Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 23 feb. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
CISA - 26 maggio 1978
Il Cisa non farà più aborti

SOMMARIO: Dopo l'approvazione in Senato della legge sull'aborto, il Centro d'Informazione sulla Sterilizzazione e sull'Aborto (CISA), ribadendo il più netto rifiuto di una legge compromissoria, non in grado di risolvere il problema dell'aborto clandestino né di garantire l'autodeterminazione della donna, delibera di sospendere, dopo anni di disobbedienza civile, ogni pratica di aborto, impegnandosi a far scoppiare di fronte all'opinione pubblica e ai partiti le contraddizioni di una legge che costringerà le donne a subire burocrazie e giudizi moralistici. Si diffida chiunque a praticare aborti a nome del CISA.

(NOTIZIE RADICALI n. 119, 26 maggio 1978)

Il Consiglio Federativo del Centro Informazione Sterilizzazione Aborto riunitosi a Roma il 20-21/5/1978 ribadisce la sua posizione di netto rifiuto della legge sull'aborto passata al Senato perché compromissoria, non è in grado né a risolvere il problema dell'aborto clandestino né a garantire una reale autodeterminazione della donna, per questo il CISA si impegna a far scoppiare di fronte ai partiti e all'opinione pubblica le contraddizioni di questa legge decidendo di sospendere la pratica degli aborti, rifiutando come sempre la logica di servizio, ma vogliamo con i nostri consultori continuare a garantire ancora nuovi momenti di presa di coscienza.

Per questo riteniamo indispensabile un controllo continuo da parte delle compagne nei confronti dei consultori, degli ospedali, e dei medici in modo che sia garantita una reale controinformazione sulla gestione da parte dello stato di questo problema. Tutto questo non significa certo rinnegare 4 anni di lavoro politico basato sulla disobbedienza civile e sulla autogestione con il quale siamo riusciti a dimostrare che era possibile riappropriarsi degli strumenti della medicina e vivere il momento dell'aborto in maniera diversa da quello imposto dal raschiamento e da questa legge con la quale le donne saranno costrette a subire burocrazie e giudizi moralistici e come ultima e unica alternativa l'aborto clandestino. Diffidiamo chiunque a praticare aborti a nome del CISA.

"C.I.S.A."

Via degli Avignonesi, 12 - Roma

Tel. 461988-4741032"

 
Argomenti correlati:
aborto
stampa questo documento invia questa pagina per mail