Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 21 giu. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Notizie Radicali - 2 maggio 1983
E per questo, sciopero della fame a oltranza
L'iniziativa nonviolenta di Marco Pannella

SOMMARIO: Le iniziative radicali per la nuova legislatura: ripresentazione della legge dei sindaci contro lo sterminio per fame, della legge per l'aumento dei minimi di pensione e la riforma del sistema pensionistico. Gli obiettivi dello sciopero della fame di Marco Pannella. Deposito presso le Procure della Repubblica di richieste di procedere contro gli esponenti della partitocrazia italiana con le stesse leggi applicate nel caso di associazioni per delinquere di stampo mafioso.

(NOTIZIE RADICALI N. 8, 2 maggio 1983)

La legislatura inizierà così:

Il 12 luglio 1983, primo giorno previsto della nuova legislatura i primi atti istituzionali, immediatamente successivi all'elezione dei nuovi Presidenti delle Camere, saranno i seguenti:

1. "a": deposito e annuncio d'aula di "una proposta di legge" di riproposizione della legge detta dei Sindaci per la salvezza di tre milioni di agonizzanti per fame nel 1983;

"b": deposito e annuncio di "una proposta di legge d'iniziativa popolare", di "una petizione popolare di stesso segno" firmata da almeno 500.000 cittadini;

2. "a": deposito e annuncio d'aula della proposta di legge per l'immediata elevazione delle pensioni minime a 400.000 lire al mese, di una legge d'iniziativa popolare e di una petizione popolare di almeno 500.000 firme su questo stesso obiettivo.

"b": deposito e annuncio d'aula d'un testo di riforma generale delle pensioni, per poter incardinare una richiesta di dibattito e di voto d'urgenza su questo tema fondamentale della qualità della vita e della politica nel nostro Paese.

3. Il Segretario del Partito Radicale avrà chiesto udienza al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio per gli affari correnti, ai Presidenti delle Camere per illustrare gli obiettivi dello sciopero della fame e delle iniziative nonviolente del Partito Radicale; sciopero della fame che ha avuto inizio il 12 maggio - giorno anniversario della vittoria nel referendum sul divorzio e dell'assassinio di Stato tutt'ora impunito di Giorgiana Masi - e che in via normale sarà ancora in corso.

4. Grande manifestazione popolare, nelle adiacenze del Parlamento, a sostegno delle iniziative anzidette, perché i due dibattiti e i due voti della legislatura siano quelli per il decreto di vita di milioni di persone, per la riforma delle pensioni e l'aumento dei minimi.

5. Saranno depositate e presentate ai Procuratori Generali delle Corti d'Appello della Repubblica le richieste formali di procedere contro gli esponenti della partitocrazia italiana, con gli stessi metodi e le stesse scelte processuali che sono state fissate contro le associazioni per delinquere tipo "mafia" e camorra". Tali richieste saranno appoggiate dalle firme di almeno 500.000 cittadini. Verrà richiesto, in particolare, che dagli atti degli infiniti processi penali, di quelli istruiti o insabbiati dalle commissioni Inquirente, Sindona, P2, vengano tratti gli elementi per ricostruire l'unico disegno criminoso che, attraverso la corruzione e la violenza, la P2 e le P38, sta portando alla sovversione contro la Repubblica.

6. Saranno presentate in conferenza-stampa, eventualmente in sede europea e non necessariamente italiana, l'assieme di proposte di legge, d'iniziativa parlamentare o popolare, o di petizioni che costituiranno la piattaforma politica e programmatica d'alternativa nel quadro degli eventi che caratterizzeranno la nuova legislatura e la campagna per le nuove elezioni europee, che saranno convocate all'incirca dieci mesi dopo il 12 luglio.

 
Argomenti correlati:
digiuno
fame e sottosviluppo
pensioni
stampa questo documento invia questa pagina per mail