Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 26 feb. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Teodori Massimo - 14 marzo 1984
PERCHE' INSULTANO

SOMMARIO: Il deputato radicale Teodori, di fronte alle accuse di calunnia che gli vengono rivolte dal commissario comunista Bellocchio, replica proponendo sette domande che mettono in evidenza i rapporti non chiari tra Pci e P2.

(NOTIZIE RADICALI N. 66, 14 marzo 1984)

"Il comunista Antonio Bellocchio, nel corso del suo intervento alla Commissione P2, commentando la contro-relazione del radicale Teodori ha definito il commissario radicale "calunniatore", "in combutta con Gelli", accusandolo inoltre, naturalmente, di essere "al servizio della Cia".

Massimo Teodori ha riproposto al Pci sette domande sulla questione P2 che non hanno ovviamente, trovato risposta nell'intervento di Bellocchio":

Il Pci è a corto di argomenti per dovere usare simili grossolani insulti per confutare dati, fatti e documenti che hanno fondato le mie interpretazioni sulla P2 svolte analiticamente in commissione.

A nessuno dei punti da me esposti è stata data una convincente risposta:

1) perché Calvi ha finanziato il Pci (con crediti) proprio nel periodo in cui era in difficoltà e godeva della protezione-ispirazione di Gelli e Ortolani e, in particolare, perché ha riaperto un credito di 10 miliardi nei giorni del maggio 1981 in cui era incarcerato?

2) perché vi è stata una gestione del "Corriere della Sera" e della sua linea politica di intesa fra i vertici P2 Tassan Din-Ortolani-Di bella e i responsabili della stampa Pci?

3) perché il Pci, insieme alla Dc e a Psi, si è accanitamente battuto per l'emendamento ammazzadebiti nella discussione della legge per l'editoria?

4) perché Tassan Din afferma che per fare contratti con la Sipra occorreva trattare direttamente con i partiti che ne erano al vertice e cioè Pci, Dc e Psi?

5) che significa, e perché si è aperto, un credito di oltre 20 miliardi da parte di Calvi nei confronti di "Paese Sera"; e perché vi è la compartecipazione nella proprietà di "Paese Sera" della Logos International, finanziaria collegata con il gruppo ambrosiano, e la Nuova editoriale Tritone, società appartenente a fiduciari del Pci?

6) perché non vi è alcuna traccia di obiezione alla nomina dei capi dei servizi segreti piduisti nel 1977-1978 nel momento in cui ogni nomina veniva discussa dai partiti partner della maggioranza?

7) vi è stata o no la convergenza nel "partito della fermezza" del Pci e dei vertici P2, intervenuti in maniera diretta nel caso D'Urso?

 
Argomenti correlati:
bellocchio antonio
teodori massimo
gelli licio
tassan din bruno
il corriere della sera
stampa questo documento invia questa pagina per mail