Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
sab 18 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
I detenuti di Trani - 1 marzo 1981
LA PELLE DEL D'URSO: (15) Il comunicato numero uno dei detenuti di Trani (28 dicembre)

SOMMARIO: L'azione del Partito radicale per ottenere la liberazione del giudice Giovanni D'Urso rapito dalle "Brigate rosse" il 12 dicembre 1980 e per contrastare quel gruppo di potere politico e giornalistico che vuole la sua morte per giustificare l'imposizione in Italia di un governo "d'emergenza" costituito da "tecnici". Il 15 gennaio 1981 il giudice D'Urso viene liberato: "Il partito della fermezza stava organizzando e sta tentando un vero golpe, per questo come il fascismo del 1921 ha bisogno di cadaveri, ma questa volta al contrario di quanto è accaduto con Moro è stato provvisoriamente battuto, per una volta le BR non sono servite. La campagna di "Radio Radicale che riesce a rompere il black out informativo della stampa.

("LA PELLE DEL D'URSO", A chi serviva, chi se l'è venduta, come è stata salvata - a cura di Lino Jannuzzi, Ennio Capelcelatro, Franco Roccella, Valter Vecellio - Supplemento a Notizie Radicali n. 3 - marzo 1981)

Il comunicato numero uno dei detenuti di Trani (28 dicembre)

Oggi 28-12-1980, i proletari prigionieri di Trani organizzati nel Comitato di Lotta hanno occupato militarmente una parte consistente di questo carcere speciale e catturato alcuni agenti di custodia. Con questa operazione politico-militare, il C.d.L. di Trani si propone di propagandare le linee generali del programma politico immediato del movimento del P.P., e di imporre una prima sostanziale modifica del trattamento riservato in carcere ai P.P. e fuori al proletariato extralegale ed ai militanti comunisti che cadono nelle mani del nemico.

D'Urso è nostro prigioniero

In questo modo i P.P. e di Trani si dialettizzano con le Brigate Rosse trasformando l'aguzzino D'Urso in un loro prigioniero. L'insieme di questa operazione politico-militare raccoglie, sintetizza e sviluppa la campagna che l'intero movimento dei P.P. ha aperto sul fronte delle carceri.

La battaglia del 2-10-1979 all'Asinara, le azioni di liberazione di S. Vittore e Volterra, la battaglia di Nuoro, di Fossombrone, l'annientamento del direttore sanitario Furci, e le iniziative armate di Cuneo e Firenze sono momenti più significativi della lotta di classe sul fronte delle carceri che l'hanno preceduta. Così su questo fronte si è realizzata concretamente e nel modo corretto il rapporto fra Organizzazioni Comuniste Combattenti e movimento di massa, tra programma politico generale e programma immediato di uno strato di classe del proletariato metropolitano: il proletariato prigioniero. Questa campagna prolungata contro il carcere investe uno dei nodi fondamentali della lotta tra rivoluzione e controrivoluzione, fa emergere una delle contraddizioni più laceranti nel campo nemico. Fa emergere l'incapacità dello Stato imperialista di pacificare e normalizzare il sistema carcerario, di contenere e neutralizzare nei suoi campi di concentramento una frazione irriducibile del proletariato metropolitano

e alcune migliaia di combattenti comunisti. E questo è particolarmente vero in presenza di una vasta e generale lotta di classe e di una profonda e irreversibile crisi economico-politica, di un visibile radicamento sociale - nonostante la controrivoluzione preventiva - della guerriglia proletaria.

