Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 21 apr. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Stame Federico - 15 giugno 1982
UNA »INUTILE STRAGE ? (11) Il cesarismo di un nonviolento...
di Federico Stame

SOMMARIO: Nel corso del 21· Congresso del Partito radicale del 1979 (29, 30, 31 marzo e 1, 2 aprile 1979 - Roma) Marco Pannella riprese uno degli argomenti da tempo messi nel mirino della polemica radicale con la sinistra italiana e in particolare col PCI, il tema di Via Rasella, il significato storico dell'episodio resistenziale, le sue connessioni, soprattutto, col terrorismo contemporaneo. Poco meno di un anno prima, la vicenda Moro aveva lacerato la sinistra, collocando il PCI nell'area della »fermezza mentre il PR (e, con altri accenti e sfumature, il PSI) sceglieva una linea di apertura di »dialogo che consentisse di esperire ogni via utile al salvataggio dello statista; rinunciando pregiudizialmente, comunque, ad ogni atteggiamento di omaggio verso uno Stato che venisse ipocritamente a proclamare le proprie intangibili prerogative proprio nel momento in cui più palesi e dolorosi erano i segni della sua impotenza e della sua crisi morale, politica e storica. Come non rilevare, in questo contesto di d

iscussione, che proprio all'inizio della recente storia comunista, oltreché partigiana e antifascista, si collocava in posizione persino centrale l'episodio di Via Rasella, l'attentato di quel lontano marzo 1944, quando un manipolo di partigiani, facendo saltare una carica di esplosivo nel cuore della vecchia Roma allora occupata dai tedeschi, falcidiava una colonna di SS altoatesine in una trappola micidiale? L'attentato - è noto - scatenava la rappresaglia dei tedeschi, che si abbatté su 335 detenuti di Regina Coeli, politici e comuni, massacrati a raffiche di mitragliatrice nel buio di certe cave di pozzolana abbandonate, lungo la allora campestre Via Ardeatina. L'episodio era, o no, un atto di terrorismo, di violenza, inevitabilmente »matrice del terrorismo e della violenza dilagante di nuovo, quaranta anni dopo, nel Paese?

Pannella fu inequivocabile. Se il terrorismo va denunciato e colpito, insieme al terrorismo di oggi dobbiamo denunciare, come corresponsabile, l'intera storia della violenza di »sinistra . Se Curcio è colpevole, l'azione di Via Rasella configura anche essa una forma, da condannare, di violenza omicida.

»Se barbari e assassini sono i ragazzi dell'azione cattolica - ammoniva Pannella - Curcio che, sulla base dell'iconografia dei S. Gabriele e S. Michele, con il piede schiaccia il demonio e diventa giustiziere contro il drago capitalista (...) allora anche Carla Capponi, la nostra Carla, medaglia d'oro della Resistenza per averla messa a Via Rasella, con Antonello, con Amendola e di altri debbono ricordare quella bomba. Dobbiamo dire che se abbiamo un rapporto di »intimità con la storia fascista, abbiamo (...) lo stesso rapporto con i torturatori peggiori, con i miei compagni Togliatti e Curdo... . La reazione comunista alla polemica fu rabbiosa. »L'Unità , il giorno dopo, titolava il resoconto dall'Università: »La linea Pannella: il PCI è il nemico, Curcio un fratello . La strategia radicale veniva definita globalmente »anticomunista . Preceduto da questo resoconto, quella stessa mattina - 1· aprile Pannella si recava al congresso del PCI. L'indignazione e la rabbia dei congressisti comunisti esplodeva, sca

tenata anche da durissimi attacchi di Amendola e Lama. »Il discorso fascista di Pannella è un'ignominia, qui ci sono le medaglie d'oro di Via Rasella era l'invettiva di Amendola; per Lama, »il partito delle brigate Matteotti, di Sandro Pertini e di Riccardo Lombardi non può confondersi con quello di Pannella . La platea fischiava a lungo il leader radicale apparso in sala vestito di scuro e con il loden blu sulle spalle, quasi un »vampiro o un »Nosferatu , come riportava, tra ostile, sbalordita e ironica, la stampa del giorno dopo.

In questo libro sono stati raccolte, oltre alle trascrizioni dei due interventi congressuali di Marco Pannella, le opinioni di coloro che intervennero nel dibattito su Via Rasella, la violenza e il terrorismo.

("UNA »INUTILE STRAGE ?" - Da via Rasella alle Fosse Ardeatine - a cura di Angiolo Bandinelli e Valter Vecellio - Tullio Pironti Editore, 1982, Napoli)

Il cesarismo di un nonviolento

di Federico Stame

Le difficoltà e il disagio ad intervenire nel dibattito apertosi dopo l'intervento di Marco Pannella al 21· Congresso Radicale sui temi della violenza, ed in particolar modo sull'attentato di via Rasella, nascono da una pluralità di ragioni che, tuttavia, è bene esplicitare. Esse fanno parte integrante, infatti, a mio avviso, della struttura dei temi che abbiano a discutere. Per quanto mi riguarda (solo per fini espositivi, tuttavia, poiché il mio caso personale non è rilevante) sono, infatti, un marxista »deluso , o un ex marxista; nel senso, più specifico a questo dibattito, che ho condiviso, come tutti i marxisti, il rapporto tra lotta di classe, politica e violenza come »concezione del mondo al cui interno trovano sistemazione molti fatti, anche enormi, tra cui la giustificazione della violenza a seconda del soggetto storico che la compie.

