Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 21 apr. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Galli della Loggia Ernesto - 15 giugno 1982
UNA »INUTILE STRAGE ? (9) Pannella tra utopismo e ricerca di verità
di Ernesto Galli della Loggia

SOMMARIO: Nel corso del 21· Congresso del Partito radicale del 1979 (29, 30, 31 marzo e 1, 2 aprile 1979 - Roma) Marco Pannella riprese uno degli argomenti da tempo messi nel mirino della polemica radicale con la sinistra italiana e in particolare col PCI, il tema di Via Rasella, il significato storico dell'episodio resistenziale, le sue connessioni, soprattutto, col terrorismo contemporaneo. Poco meno di un anno prima, la vicenda Moro aveva lacerato la sinistra, collocando il PCI nell'area della »fermezza mentre il PR (e, con altri accenti e sfumature, il PSI) sceglieva una linea di apertura di »dialogo che consentisse di esperire ogni via utile al salvataggio dello statista; rinunciando pregiudizialmente, comunque, ad ogni atteggiamento di omaggio verso uno Stato che venisse ipocritamente a proclamare le proprie intangibili prerogative proprio nel momento in cui più palesi e dolorosi erano i segni della sua impotenza e della sua crisi morale, politica e storica. Come non rilevare, in questo contesto di d

iscussione, che proprio all'inizio della recente storia comunista, oltreché partigiana e antifascista, si collocava in posizione persino centrale l'episodio di Via Rasella, l'attentato di quel lontano marzo 1944, quando un manipolo di partigiani, facendo saltare una carica di esplosivo nel cuore della vecchia Roma allora occupata dai tedeschi, falcidiava una colonna di SS altoatesine in una trappola micidiale? L'attentato - è noto - scatenava la rappresaglia dei tedeschi, che si abbatté su 335 detenuti di Regina Coeli, politici e comuni, massacrati a raffiche di mitragliatrice nel buio di certe cave di pozzolana abbandonate, lungo la allora campestre Via Ardeatina. L'episodio era, o no, un atto di terrorismo, di violenza, inevitabilmente »matrice del terrorismo e della violenza dilagante di nuovo, quaranta anni dopo, nel Paese?

Pannella fu inequivocabile. Se il terrorismo va denunciato e colpito, insieme al terrorismo di oggi dobbiamo denunciare, come corresponsabile, l'intera storia della violenza di »sinistra . Se Curcio è colpevole, l'azione di Via Rasella configura anche essa una forma, da condannare, di violenza omicida.

»Se barbari e assassini sono i ragazzi dell'azione cattolica - ammoniva Pannella - Curcio che, sulla base dell'iconografia dei S. Gabriele e S. Michele, con il piede schiaccia il demonio e diventa giustiziere contro il drago capitalista (...) allora anche Carla Capponi, la nostra Carla, medaglia d'oro della Resistenza per averla messa a Via Rasella, con Antonello, con Amendola e di altri debbono ricordare quella bomba. Dobbiamo dire che se abbiamo un rapporto di »intimità con la storia fascista, abbiamo (...) lo stesso rapporto con i torturatori peggiori, con i miei compagni Togliatti e Curdo... . La reazione comunista alla polemica fu rabbiosa. »L'Unità , il giorno dopo, titolava il resoconto dall'Università: »La linea Pannella: il PCI è il nemico, Curcio un fratello . La strategia radicale veniva definita globalmente »anticomunista . Preceduto da questo resoconto, quella stessa mattina - 1· aprile Pannella si recava al congresso del PCI. L'indignazione e la rabbia dei congressisti comunisti esplodeva, sca

tenata anche da durissimi attacchi di Amendola e Lama. »Il discorso fascista di Pannella è un'ignominia, qui ci sono le medaglie d'oro di Via Rasella era l'invettiva di Amendola; per Lama, »il partito delle brigate Matteotti, di Sandro Pertini e di Riccardo Lombardi non può confondersi con quello di Pannella . La platea fischiava a lungo il leader radicale apparso in sala vestito di scuro e con il loden blu sulle spalle, quasi un »vampiro o un »Nosferatu , come riportava, tra ostile, sbalordita e ironica, la stampa del giorno dopo.

In questo libro sono stati raccolte, oltre alle trascrizioni dei due interventi congressuali di Marco Pannella, le opinioni di coloro che intervennero nel dibattito su Via Rasella, la violenza e il terrorismo.

