Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mer 29 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Lalli Antonio - 25 marzo 1989
Una agenzia per i diritti umani
Antonio Lalli

SOMMARIO: L'emendamento presentato dai deputati radicali alla legge finanziaria per la costituzione dell'"agenzia per il controllo dell'attuazione dei Trattati internazionali relativi alla libertà e ai diritti civili e per l'informazione nei paesi a regime dittatoriale".

(Notizie Radicali n· 66 del 25 marzo 1989)

Nell'ambito della discussione relativa alla legge finanziaria, il 15 novembre 1988 la Camera dei Deputati ha approvato l'emendamento del Gruppo federalista europeo - firmatari i deputati Rutelli, Calderisi, Zevi e Pannella - per l'istituzione dell'"Agenzia per il controllo dell'attuazione dei Trattati internazionali relativi alla libertà e ai diritti civili e per l'informazione nei paesi a regime dittatoriale". Gli stanziamenti previsti sono di un miliardo per ciascuno degli anni 1989, 1990 e 1991.

L'istituzione dell'Agenzia per i diritti umani fu proposta dal Governo, a seguito di un emendamento radicale approvato durante la discussione della legge finanziaria 1984, nella scorsa legislatura; ma non fece molta strada a causa di resistenze (che in verità non si sono mai espresse chiaramente) che ne hanno bloccato l'iter presso la Commissione affari esteri del Senato.

In questa legislatura il Gruppo federalista europeo ha ripresentato il progetto (assegnato alla Commissione affari costituzionali della Camera dei Deputati) e, per utilizzare le somme stanziate, si impegnerà affinché l'iter legislativo giunga alla definitiva approvazione. Si tratta, infatti, di un provvedimento che fornisce al Governo uno strumento essenziale di iniziativa politica sulla scena internazionale, in grado di sostituire l'attuale Commissione per i diritti umani presso la Presidenza del Consiglio, con poteri e mezzi più significativi: una materia tanto fondamentale per la politica estera di un paese democratico non può restare affidata a una Commissione consultiva, di fatto priva di poteri, e a un modesto ufficio presso il Ministero per gli affari esteri.

 
Argomenti correlati:
est
stampa questo documento invia questa pagina per mail