Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mer 17 lug. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Paese Sera - 25 maggio 1976
PAESE SERA E IL PR (3) - PANNELLA SCOPRE LE CARTE

SOMMARIO: I corsivi pubblicati dal quotidiano "PAESE SERA" dal 1976 al 1978 ("il pugno o la rosa", a cura di Valter Vecellio, Bertani editore, 1979)

("PAESE SERA", 25-5-1976)

Non era mai accaduto, in ventisei anni di Tribuna politica o elettorale, che Jader Jacobelli si presentasse agli spettatori per giustificare un taglio operato sul discorso di un oratore. Altri tagli vi furono, a dire il vero, ma questo è stato deliberato dagli uffici della Rai-Tv perché non vi fossero querele nei confronti dell'azienda, dei suoi dirigenti e dello stesso Jaber Jacobelli. Così il veterano dei moderatori ha spiegato e giustificato il fatto di aver tolto dal testo del discorso di Marco Pannella l'espressione "generali assassini", riferendosi alle accuse mosse al SID per la strage di piazza Fontana e dell'Italicus.

Subito dopo hanno preso la parola i rappresentanti del Partito radicale, Emma Bonino e Marco Pannella. La prima ha presentato il secondo e il secondo ha tenuto una lunga orazione molto teatrale.

Pannella costituisce un personaggio insolito nel quadro dei nostri oratori politici: si ritrovano in lui tracce di romanticismo risorgimentale e di massimalismo socialista, fusi in singolare miscuglio. Mentre si nota in genere il tentativo di elaborare un'oratoria schiva ed essenziale, con Pannella si torna ai vecchi canoni: è un fenomeno di cui dovranno seriamente occuparsi gli studiosi di comunicazione di massa.

Per quanto riguarda la sostanza del suo discorso, ci troviamo di fronte a un globale attacco contro l'attuale assetto del paese, con specifico intervento anticomunista e antisocialista. Nel finale, Pannella ha rielaborato i moduli del romanzo popolare, con appello al buon cuore dei cittadini, date le condizioni miserrime del partito radicale. Il comizio di Pannella, ci è stato detto, fu registrato quattro giorni or sono al fine di non renderlo postumo, visto il digiuno al quale si sono sottoposti i dirigenti del Pr e lo sforzo che una registrazione televisiva comporta. L'intervento successivo di Tribuna elettorale è stato affidato al Pdup e a Lotta continua.

Nel corso della giornata di ieri il presidente della Federazione della stampa Paolo Murialdi, il segretario nazionale Luciano Ceschia e il consigliere Alessandro Curzi, responsabile dei rapporti con i giornalisti della Rai-Tv, hanno nuovamente denunciato il fatto che "una distorta idea di cosa sia informazione ed un ambiguo concetto di pubblica attività hanno portato la commissione per l'indirizzo parlamentare e la vigilanza della televisione ad emanare inapplicabili, oltre che errate direttive per il lavoro giornalistico che non esitiamo a definire gravi per le stesse sorti del monopolio radiotelevisivo".

 
Argomenti correlati:
paese sera
rai
sid
curzi alessandro
bonino emma
stampa questo documento invia questa pagina per mail