Distruzione di tutte le carceri

Compagni, capire e discutere l'operazione D'Urso e la battaglia di Trani significa capire quanto queste siano inserite, a tutti gli effetti, all'interno di quello che sempre più si configura come un attacco generale che il proletario, nel suo complesso, e le sue avanguardie organizzate stanno sferrando allo stato imperialista. Capire per agire significa farsi carico dei contenuti di questa azione sostenerla e intensificarla. Significa estendere e sviluppare la battaglia di cui questa azione è parte integrante. Una battaglia per la disarticolazione la distruzione di tutte le carceri che, a partire da questa stessa battaglia ed al suo interno, realizzi livelli sempre più di unità tra PP e tra i PP e gli altri strati dell'intero proletariato metropolitano. E' all'interno dei PP, in quanto proletari, che siamo chiamati a dare un grosso contributo pratico-teorico affinché le nostre lotte e questa azione si trasformino in una battaglia complessiva che riesca a scuotere e ad incrinare una delle articolazioni fondam

entali dello Stato: il carcere imperialista. Il contenuto reale di un programma è sempre la classe, o uno strato di classe, a determinarlo nelle mete e negli obiettivi, e vive nella pratica rivoluzionaria di questa classe. Come PP non ci interessa solo stabilire chi, come e quanto tra le varie OCC riesce solo a cogliere, sotto forma di programma, le tensioni e i livelli di coscienza esistenti all'interno dei PP. Ci interessa anche e soprattutto che l'azione guerrigliara esterna rifletta correttamente quelli che sono i nostri interessi di classe. E il cartello che il porco D'Urso è stato costretto suo malgrado, a reggere, racchiude i contenuti di un programma in cui noi come PP ci riconosciamo. Questo programma nasce direttamente dalle lotte che i PP hanno espresso in questi ultimi anni. Ne raccoglie i bisogni e i contenuti in esso racchiusi e per la loro estensione. Questo programma e sintesi delle lotte passate e progetto di lotta per per la realizzazione dei contenuti in esso racchiusi e per la loro estens

ione. Questo programma è frutto dell'organizzazione che le lotte dei PP hanno saputo creare, è leva per la costruzione di effettivi organismi di massa rivoluzionari. Obiettivo del programma dei PP è la modificazione e il ribaltamento del rapporto di forza favorevoli ai PP che gli permettono di liberarsi.

Guerra alla differenziazione

La realizzazione del programma può essere data soltanto attraverso una lotta unitaria e di lunga durata, per questo ci siamo fissati dei compiti immediati e generali. La distinzione degli aspetti del programma in immediati e generali significa semplicemente battaglia immediata per la realizzazione strategica della liberazione di tutti i PP e per la distruzione di tutti i carceri. Significa anche muoversi verso una sempre più vasta mobilitazione di massa sui contenuti unificati per l'intero movimento dei PP. Questo vuol dire lottare anche per la realizzazione di tutte quelle esigenze particolari che i proletari esprimono e collegare queste lotte parziali ad un programma più generale di potere. ``Organizzare la liberazione dei proletari prigionieri'' significa in un primo luogo porre all'ordine del giorno la liberazione come frutto delle lotte e della forza accumulata dall'intero movimento dei PP in tutte le sue forze possibili e praticabili nelle varie situazioni specifiche dei diversi circuiti del sistema ca

rcerario. Questo significa che tra liberazione e disarticolazione non c'è contraddizione, se non nel senso assai preciso che la liberazione rappresenta il livello massimo della disarticolazione, e la disarticolazione è una delle condizioni della liberazione.

Guerra alla differenziazione

``Smantellare il circuito della differenziazione'' significa in primo luogo ``guerra alla differenziazione'' e cioè abolizione dei trattamenti differenziati, abolizione delle carceri speciali e di tutti gli annessi e connessi - bracci speciali, ordinamenti speciali, celle di isolamento, trattamento speciale, ecc. Ciò naturalmente vale anche per il circuito speciale delle carceri femminili, da Messina alle sezioni speciali dei grandi giudiziari metropolitani, dove vi è la massima concentrazione del proletariato prigioniero femminile differenziato, fino ai ``buchi periferici'' che articolano questo circuito speciale con la funzione di sviluppare il massimo isolamento e di disgregazione possibile del PPF. Una delle armi del trattamento differenziato, in particolare nel circuito cosiddetto ``normale'' e nei GGM, è quello dell'uso, della gestione e dell'applicazione di una serie di istituti quali amnistia, riforma dei codici, 40 giorni, libertà condizionata, semilibertà ecc. che sono i fondamenti dell'individuali

zzazione della pena e del trattamento differenziato. Lo scopo di questi istituti è quello di disgregare il PP e di porre i prigionieri, isolati tra loro, di fronte allo Stato.

