gruppi stanno nascendo soprattutto nei piccoli centri di provincia.

La lotta per la liberazione sessuale ed omosessuale, che nel 1971 ci eravamo prefissi come prassi di lavoro politico ed obiettivo da raggiungere, si sta rivelando vincente, grazie alla partecipazione di tutte quelle lesbiche ed omosessuali che, prendendo coscienza del significato profondo della loro oppressione, hanno deciso di cambiare la loro vita, uscendo allo scoperto e facendo politica in quanto omosessuali, apertamente. La conquista, il recupero della propria identità, intera, come persona è il primo passo che noi omosessuali dobbiamo compiere per ribaltare i ruoli che la nostra società maschile e fallocratica ci ha sempre condizionato a vivere. Questo è il messaggio che il FUORI! lancia a tutte le lesbiche e a tutti gli omosessuali: USCITE FUORI DALL'ISOLAMENTO, DITE A TUTTI CIO' CHE SIETE, E DITELO CON ORGOGLIO!

Questo messaggio noi del FUORI! lo grideremo in tutte le strade e le piazze d'Italia, durante le prossime elezioni anticipate. Infatti noi del FUORI! parteciperemo alla battaglia elettorale nelle liste del Partito Radicale, e, proprio in quanto lesbiche ed omosessuali, condurremo apertamente la campagna per le elezioni, e sarà la prima volta che in Europa gli omosessuali prenderanno nelle proprie mani il loro destino, anche politico, anche elettorale.

Al V· Congresso del FUORI! hanno anche partecipato altri gruppi di liberazione omosessuale che non si riconoscono nell'area radicale, ma che operano in altri spazi politici. Anche questa è una constatazione precisa della crescita del movimento, ed è a partire da questa valutazione che durante il congresso il FUORI! - finora l'unico movimento di liberazione omosessuale in Italia - ha deciso di non porsi più nella prospettiva di unico movimento, ma di diventare un gruppo all'interno di un movimento più vasto. Nel FUORI! si riconosceranno le lesbiche e gli omosessuali che vedono nel Partito Radicale il loro spazio di intervento politico.

Ma proprio perché la liberazione sessuale deve diventare patrimonio di tutta la sinistra, parlamentare e non, il FUORI! invita tutte le compagne ed i compagni che ritengono di non riconoscersi nell'area radicale, a portare, con la loro presenza attiva, la lotta all'interno di quei partiti o gruppi nei quali politicamente si riconoscono.

Il FUORI! all'interno del Partito Radicale, e tutti i nuovi gruppi che via via si sostituiranno, daranno vita al MOVIMENTO DI LIBERAZIONE OMOSESSUALE, componente vitale e dirompente per l'abbattimento di una società che tutti opprime e rende infelici.

Questo congresso, tenuto non a caso il 25 aprile, è il nostro modo di intendere e celebrare l'anniversario della Liberazione: non retorica celebrazione, ma impegno quotidiano e continuo.

 
Argomenti correlati:
omosessualita'
sinistra
roma
stampa questo documento invia questa pagina per mail