Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
lun 24 giu. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Del Gatto Luigi - 14 febbraio 1989
AIDS: L'irresponsabilità del governo italiano.
Luigi Del Gatto

SOMMARIO: L'urgenza del problema Aids: la risposta antiproibizionista del governo australiano a confronto con l'irresponsabilità della legge Russo Jervolino.

(Atti del Convegno "No alla legge governativa sulla droga, repressiva, illiberale, ingiusta", Roma 14 febbraio 1989)

Dopo un'introduzione così completa credo di potermi limitare, allo stato attuale, ad un breve saluto di benvenuto a nome del CORA che ho qui l'onore di rappresentare, e semmai, per tentare di entrare immediatamente nel merito delle questioni sollevate da Massimo Teodori, richiamare la vostra attenzione sulla necessità di capire il contesto nel quale ci muoviamo.

Una maniera per farlo ed esemplificarlo, può essere ricordare che soltanto una settimana fa, il 2 febbraio, il Senatore Peter Baume che è Presidente della task force parlamentare del governo federale dell'Australia, ha annunciato che comincerà in quel paese un piano di prescrizione limitata di eroina per poter affrontare - ecco il problema - la reale emergenza o, meglio, urgenza che tutti i nostri paesi hanno di fronte: l'AIDS; e quindi il suo collegamento con i cosiddetti consumatori endovenosi di droga. Da una parte, quindi, prescrizione, il Traial, cioè la sperimentazione perché questo è un modo per interpretare l'antiproibizionismo, cioè un atteggiamento metodologicamente sperimentale di andare a vedere che cosa succede, nella presa di coscienza di questa urgenza, questa iniziativa da parte del governo australiano che è stata subito sostenuta da personaggi esperti come Jan Gust, oppure dal Prof. Gold della Albion Clinic sull'AIDS.

Se questo capita in Australia con questa recente decisione - ma già è per esempio nell'esperienza olandese e nell'esperienza danese - nella legge Russo Jervolino l'AIDS viene citato soltanto parenteticamente, una sola volta, nell'articolo 111 che riguarda il finanziamento degli interventi in favore dei detenuti tossicodipendenti e ammalati di AIDS: l'AIDS cioè è considerato soltanto nel carcere.

E' perciò che invito a tenere presente questo dato: la completa ignoranza, l'assoluta mancanza di consapevolezza di quale è il problema che dobbiamo affrontare in presenza dell'AIDS, nel nostro paese, a confronto invece di una responsabile presa di posizione di altri governanti, vedi per ultimo quello citato della lontana Australia.

Messa a fuoco questa necessità di dare, di scoprire, di delimitare il contesto nel quale ci muoviamo, io rinnovo i miei sentimenti di benvenuto.

 
Argomenti correlati:
convegno
roma
aids
australia
stampa questo documento invia questa pagina per mail