Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 16 apr. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Notizie Radicali - 14 novembre 1989
Dimissioni di Pannella (6): E poi...

SOMMARIO: E' ricostruita in questi testi la vicenda delle dimissioni di Marco Pannella dalla Camera dei Deputati; le questioni gravissime che con esse Pannella ha sollevato insieme al velo sporco e spesso di cui il Parlamento è ricoperto. Ecco dunque quel che l'ormai ex deputato ha scritto ai suoi colleghi, quel che ha detto in Aula, quel che a lui e ai problemi da lui sollevati è stato risposto; con l'esito a "sorpresa" dell'accoglimento delle dimissioni. E poi quel che si è detto della vicenda: in "Transatlantico", sui giornali, dai microfoni della Rai.

Di seguito le dichiarazioni rilasciate dopo il voto dai politici.

(Notizie Radicali n.248 del 14 novembre 1989)

Esiste una maggioranza parlamentare disposta a coprire l'illegalità e la degenerazione dell'informazione che ne è la prima e la più grave manifestazione antidemocratica. Che questa maggioranza, in prevalenza democristiana e socialista, abbia dovuto formarsi nell'ombra è ancora più significativo ed inquietante: queste volontà infatti non si dichiarano. Il messaggio è tuttavia chiaro: il nuovo gruppo trasversale oggi dominante nella partitocrazia ha intenzione di continuare sulla strada della prepotenza e della illegalità, e vuole risparmiarsi anche il fastidio delle denunce di Pannella e dei radicali. Ugualmente chiara e inquietante è apparsa la dichiarazione finale della Iotti, che ha fornito la più candida e drammatica testimonianza dell'impotenza dell'istituzione parlamentare di fronte al degrado della democrazia.

GIANFRANCO SPADACCIA, Partito Radicale, senatore

A forza di sedersi sul fuoco ogni tanto ci si scotta il sedere.

SILVANO LABRIOLA, Partito Socialista, deputato

Una perdita del Parlamento in immagine e dignità. Era facile chiedere la parola e dichiarare il proprio dissenso sulle dichiarazioni fatte da ogni gruppo. La mancanza di coraggio ha avuto invece ragione.

Non ho condiviso la dichiarazione della Presidente della Camera che a mio avviso ha condizionato la votazione. Chi ha parlato subito prima dello scrutinio segreto? La Iotti. Ecco, allora fine della trasmissione.

OSCAR LUIGI SCALFARO, Democrazia Cristiana, deputato

E' stato un gravissimo errore, oltre che una scorrettezza, privare il Parlamento di una voce libera. La Camera forse inizia ad essere un pò troppo intollerante nei confronti di chi non è completamente irregimentato nel sistema.

FRANCESCO MAZZOLA, Democrazia Cristiana, deputato

C'era un clima savoranolesco in quel dibattito, un misto curioso di fatti politici e personali: possibile del resto perchè il Parlamento non è una macchina. Mi è sembrata, date anche le dichiarazioni di voto, una classica espressione di schizofrenia: un esempio di scarsa riflessione dell' assemblea.

GERARDO BIANCO, Democrazia Cristiana, vicepresidente Camera

Non credo che siano stati i democristiani ad accanirsi su Pannella, a fargli la festa.

CLEMENTE MASTELLA, Democrazia Cristiana, deputato

Se solo Pannella proverà a coinvolgermi come ispiratore dell' operazione ordita ai suoi danni gli arriverà uno schiaffo.

ANTONINO ZANIBONI, Democrazia Cristiana, deputato

Sono molto rispettosa della volontà dei singoli. Aveva chiesto di andarsene ed io gli ho risposto di sì per rispettare la sua volontà.

OMBRETTA FUMAGALLI CARULLI, Democrazia Cristiana, deputato

Usare il voto segreto per un killeraggio squalifica la politica ed il parlamento. E' un fatto gravissimo.

WILLER BORDON, Partito Comunista, deputato

Una cosa indegna... Una maggioranza parlamentare prepotente ed anche un po' vile.

