Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 18 gen. 2019
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
NR - 28 aprile 1988
Anche Bhagwan è un refuznik

SOMMARIO: I motivi e gli obiettivi del digiuno intrapreso da Andrea Valcarenghi per affermare il diritto di Bhagwan ad entrare in Italia.

(Notizie Radicali n· 87 del 28 aprile 1988)

Digiuno per un diritto

Il segretario federale del Pr Majid (Andrea valcarenghi), saniasi, ha intrapreso dal 26 aprile un digiuno che interromperà soltanto quando il Governo risponderà alle interrogazioni parlamentari e alle petizioni popolari che chiedono la concessione del visto di ingresso a Bhagwan Shree Rajneesh, invitato in Italia da istituzioni culturali, dal Partito radicale, dalle comunità di sanyasin.

Il Governo italiano ha rifiutato il visto per motivi di ordine pubblico. »Questa non è una motivazione ha dichiarato Majid durante una conferenza stampa che si è tenuta a Roma nel corso di una manifestazione organizzata dal Partito radicale lunedì 25 aprile.

»Vogliamo sapere quali delitti sono stati contestati a Bhagwan, quali processi sono stati promossi o non promossi, e perché. E se contro Bhagwan non ci sono processi, perché gli si continua ad impedire libertà di movimento e di parola .

Sulla »questione Bhagwan i radicali presentarono un'interrogazione alla Camera già nel 1986. Quell'interrogazione, e le successive, non hanno mai avuto risposta, ma solo la concessione di un visto temporaneo di 10 giorni, che Bhagwan rifiutò considerandolo offensivo.. Nell'ultima legislatura sono state presentate nuove interrogazioni con molte e autorevoli firme comuniste, socialiste, liberali, repubblicane.

»Riteniamo -ha dichiarato il segretario del Pr Sergio Stanzani- che in primo luogo gli avversari, tutti gli avversari delle idee di Bhagwan dovrebbero sentirsi offesi da questo impedimento come un'offesa a loro stessi; un'offesa alla libertà di Bhagwan, ma anche un'offesa alla loro stessa libertà di confrontarsi con le idee e con la parola di Bhagwan.

(...) Quest'offesa alla libertà non deve essere tollerata. Stiamo lottando, e abbiamo lottato con successo, per la libertà dei refuznik, Anche Bhagwan è un refuznik, un confinato.

Bhagwan verrà in Italia. Ne assumiamo l'impegno .

 
Argomenti correlati:
Bhagwan shree rajneesh
stampa questo documento invia questa pagina per mail