Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 27 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Arnao Giancarlo - 1 gennaio 1989
VIOLENZA E DROGHE

SOMMARIO: Da una rivista del Ministero degli interni, l'analisi del rapporto fra violenza e droga.

"La violenza è stata negli ultimi anni associata al consumo e allo spaccio di droga: è opinione diffusa fra gli operatori che la tossicodipendenza abbia assorbito tutti i fenomeni devianti. [...] Tuttavia, il senso di questa trasformazione è diverso rispetto alla rappresentazione che se ne fanno gli operatori. Una simile rappresentazione è propria dei gruppi violenti stessi: ma, proprio perché la droga distrugge l'"anima" del gruppo, essi rigettano le droghe pesanti nel modo più categorico, sottolineando, quindi, la differenza fra uso di violenza e uso di droga da parte del gruppo.

[...] In questi gruppi è, invece, assai diffuso l'alcool, che viene contrapposto alla droga per la sua valenza comunicativa. La violenza di gruppo, quindi, è associabile al consumo di alcool e non al consumo di droghe pesanti: questo conferma la pericolosità di questa droga legalizzata e smentisce il luogo comune che vuole che l'eroina abbia assorbito tutta la devianza giovanile. L'alcool è più congruente con una frequentazione degenerata che riproduce comunicazioni nonostante l'assenza di profondità e personalizzazione. L'abuso di alcool, quindi, è sia un sintomo che un pericoloso catalizzatore della devianza di gruppo.

Anche le droghe leggere si adattano a queste caratteristiche del codice: esse, però, non sono associate alla violenza di gruppo, come dimostra il fatto che la loro diffusione è analoga in gruppi violenti e gruppi non violenti. Tali droghe non hanno una valenza unica: possono essere una modalità normale di frequentazione cosi' come possono essere associate marginalmente alla devianza. Tutto dipende dal contesto di comunicazione (e non dalla qualità intrinsecamente deviante della sostanza)"

(LABOS, Direzione Generale dei Servizi Civili del Ministero dell'Interno: "Giovani e violenza" Edizioni T.E.R. 1989, pp.199- 200)

 
Argomenti correlati:
violenza
stampa questo documento invia questa pagina per mail