Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 14 apr. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Pannella Marco, Montanelli Indro - 10 giugno 1985
Nessun ostracismo
Lettera di Marco Pannella a Il Giornale

SOMMARIO: Lettera di Marco Pannella a "Il Giornale" e replica del direttore a proposito della mancata menzione, fra le liste presenti nel Piemonte, di quella "verde civica" per la quale sono candidati fra gli altri Adelaide Aglietta, Emma Bonino, Enzo Tortora e lo stesso Pannella.

(IL GIORNALE, 10 GIUGNO 1985)

Caro direttore,

nella pagina che il tuo giornale ha dedicato alla situazione preelettorale del Piemonte, Beppe Fossati menziona tutti ma proprio tutti tranne che quelle liste "verdi e civiche" nelle quali siamo candidati tra gli altri Adelaide Aglietta, Emma Bonino, Enzo Tortora e il sottoscritto.

Ebbene quelle liste liste hanno il pieno sostegno del quarto partito della città, alle europee dello scorso anno il solo Enzo Tortora ebbe più voti preferenziali di quanti voti complessivi e di lista non raccolsero tre o quattro delle liste che menzionate.

Non una parola, dunque. Potrebbe trattarsi di un banale anche se grave incidente e non di deliberata censura. Ma se consideri che ci è stato riservato lo stesso trattamento e agli stessi candidati e alle stesse liste in Campania (dove lo scorso anno in sei mesi il Pr quintuplicò i suoi voti) e in Puglia, la cosa diventa più seria. Ma se aggiungi ancroa, caro direttore, (posso documentarlo, naturlamente) che tutti gli altri quotidiani nazionali si sono comportati nello stesso modo, ti prego di chiarirmi un dilemma:_ si tratta di "vittimismo radicale" o di incredibile ostracismo?

Ti prego, caro direttore, chiariscimelo in queste ore.

(risposta di Indro Montanelli)

Caro Pannella,

forse in questa vicenda di cose incredibili ce ne sono. Ma la più incredibile è che tu, proprio tu, sospetti noi, proprio noi, di ostracismo. Ti abbiamo aiutato in cento occasioni (anceh se in cento altre ti abbiamo criticato), ti ospitiamo tutte le volte che ce lochiedi Lo chiami ostracismo, questo ?

Ciò detto tuttavia a tua confusione e vergogna, debbo convenire, a confusione e vergogna mia, che sulla pagina elettorale di Torino hai ragione. E a riconoscerlo è proprio il Beppe Fossati, che l'ha redatta, e che, sotto il mio stringente interrogatorio, non ha nemmeno certcato di diferndersi. Ha ammesso subito la sua colpa e invocato soltanto un'attenuante: quella di aver preparato quella pagina prima che tu, Tortora, Aglietta e Bonino scendeste in campo. Avendogli fatto notare che questo non attenua nulla, mi ha chiesto come poteva rimediare. Gli ho detto io di farsi da parte: avrei provveduto io. E, come vedi, mantengo, mettendo in cornice la tua lettera in una rubrica che ha cinque volte più lettori di tutte quelle dedicate alla campagna elettorale.

E ora chiedimi scusa e dimmi grazie.

 
Argomenti correlati:
il giornale
piemonte
liste civiche
lista verde civica
Bonino Emma
stampa questo documento invia questa pagina per mail