Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 21 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Partito radicale - 1 giugno 1978
L'11 GIUGNO SI VOTA SUI REFERENDUM

SOMMARIO: [Volantino ciclostilato, giugno 1978]. Si forniscono informazioni sullo stato dello scontro referendario, che vede "i partiti della maggioranza impegnati in una corsa contro il tempo per togliere ai cittadini il diritto di esprimersi, e per far cadere ad uno ad uno almeno altri 4 referendum". Secondo il volantino, dopo le iniziative in merito ai referendum sull'aborto, l'Inquirente,la Legge Reale, la Legge manicomiale, si vuole fare in modo che resti "solo quello sul finanziamento pubblico dei partiti", perché si spera che, così isolato, esso possa ottenere un "no" "plebiscitario".

[RECTO]

L'11 GIUGNO SI VOTA SUI REFERENDUM

ovvero si dovrebbe votare, come è sancito dalla Costituzione e come 800.000 elettori hanno richiesto!

I partiti della maggioranza, però, sono freneticamente impegnati in una corsa contro il tempo per togliere a tutti i cittadini il diritto di esprimersi e per far CADERE AD UNO AD UNO ALMENO ALTRI 4 REFERENDUM!!!

Ecco la situazione:

ABORTO: la legge-truffa è passata alla Camera peggiorata perfino rispetto al testo precedente ed ora si trova al Senato, dove resterà fino a dopo le elezioni amministrative, poiché i senatori DC non vogliono essere giudicati dal loro elettorato per averla fatta passare; se fossero coerenti basterebbe che si impegnassero in un vero e proprio ostruzionismo.

COMMISSIONE INQUIRENTE: un nuovo testo è stato approvato dalla Camera e deve andare al Senato. Anche qui la richiesta dei firmatari di abolire quei meccanismi che permettono l'insabbiamento dei procedimenti di accusa a carico dei membri dei governi, non è stata rispettata. LE MODIFICHE APPROVATE LASCIANO AMPIA POSSIBILITA' DI CONTINUARE AD INSABBIARE. Altre ANTILOPI resteranno sconosciute ed impunite!!!

LEGGE REALE: la legge Reale bis, approvata dal Senato, sta per essere approvata a Montecitorio nel segreto della Commissione Giustizia. In violazione del regolamento della Camera i deputati non facenti parte della Commissione, non possono nemmeno illustrare gli emendamenti da loro presentati. La stampa non ci dice quanti e quali peggioramenti stanno per essere approvati in modo da togliere ai cittadini quelle libertà e quelle garanzie che sono alla base della democrazia.

LEGGE MANICOMIALE DEL 1904: è stata già abrogata per mezzo di un testo stralcio della legge sanitaria che mantiene il ricovero coatto e che è passata alla Camera ed al Senato!!!

Così dunque è impegnato il Parlamento, quel Parlamento che da 30 anni è inerte su temi fondamentali (riforma sanitaria, riforma del codice di procedura, penale, equo canone ecc.), che anziché varare le riforme attese da anni e la cui mancata realizzazione è il motivo del malessere sociale che travaglia il paese e del terrorismo; per impedire ai cittadini di esprimersi attraverso il referendum, invece, oggi lavora convulsamente addirittura in più luoghi contemporaneamente. PER QUALE REFERENDUM SI VOTERA' DUNQUE L'11 GIUGNO?

Vogliono lasciare solo quello sul FINANZIAMENTO PUBBLICO DEI PARTITI, perché sperano che, separato dal contesto referendario in cui era inserito, sia possibile ottenere un voto plebiscitario a loro favore, un "no" con il quale seppellire l'opposizione democratica.

[VERSO]

Per fare questo debbono parlare il meno possibile del finanziamento pubblico; non deve essere dibattuta in alcun modo la legge spudorata che fu approvata in soli 16 giorni nel 1974, perché verrebbe messo in discussione il potere centralistico degli apparati dei partiti; verrebbe messa in dubbio la costituzionalità stessa della legge; verrebbero denunciati i guasti portati alla partecipazione ed alla vita democratica nel paese, senza peraltro porre fine ai finanziamenti occulti (vedi scandalo dei traghetti ``d'oro'' di Gioia, scandalo dei prefabbricati in Friuli, scandalo SIAI-Marchetti, scandalo delle assicurazioni di Bisaglia).

NOI VOGLIAMO INVECE CHE SI PARLI DI QUESTO E DI TUTTI GLI ALTRI REFERENDUM E PER FARLO ABBIAMO BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO.

Gli unici spazi vuoti che vedrete nei tabelloni elettorali per le strade, saranno i nostri; non abbiamo neanche la possibilità di stampare i manifesti. I nostri messaggi li trasmetteremo con i tavoli, con i cartelloni scritti a mano, con la vernice.

PER DIRE SI' ALLA ABROGAZIONE MEDIANTE VOTO POPOLARE DI TUTTE LE LEGGI INCOSTITUZIONALI ED AUTORITARIE, pilastri e puntelli di questo regime,

aiutateci con il vostro contributo: non abbiamo utilizzato il finanziamento pubblico e per pagare la campagna referendaria abbiamo fatto molti debiti; quindi è necessario che le spese elettorali siano sostenute da tutti i cittadini che nei referendum hanno creduto e credono.

CONTO CORRENTE POSTALE 12166005

intestato al Partito Radicale del Lazio - Piazza Sforza Cesarini 28 - Prendete contatto con noi ai numeri telefonici 6568289 - 655308. Comunicateci la vostra disponibilità giornaliera per far sì che si organizzi il maggior numero possibile di tavoli; unici mezzi per comunicare una informazione corretta sui referendum ed anche per dare un contributo importante alla campagna di autofinanziamento.

ASCOLTATE RADIO RADICALE, 88.5 DELLA MODULAZIONE DI FREQUENZA CHE TRASMETTE IN DIRETTA DAL PARLAMENTO IL DIBATTITO SULLE LEGGI PIU' IMPORTANTI.

 
Argomenti correlati:
referendum
commissione inquirente
manicomio
stampa questo documento invia questa pagina per mail