L'Asinara è il cuore

Potere proletario non significa gestire il carcere o la detenzione. Potere proletario armato significa liberarsi per distruggere il carcere, distruggere il carcere per liberarsi. Non dobbiamo gestire questi strumenti ma dobbiamo togliere dalle mani del nemico la possibilità di usarli, come è stato fino ad ora, contro di noi. Dobbiamo - raccogliendo le esperienze dei CdL delle Nuove e più in generale di tutte le lotte che si sono sviluppate nel circuito ``normale - utilizzare tutte le possibilità che questi offrono per imporre con la lotta la loro applicazione generalizzata a tutto il PP, rendendo possibile in questo modo e in questi termini la trasformazione di questi istituti di divisione e di ricatto in momenti di unità tra tutto il PP nei vari circuiti del sistema carcerario. ``Chiudere immediatamente e definitivamente l'Asinara'' significa chiudere immediatamente e definitivamente l'Asinara. L'Asinara è l'epicentro della controrivoluzione imperialista, il punto più alto, è il cuore strategico del progett

o complessivo di annientamento. Questo lager concentra in sé il massimo della capacità terroristica dell'annientamento psicofisico che in questa fase il potere riesce ad esprimere. L'Asinara è il luogo dove oggi si sperimentano i caratteri futuri del trattamento che il nemico intende imporre al PP dentro i carceri. E' questa funzione che deve essere attaccata per battere il progetto nemico nel suo punto di massima forza e di irradiazione. In questo senso ci sarà sempre un'Asinara nel circuito carcerario da chiudere. Ci sarà cioè un punto più altro da attaccare. Ma l'Asinara non deve essere vista come un bubbone in un corpo sano, come un'eccezione nel circuito dei carceri speciali. Ogni carcere speciale ha la sua funzione specifica e ogni funzione è finalizzata all'obiettivo dell'annientamento complessivo del PP. Il campo di Palmi rappresenta un primo momento di separazione e di isolamento dei comunisti prigionieri del proprio referente di classe e un laboratorio antiguerriglia per l'analisi e la distribuzion

e scientifica delle OCC.

Il campo di Trani

Il campo di Ascoli conferma specialmente questa tendenza, qui si sperimenta la pacificazione di uno strato di classe, con l'arma del riformismo in quanto funzione dell'annientamento. Il campo di Trani, per certi versi, nel circuito degli speciali si colloca all'opposto dell'Asinara. La sua funzione è quella di addormentare e addomesticare i PP e contemporaneamente - come a Cuneo - di costruire una rete di infiltrati e di delatori, rete, per altro, che già il PP si è assunto il compito di annientare. ``Costruire, rafforzare gli organismi di massa rivoluzionari'' del proletariato prigioniero, significa costruire l'organizzazione capace di portare avanti, sviluppare e realizzare questo programma. Significa ricomporre l'unità di tutto il PP tra i campi, dai campi ai grandi giudiziari, nel circuito speciale e nel circuito ``normale'' tra femminile e maschile. Significa costruire cicli unitari di lotta che si inseguono, ondata dopo ondata, in tutto il carcerario e in tutto il PP. Significa dialettizzarsi strettame

nte col proletariato extralegale e con le pratiche sovversive di tutto il proletariato metropolitano. Significa infine considerare il proletariato prigioniero come parte del proletariato metropolitano, e sottolineare il fatto che il carcere è una funzione legata allo sfruttamento e che sfruttamento in ultima analisi significa carcere per chi non vuole essere sfruttato. Carcere e fabbrica sono due aspetti di una stessa medaglia e per eliminare definitivamente il carcere è necessario eliminare ogni tipo e forma di sfruttamento. Costruire e rafforzare gli Omr dei PP significa costruire potere proletario armato nelle carceri attraverso lo sviluppo delle lotte e la modificazione del rapporto di forza a favore dei PP.

