Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 19 ott. 2021
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Partito Radicale - 29 aprile 1976
Marco Pannella è al 15º giorno di digiuno, dalle ore 20 di domenica 25 aprile ha smesso anche di bere acqua. Coloro che fino ad oggi hanno sequestrato il diritto all'informazione hanno ignorato questo appello e quelli che fino ad oggi vi hanno aderito.

SOMMARIO: La diffusione, attraverso una inserzione a pagamento su "La Repubblica", dell'appello di numerose personalità della politica, della scienza e del giornalismo, da Nenni a Sartre, da Bobbio a Terracini, da Levi Montalcini a Moravia, con cui si sostengono le "giuste ed legittime richieste" che hanno determinato il digiuno e lo sciopero della sete di Marco Pannella. "Fondamento di ogni democrazia politica è il libero concorso di tutte le forze politiche alla formazione della volontà popolare.

L'accesso ai mezzi di comunicazione di massa è essenziale perché questa libertà di partecipazione alla lotta politica non sia soltanto formale e negata nei fatti, e perché sia assicurato il diritto di tutti i cittadini a conoscere per deliberare." E' assurdo - affermano i firmatari dell'appello - che un cittadino debba rischiare la propria esistenza per assicurare diritti che la Corte Costituzionale ha affermato da oltre due anni con una sua sentenza.

(LA REPUBBLICA, 29 aprile 1976)

"Indipendentemente dalle posizioni e dai programmi del Partito Radicale, che si possono condividere o non condividere, rifiutare ed anche osteggiare, i motivi che hanno determinato Marco Pannella a minacciare prima, e a intraprendere ora un nuovo digiuno, questa volta totale, non possono non essere condivisi.

Le sue richieste sono giuste e legittime, nella loro immediatezza oltre che nel loro contenuto.

Fondamento di ogni democrazia politica è il libero concorso di tutte le forze politiche alla formazione della volontà popolare.

L'accesso ai mezzi di comunicazione di massa è essenziale perché questa libertà di partecipazione alla lotta politica non sia soltanto formale e negata nei fatti, e perché sia assicurato il diritto di tutti i cittadini a conoscere per deliberare.

E' assurdo e scandaloso che una persona debba, per assicurare diritti fondamentali ed elementari, affrontare una prova così grave, come rischiare la propria esistenza; da oltre due anni la Corte Costituzionale con una sua sentenza ha imposto al Parlamento di porre termine ad una grave situazione di illegalità nell'utilizzazione del monopolio televisivo. Il fatto stesso che la Commissione di vigilanza stia provvedendo in questi giorni a regolamentare il diritto di acceso alle forze non rappresentate in Parlamento, è la dimostrazione che Pannella si batte non per diritti particolari, ma per diritti di tutti che sono stati ignorati e violati.

Rivolgiamo perciò un appello ai Presidenti della Camera e del Senato, ai segretari dei partiti politici rappresentati in Parlamento, perché queste richieste siano accolte, i principi stabiliti dalla Corte Costituzionale finalmente rispettati ed attuati ed evitato un sacrificio che ricadrebbe come una vergogna sulla classe politica e sull'intero paese".