("UNA »INUTILE STRAGE ?" - Da via Rasella alle Fosse Ardeatine - a cura di Angiolo Bandinelli e Valter Vecellio - Tullio Pironti Editore, 1982, Napoli)

Pannella tra utopismo e ricerca di verità

di Ernesto Galli della Loggia

»Allora alcuni Scribi e Farisei, venuti da Gerusalemme, si avvicinarono a Gesù e gli dissero: ``Perché i tuoi discepoli trasgrediscono la tradizione degli antichi? Infatti non si lavano le mani quando mangiano il pane''. Ma egli rispose loro dicendo: ``Perché anche voi trasgredite il comandamento di Dio per la vostra tradizione?''... E chiamata a sé la folla disse loro: ``Ascoltate e comprendete! Non quello che entra per la bocca viene dal cuore, ed è questo che contamina l'uomo; poiché dal cuore vengono i cattivi pensieri, gli omicidi, gli adulterii, le fornicazioni, i furti, le false testimonianze, le bestemmie: queste cose contaminano l'uomo, ma il mangiare senza lavarsi le mani non contamina l'uomo'' .

Il testo evangelico è l'esempio mirabile di alcuni meccanismi propri della "leadership" carismatica. Primo: la prova suprema del carisma è la violazione del tabù collettivo, della tradizione ricevuta; ma questa violazione - ed è il secondo elemento - lungi dal rappresentare una rottura, dal fondare cioè una nuova tradizione, suona all'opposto come una riconferma di questa, una riconferma però della sua sostanza vera di contro alla sua degenerazione formalistica. E infine, terzo elemento, la riconferma di questa sostanzialità avviene in nome dei valori esistenziali assoluti di cui essa è pegno.

Nel discorso di Pannella sull'attentato di via Rasella si ritrova l'insieme di questi meccanismi con la ovvia (ed in certo senso desiderata e necessaria) appendice di »scandalo da parte degli Scribi e Farisei di turno. L'antifascismo e la Resistenza sono "la" tradizione e la fonte legittimante della classe politica repubblicana; ma la loro sostanza - proclama Pannella - è sostanza di Vita, di Giustizia, di Intelligenza e di Amore, laddove, viceversa, la loro pietrificazione celebrativo-formalistico ne ha fatto qualcosa di diverso, qualcosa che nella vita quotidiana del paese contribuisce a diffondere, o perlomeno a non combattere con sufficiente vigore - la morte, l'ingiustizia l'ottusità e l'odio.

Al centro di questa contraffazione, e quasi uno "scibboleth" di tutta la vicenda italiana, sta il problema della violenza: il suo diffondersi come i tentativi di farvi fronte. Per riuscire a estirparla, dice Pannella, dobbiamo, la sinistra soprattutto deve, scoprire cosa vi è di sbagliato nella tradizione dell'Antifascismo e della Resistenza, illuminare e giudicare la violenza di questa tradizione che è la sua, e che più in generale sta in ognuno di noi. In questo modo il giudizio storico si salda con il giudizio morale; alla »purificazione del primo si accompagna la nostra purificazione come persone. E il tema della nonviolenza diviene il passaggio obbligato per una società e per soggetti umani finalmente migliori.

La nonviolenza come utopismo politico?

Tralascio tutte le altre cose che sono nel discorso di Pannella e mi soffermo su questo che mi sembra il suo ordito di fondo e che ho provato a riassumere. Dicendo subito che mi convince e non mi convince. In che senso? Mi convince, naturalmente, il desiderio di verità (»penso che ciascuno di noi sia fascista sette volte al giorno ), di comprensione storica (il fascismo non si spiega con gli assegni dei capitalisti: »altri torbidumi interiori, altre difficoltà devono farci stare attenti ), l'imparzialità di giudizio. Non mi convince, invece, l'utopismo politico che pervade il discorso: non mi convincono, cioè, né la non violenza elevata a visione del mondo e regola immutabile della prassi, né i tanti virtuistico-esistenziali che dovrebbero costituire l'anima di una sinistra rigenerata "à la" Pannella.

Tra le tante cose che esistono nel mondo degli uomini esiste anche la violenza, così come esiste il male. Certo, il moralista o il religioso hanno diritto di sostenere che la violenza e il male sono in tutti e in ciascuno, e che quindi a nessuno è lecito »scagliare la prima pietra . Ma nella realtà vi sono infinite gradazioni di male e di violenza; c'è il Testo unico di Pubblica Sicurezza e le Leggi di Norimberga, c'è Tanassi e Hitler, e alcune forme di male o di violenza mettono in pericolo le esigenze più elementari della persona umana, per esempio la sua integrità fisica. Se la non violenza ambisce a dare quella risposta che la sua stessa pretesa di essere una visione del mondo impone, è il problema dell'esistenza di questo male e di questa violenza che deve affrontare.

Qui cade l'esempio di via Rasella. E' pacifico che i territoriali altoatesini vittime dell'attentato di nulla erano soggettivamente colpevoli, che quindi ucciderli fu scelta morale terribile e dunque, si spera, presa con tutta la sofferta coscienza che scelte simili richiedono. Ma è altrettanto pacifico che si trattò di un atto contro una violenza spaventosa e pericolosissima (il nazismo). Non chiediamoci ora se esso era davvero necessario, se si doveva o poteva scegliere un altro obiettivo; chiediamoci invece, e chiediamo ai sostenitori della non-violenza: cosa bisognava fare contro quella violenza e quel male che si riassumevano nel nazismo? Essi, che giustamente e con pieno diritto, discutono ciò che fu fatto, hanno l'obbligo di dire ciò che si doveva fare. Non rispondere a questa domanda non possono, e rispondere »bisognava agire da non violenti mi sembra nella sostanza una non risposta.