``Lotta, programma, potere proletario'' non potrebbe compiersi e concretizzarsi senza l'organizzazione del PP. Non si parte da zero. Il movimento dei PP ha la sua storia, le ``pantere rosse'', i ``collettivi politici'', i ``NAP'', i ``CdL'' sono le tappe organizzative che questo movimento si è dato in questi anni per portare avanti le sue lotte contro il sistema carcerario. I CdL sono organismi che i PP hanno costruito nella lotta e attraverso la lotta per i loro bisogni immediati. Dicendo ciò, diciamo anche che: non bisogna e non si può restare fermi e quindi mentre rivendichiamo una continuità affermiamo anche l'esigenza di compiere un ulteriore balzo in avanti. Avevamo detto, nella prima fase di costituzione dei CdL, che questo tipo di organizzazione sarebbe stata come una meteora che compariva e scompariva con il comparire e lo scomparire delle ragioni della lotta. Ma questa meteora ha tracciato un percorso, ha costruito militanti, ha creato un patrimonio continuo di lotte, di esperienze e di organizzazi

one. In questa fase l'organizzazione di CdL ha assunto e deve assumere un carattere di stabilità e di continuità per riuscire a realizzare pienamente il programma in tutti i suoi contenuti: deve diventare una stella permanente che viaggia insieme a tutti gli organismi di massa del proletariato metropolitano. Il CdL non è articolazione di nessuna OCC in quanto si basa in primo luogo e soltanto sulle esigenze e sugli interessi di classe specifici dei PP. Ma la sua azione e il suo programma possono essere realizzati solo in stretta unità con tutte le forze proletarie e rivoluzionarie. Il CdL è un ``inter-gruppo'', non un'organizzazione di soli comunisti, ma è l'organizzazione di tutti i PP del campo, che lottano per la distruzione delle carceri e la liberazione di tutti i PP.

Condizioni per liberare D'Urso

Elenchiamo qui di seguito le condizioni che poniamo per liberare D'Urso e gli agenti di custodia che sono nostri prigionieri, per lasciare intatte le strutture di questo carcere speciale. 1) Chiusura immediata e definitiva del campo di concentramento dell'Asinara e trasferimento immediato in altre carceri di tutti i prigionieri che sono detenuti nella sezione speciale. 2) Non proroga e definitivo decadimento del decreto legge sulle carceri speciali che scade il 31/12/80. 3) Modifica sostanziale del vigente regolamento carcerario: aumento della socialità interna (aumento delle ore d'aria e degli spazi di vita collettiva tra i prigionieri, abolizione delle celle di isolamento ecc.) e con l'esterno (abolizione censura e del blocco dei pacchi, abolizione dei colloqui col vetro, aumento del tempo e del numero dei colloqui settimanali ecc.). 4) Riduzione sostanziale della carcerazione preventiva, abolizione del ``fermo polizia'' e i ogni pratica di tortura nelle carceri e nelle caserme. 5) Pubblicazione integrale

di questo comunicato sui seguenti quotidiani: ``La Stampa, La Repubblica, Il Corriere della Sera, Il Messaggero, La Nuova Sardegna, Il Tempo, Lotta Continua''. Ribadiamo che le sorti di D'Urso e degli agenti di custodia che sono nostri prigionieri sono strettamente vincolati all'accoglimento di queste richieste e così vale anche per la possibilità di non distruzione carcere che preventivamente abbiamo minato con esplosivo. Non tentate inutili colpi di mano perché non siamo disposti a tollerarli. Ogni vostra mossa avventata pregiudicherebbe ogni possibilità di trattativa e metterebbe a repentaglio la stessa vita dei prigionieri.

 
Argomenti correlati:
brigate rosse
rapimento
informazione
asinara
libro
comunicato
stampa questo documento invia questa pagina per mail