Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mer 22 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Il quotidiano dei lavoratori - 24 giugno 1977
IL QUOTIDIANO DEI LAVORATORI E IL PR (2) - CLAUSEWITZ O RE SOLE?

SOMMARIO: I corsivi pubblicati dall'organo di Democrazia Proletaria "Il quotidiano dei lavoratori" nel 1977 ("il pugno o la rosa", a cura di Valter Vecellio, Bertani editore, 1979)

("Il quotidiano dei lavoratori", 24-6-1977)

Pannella insiste. Ha confermato di voler fare il confronto radiofonico con Almirante. L'assassino - come ha ben ricordato Lotta Continua - proprio in questi giorni inizia un giro di comizi in tutto il paese. La provocazione è esplicita, i pericoli sono evidenti. Ma Pannella se ne frega altamente. Così come se ne frega di tutti quei compagni che hanno protestato (anche dall'interno del suo partito) contro la sua geniale pensata. Parliamoci chiaro: anche noi di Dp abbiamo contribuito ad assicurare un successo a questa campagna degli 8 referendum e ora non abbiamo nessuna intenzione di consentire che questo individuo sputtani una iniziativa che, nonostante una serie di perplessità sulla strategia dei referendum, abbiamo valutato positivamente. Crediamo anche che tutti coloro che hanno creduto e credono in tale iniziativa devono prendere le misure necessarie per chiarire che questi sabotaggi di fatto non possono essere accettati. Pannella si può credere il dio in terra, l'incommensurabile stratega della politica

mondiale; sono fatti suoi. Diventano però fatti nostri quando il suo opportunismo e la sua megalomania mettono in pericolo o rischiano di squalificare lo sforzo e l'impegno gravoso di migliaia di militanti, a cominciare dai compagni del partito radicale.

La lettera di Gianfranco Arnao, pubblicata su Lc, per motivare le sue dimissioni da Pr, rappresenta una testimonianza preziosa, e una conferma precisa, sulla vicenda e sul ruolo che Pannella si è attribuito. Il problema, a questo punto, è riuscire a capire fino a quando saremo costretti a continuare a parlare di costui e quando finalmente avremo una espressione più collettiva e coerente a quel "nuovo" che così insistentemente i compagni del Pr vogliono rappresentare. In caso contrario, sarà almeno la nostra noia a impedirci di badare ancora a queste cialtronerie.

 
Argomenti correlati:
pannella marco
rai
corsivo
stampa questo documento invia questa pagina per mail