»L'indipendenza può essere soltanto conquistata ed organizzata , si legge all'inizio del discorso di Pannella. Ebbene, in che modo ciò poteva avvenire sotto l'occupazione della Wehrmacht e delle SS? La verità - la verità storica, non quella morale che spesso si nasconde nei recessi della coscienza - è che la non violenza ha un senso, funziona politicamente, solo quando colui contro il quale è esercitata si sente bene o male legato, ed è di fatto legato, a un codice di comportamento che prevede certe autolimitazioni all'esercizio della forza (per esempio un quadro istituzionale liberal-democratico), ovvero è sottoposto a vincoli esterni (per esempio l'opinione pubblica internazionale). La battuta è fin troppo facile, ma cosa ne sarebbe stato di Gandhi se invece di organizzare le sue proteste di fronte a compassati funzionari del "Civil Service" di Sua Maestà Britannica se la fosse dovuta vedere con un Himmler? E' vero che, durante la seconda guerra mondiale, i danesi riuscirono con una protesta pacifica e di

massa ad opporsi alla cattura dei loro connazionali ebrei. Ma ciò accadde semplicemente perché i Tedeschi non ritennero politicamente conveniente deportare un paio di milioni di danesi per mettere le mani su poche decine di migliaia di ebrei. Sappiamo bene, però, che se fossero stati di diversa opinione nulla li avrebbe trattenuti dal farlo. E allora?

Lu nonviolenza come scelta morale?

Nella storia reale del mondo reale la non violenza ha un senso "solo" a certe condizioni e in certe circostanze. Volerne fare un principio assoluto è certo possibile ma con la consapevolezza che, trattandosi allora solo di una scelta morale, con novanta probabilità su cento il risultato che ci si deve attendere è il martirio e il sacrificio della vita senza alcuna conseguenza pratica. Personalmente non mi rallegro affatto di una conclusione del genere, ma vorrei mi si convincesse che può non essere così con un ragionamento fattuale, non con appelli etici che trovo rispettabilissimi ma incongrui alla reale natura del problema.

L'astrattezza universal-moralistica che sta dietro alla non violenza e la medesima che s'intravede dietro il progetto di una sinistra »nuova quale viene abbozzato nel discorso di Pannella e del Partito radicale in genere.

Questa sinistra irenica, autogestionaria, pacifista, antinucleare, per un terzo freak, per un terzo obiettrice di coscienza e per il rimanente terzo convinta dell'attualità del Manifesto del '48, mi sembra del tutto inadeguata al compito storico di divenire classe di governo in un paese industrializzato. Ma non solo c'è al fondo di questa prefigurazione di Sinistra »nuova un ottimismo irenico, una fiducia nei buoni sentimenti (cancellati dal cuore degli uomini per virtù diabolica del Potere) che, a pensarci bene, mette un po' paura. Se c'è una cosa certa è che »i prossimi 500 anni - come ebbe a scrivere qualche tempo fa Italo Calvino - saranno di ferro e di fuoco . Ora a me pare che proprio gli atteggiamenti semplificatori del reale e lo sfondo moraleggiante-utopistico, che si avvertono in questa idea di una sinistra diversa, potrebbero, nei tempi così difficili che ci aspettano, essere di nuovo fonte di violenza, anche contro le intenzioni dei singoli.

Perché così è sempre stato. Pannella afferma giustamente che »il terrorismo è nella nostra storia e ci invita a ripercorrere tutta la storia della violenza della sinistra. Ma poi si accontenta di citare qualche nome e passa oltre. Se questa storia avesse provato invece a ripercorrerla davvero allora si sarebbe accorto che la sua matrice più importante - psicologica e pratica - è stato il sogno della Città del sole in terra, l'illusione di fabbricare »l'uomo nuovo , di eliminare il Male, e il desiderio di cancellare a ogni costo la realtà che si frapponeva all'Utopia. Da Togliatti a Curcio all'origine della violenza della sinistra si trova immancabilmente il sogno di un mondo di fratelli »liberi ed eguali .

Bisogna guardarsi dagli idoli e dalle semplificazioni, così come bisogna guardarsi dal mischiare la politica all'assolutezza del giudizio etico. E' sufficiente un minimo di decenza realizzabile con un minimo di costrizione.

("QR n. 8-9")

 
Argomenti correlati:
libro
fascismo
violenza
nonviolenza
pci
curcio renato
stampa questo documento invia questa pagina per mail