Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 23 giu. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
D'Urso Giovanni - 1 marzo 1981
LA PELLE DEL D'URSO: (37) La lettera di Giovanni D'Urso al direttore dell'Avanti (13 gennaio)

SOMMARIO: L'azione del Partito radicale per ottenere la liberazione del giudice Giovanni D'Urso rapito dalle "Brigate rosse" il 12 dicembre 1980 e per contrastare quel gruppo di potere politico e giornalistico che vuole la sua morte per giustificare l'imposizione in Italia di un governo "d'emergenza" costituito da "tecnici". Il 15 gennaio 1981 il giudice D'Urso viene liberato: "Il partito della fermezza stava organizzando e sta tentando un vero golpe, per questo come il fascismo del 1921 ha bisogno di cadaveri, ma questa volta al contrario di quanto è accaduto con Moro è stato provvisoriamente battuto, per una volta le BR non sono servite. La campagna di "Radio Radicale che riesce a rompere il black out informativo della stampa.

("LA PELLE DEL D'URSO", A chi serviva, chi se l'è venduta, come è stata salvata - a cura di Lino Jannuzzi, Ennio Capelcelatro, Franco Roccella, Valter Vecellio - Supplemento a Notizie Radicali n. 3 - marzo 1981)

La lettera di Giovanni D'Urso al direttore dell'Avanti (13 gennaio)

Signor direttore, oltre ad apprendere di alcune dichiarazioni rilasciate da mia figlia Lorena nella trasmissione tribuna politica flash, mi è stata data la possibilità di leggere il suo articolo, riguardante la mia vicenda, pubblicato giorni or sono sul quotidiano da lei diretto. Desidero esprimere il mio apprezzamento per la presa di posizione adottata sul suo giornale. Se le scrivo, tuttavia, apparendo del tutto ovvio quanto precede, è perché ritengo dover fornire a quanti possano, allo Stato, non concordare con la linea da lei indicata, ulteriori elementi di concretezza, su cui poter responsabilmente meditare. Ebbene, mi sembra sia noto - ormai - che il processe a cui sono stato assoggettato si è concluso con la condanna a morte; la quale - peraltro - potrà non essere eseguita qualora da parte dei più importanti quotidiani si faccia luogo alla pubblicazione dei comunicati di Palmi e Trani; iniziativa, questa della pubblicazione, di cui sarebbe palese il carattere esclusivamente umanitario, sotto il profil

o della necessità che caratterizza la contingenza che ne occupa, e che sarebbe di tal natura da non coinvolgere punto alcunché o alcuno, al di fuori degli organi di stampa che intendessero realizzarla.

Entrare, con argomenti nella questione, che presumo molto dibattuta della pubblicazione o no dei detti comunicati, non sarebbe, da parte mia certamente opportuno.

Mi sarà tuttavia consentito osservare che, se si concorda sulla validità delle lucide argomentazioni da lei svolte, dalle quali mi sembra possa farsi derivare la possibilità di scorgere una matrice della posizione di chiusura non tale da poter apparire ispirata a concrete ed effettive ragioni sostanziali, il senso d'umanità dovrebbe prevalere.

Da ultimo una preghiera. Qualora non dovessi più vedere mia moglie, voglia essere lei, direttore, a dirle della mia gratitudine per quello che ha fatto, su nient'altro poter contare che non fosse la forza del suo amore per me e per le nostre figlie.

 
Argomenti correlati:
brigate rosse
rapimento
informazione
asinara
libro
avanti
stampa questo documento invia questa pagina per mail