Oggi non condivido più tale rapporto e credo che tra politica, etica e storia debba sussistere un rapporto molto diverso da quello teorizzato da Marx, sulla scorta di Hegel; credo in sostanza che occorra ridiscutere tutta la tradizione del machiavellismo politico che è dominante nella cultura europea dal '600 in poi e che si fonda sull'assunto della separazione tra politica e morale; sulla concezione della storia come ricerca »disincantata del nesso tra i fatti. Oggi occorre rimeditare sulle grandi esperienze teoriche del giusnaturalismo (e sui suoi tentativi di codificare in regole giuridiche il comportamento degli uomini, a livello nazionale e internazionale), sui tentativi dell'illuminismo di sistemare razionalmente il comportamento dell'uomo; penso al Kant di »"Per la pace perpetua" .

Proprio per questi motivi non riesco a condividere le affermazioni di Norberto Bobbio in questo stesso dibattito (»Quaderni Radicali , n. 7, ottobre-dicembre 1979) di non poter giudicare l'attentato di via Rasella, perché esiste una separazione tra giudizio politico e giudizio storico; se si rifiuta la violenza bisogna precisamente mettere in discussione questa separazione poiché proprio su di essa si fonda l'"autonomia" della storia e, quindi, della violenza, poiché la storia non è altro che politica (e quindi violenza) passata.

Se poi la violenza è una "eredità storica" bisogna dire che nessuna riflessione è "radicale" se esita a mettere in discussione appunto le proprie eredità.

Una riflessione è »radicale se discute le proprie eredità

Proprio in una recente occasione Norberto Bobbio affermava che, nella crisi, anche di conoscenze, della società tardo-capitalistica, emergono di nuovo le grandi problematiche della filosofia politica classica; io sono d'accordo e vorrei rilevare che, tra i grandi problemi, il massimo è quello posto dalla tradizione giusnaturalistica cristiana e non: è lecito uccidere il tiranno? Io penso di sì nel senso che quando il tiranno viola la legge naturale la violenza è giustificata; perché il »diritto del tiranno non è più »diritto mentre è diritto la violenza dell'oppresso; in riferimento al diritto naturale come criterio necessario di razionalità imminente del diritto positivo. Il problema di una riflessione attuale, che cerchi di coniugare nuovamente il rapporto di interpenetrazione tra etica e politica è di stabilire quale è "oggi" la legge naturale. Il marxismo vi ha già risposto: il diritto naturale è la volontà del soggetto storico deputato alla trasformazione del mondo, mediato, per di più, dalle organizz

azioni storiche che lo »rappresentano . L'affermazione non mi cattura più per tutto quanto è successo nell'ultimo secolo, nella politica e nell'analisi del movimento operaio; e poi perché resta fuori da questo discorso tutto il problema delle minoranze e del rapporto tra maggioranza e giustizia.

Pannella, leader carismatico

Prima accennavo anche al disagio ad intervenire nel dibattito: esso nasce anche da una forma di attrazione-repulsione verso la figura politica di Pannella. Sulle ragioni della attrazione non vi sono da spendere parole; tutti le conoscono e si esauriscono nell'apprezzamento per la battaglia radicale.

Le ragioni della repulsione nascono dalla mia opinione che Pannella è un leader cesaristico, e a me tali leaders non piacciono. Caratteri tipici del leader cesaristico sono: il carisma, il rapporto diretto con le masse, saltando le mediazioni rappresentative, il perfetto sfruttamento delle possibilità dei mezzi di comunicazione di massa, la scelta oculata degli argomenti coi quali intrattenere il rapporto diretto con le masse. In questo modo le masse non decidono, ma »consentono alle iniziative del leader. Inutile ricordare che il referendum, il plebiscito, sono tecniche essenziali del cesarismo, o bonapartismo, in sostanza tale prassi non instaura rapporti »razionali di comunicazione. Per di più sollevare queste tematiche, così ampie, a due mesi dalle elezioni politiche è, per me, sospetto. Non per »intransigenza morale , ma perché ciò rilegittima quella autonomia tra leggi della politica e leggi della morale che si vorrebbe mettere in discussione ontologicamente, cioè dalle origini. Voglio dire che, in q

uesto modo, la prassi di cui Pannella è l'esponente storico fa rientrare dalla finestra ciò che si voleva far uscire dalla porta: la non subordinazione della politica alla morale che è il dato della politica contemporanea. E così anche la battaglia radical-libertaria, che è comunque il "sale" di ogni lotta attuale per la democrazia, se assume qualità cesaristiche, rientra nell'universo logico del quale vorrebbe essere l'opposizione.

Via Rasella? Non so cosa dire...

Nella situazione attuale la sensazione prima è quella della impotenza; impotenza intesa come consapevolezza che una riflessione-prassi svincolata dalle leggi ferree della »politica , sia a livello interno che internazionale, è una lotta contro i mulini a vento. Quando la violenza è l'unico criterio di regolazione dei rapporti sociali, dall'Afghanistan al terrorismo, quale senso ha riproporre ipotesi neo-moralistiche? Non è anch'essa un atteggiamento di isolamento, dimostrazione dell'impotenza dell'intellettuale? Se per fare politica anche di opposizione bisogna subire le leggi di funzionamento codificate da questa società, quali speranze vi sono che la riflessione abbia, anche lontanamente, effetti pratici, visto che questo rapporto con la pratica è l'ultima cosa cui vorremmo rinunciare?

Sull'attentato di via Rasella, poi, io non so cosa dire; o meglio ho pensato tante cose, molte di esse anche ragionevoli. L'unica da dire è che se avessi fatto il partigiano non l'avrei fatto tra le file comuniste. Ma neppure essa; per tante ragioni, è definitiva.

("QR n. 8-9")

 
Argomenti correlati:
libro
fascismo
violenza
nonviolenza
stampa questo documento invia questa pagina per mail