Pietro Nenni

Elena Corce

Arrigo Benedetti

Guido Calogero

Aldo Visalberghi

Loris Fortuna

Tullio Pericoli

A. Galante Garrone

Ingazio Silone

Giuliano Amato

Giuseppe Caputo

Vera Bertinetti

Giulia Borgese

Cesare Medail

Viviana Dominici

Alfonso Madeo

Valentino Bucchi

Umberto Eco

Gustavo Comba

Francesco Alberoni

Giorgio Galli

Stefano Rodotà

Anna Proclemer

Franco Ferrarotti

Piero Dorazio

Fernanda Pivano

Silvano Bussotti

Massimo Caprara

Gianfranco Baruchello

Toti Scialoja

Jean Paul Sartre

Mario Schifano

Carlo Ripa di Meana

Umberto Mastroianni

Giorgio Albertazzi

Tinto Brass

Ruggero Orlando

Ada Rossi

Luigi Malerba

Salvatore Frasca

Giuseppe Montalenti

Artemio Strazzi

Salvatore Samperi

Beniamino Segre

Gino Bertoldi

Guido Turchi

Rita Levi Montalcini

Bruno Giuranna

Massimo Pradella

Amedeo Baldovino

Franco Fortini

Renzo Zaffanella

Falco Accame

Camilla Cederna

Carlo M. Badini

Giancarlo Lehner

Carlo Cassola

Benedetto Ghiglia

Federico Mancini

Simone de Beauvoir

Antonio Landolfi

Tristano Codignola

Norberto Bobbio

Pierluigi Urbini

Delphine Seyrig

Nino Pasti

Franco Castiglione

Franca Rame

Alberto Dall'Ora

Alberto Bevilacqua

Bernardo Bertolucci

Mario Barone

Gaetano Dragotto

Giorgio Fiocco

Franco Marrone

Marco Ramat

Carmelo Samonà

Ghigo de Chiara

Giuseppe di Gennaro

Germana Carnacina

Adele Cambria

Altiero Spinelli

Enzo Brunari

Piero Piccioni

Aldo Turchiero

U. A. Valli Occitani

Andrea Valcarenghi

Enzo Siciliano

Daniele Del Giudice

Alberto Moravia

Armanda Guiducci

Adriano Buzzati-Traverso

Walter Binni

Alisio Rendi

Nino Antonellini

Mario Artali

Diego Carpitella

Bruno de Finetti

Ottorino Gallo

Walter Pedullà

Carla Ravajoli

Severino Gazzelloni

Dino Asciolla

Maria L. Astaldi

Giuseppe Sebia

Sergio Lauricella

Boris Porena

Francesco Rosi

Ugo Pirro

Francesco De Finis

Piero Turcato

Ps Popular España

Maurizio Costanzo

Laura Betti

Roberto Guiducci

Franco Roccella

Gino Giugni

Ennio Melchiorre

Michele Coiro

Umberto Terracini

Luigi de Marchi

Elena G. Belotti

Mario Puccini

Luigi Saraceni

Franco Misiani

Bruno Zevi

Adalberto M. Merli

Elena Doni

Franco Nanni

Federico Caffè

Merio Ceroli

Arnaldo Apostoli

Sante Monachesi

Gavino Musio

Franco Enriquez

Valeria Moriconi

Alberto Castiglioni

Lucio Manisco

Ennio Ciscati

Tullio Grimaldi

Massimo Fini

Paola Fallaci

Pietro Argento

Stefano Malatesta

Quinzio Petrocchi

Luciana Zanotta

Andrea Pizzi

Mirella Delfini

Renato D'Agostini

Dario Fo

Ugo Ugolini

Stefano Lepri

Giorgio Dell'Arti

Lamberto Sechi

Natalia Aspesi

Chiara Beria

Brunella Gasperini

Ennio Chieruzzi

Gianni Farneti

Angelo Maria Ripellino

Fabrizio Coisson

Sandro Acciari

Roberto Perini

Giulio C. Italiani

Stefano Petrovic

Antonella Fantò

Lelio Luttazzi

Luigi Ferraioli

Gabriele Cerminara

Goffredo Parise

Marisa Bergamini

Anna Jannace

Lamberto Trezzini

Raffaele Gambari

Sergio Angeletti

Vito Sansone

Marco Pannella e il Partito Radicale stanno lottando per difendere con il diritto alla propria esistenza, la politica dei diritti civili, il rispetto e la reintegrazione della legalità calpestata a tutti i livelli dal regime, la prospettiva di un'alternativa ai governi e ai partiti dei "fondi neri", delle "Antilope Cobbler", delle "bustarelle" e delle "clientele".

Il comportamento censorio di alcuni organi di stampa, in particolare del "Messaggero" ci obbliga a pubblicare a pagamento il testo di questo appello su la Repubblica.

Per sostenere queste lotte non violente abbiamo bisogno del vostro aiuto, anche finanziario.

 
Argomenti correlati:
digiuno
elezioni
informazione
rai
croce elena
fortuna loris
comba gustavo
eco umberto
levi montalcini rita
terracini umberto
spinelli altiero
coiro michele
cerminara gabriele
dall'ora alberto
rai
calogero guido
stampa questo documento invia questa pagina per mail