CHICCO TESTA, Partito Comunista, deputato

Mio nonno era un contadino e quando andava al mercato a comprare una vacca bastava una stretta di mano. Neanche il mercato delle vacche è più come una volta.

GINO PAOLI, Sinistra Indipendente, cantautore e deputato

Sono contrario allo strumento delle dimissioni, ma nella sostanza concordo con la denuncia di Pannella.

LUCIANO BARCA, Partito Comunista, senatore

L' esito del voto è molto grave e preocupante. Conferma i fatti politici gravi,concreti e reali che Pannella intendeva denunciare.

GIGLIA TEDESCO, Partito Comunista, senatrice

Una buona parte dei democristiani ha voluto anche umiliare Scalfaro, che aveva dichiarato di intervenire a nome del gruppo. Mentre lui parlava organizzavano la fronda.

GIAN CARLO BINELLI, Partito Comunista, deputato

Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino.

ANTONELLO TROMBADORI, Partito Comunista, ex deputato

Astratto il nostro dibattito e concrete le mozioni? Anche le mozioni alla fine sono parole, esattamente come i dibattiti, e il governo se ne infischia.

FRANCO BASSANINI, Sinistra Indipendente, capogruppo Camera

Un nuovo 8 settembre, quando americani e inglesi accusarono gli italiani di essere cialtroni e inaffidabili.

GIANNI MATTIOLI, Verdi, capogruppo Camera

Il voto contro Pannella rivela chiaramente l'influenza del Partito Trasversale Rai, che ha punito le denunce di 'guasti e nefasti' del sistema radiotelevisivo pubblico..

ANTONIO DEL PENNINO, Partito Repubblicano, capogruppo Camera

Pannella è una colonna portante della democrazia parlamentare italiana.

FERDINANDO FACCHIANO, Partito Socialdemocratico, ministro dei Beni Culturali

Per molti è un personaggio fastidioso, ma l'intellettuale non deve ungere, deve dar fastidio. E' un vero peccato che ora sia fuori dalla Camera..

EGIDIO STERPA, Partito Liberale, Ministro Rapporti col Parlamento

Un chiasso esagerato. Lui ha chiesto di andarsene? E noi gli abbiamo risposto 'vai'.

RAFFAELE COSTA, Partito Liberale, deputato

La più piena solidarietà a Pannella.

GIOVANNI RUSSO SPENA, segretario Democrazia Proletaria, deputato

L' imboscata a Pannella è stata una cosa altamente organizzata.

MASSIMO TEODORI, Partito Radicale, deputato

Gli ho comunicato la mia solidarietà e riconfermato la mia amicizia. Non sono d'accordo con Pannella in questo momento, ma lo sono stato in tante iniziative che hanno aiutato a crescere la democrazia nel nostro Paese: il voto del Parlamento, purtroppo, va in direzione opposta.

GIACOMO MANCINI, Partito Socialista, deputato

Mi dispiace per quello che è accaduto, mi dispiace anche della slealtà, se vi è stata, dei singoli deputati o di gruppi di parlamentari organizzati. Se fossi stato presente avrei votato per respingere le dimissioni.

CLAUDIO MARTELLI, Partito Socialista, vicepresidente del Consiglio

La migliore risposta alle proteste di Marco sarebbe stata la reiezione della sua richiesta di dimissioni.

PIETRO LEZZI, Partito Socialista, sindaco di Napoli

Gli dò atto che se in Italia non si hanno grandi gruppi finanziari ed i giornali alle spalle si va male, ma la battaglia va fatta con altre forme che non siano le dimissioni.

GUIDO GEROSA, Partito Socialista, senatore

E' strano che aver accolto le dimissioni di Pannella, accogliendone la volontà, costituisca motivo di scandalo.

MAURO DEL BUE, Partito Socialista, deputato

Ho calcolato che le due ore di discussione sono costate alla Camera, direttamente o indirettamente, circa 250 milioni. Accettando le sue dimissioni ho pensato di far risparmiare a noi tutti almeno i 250 milioni della prossima volta.

FRANCO PIRO, Partito Socialista, deputato

Sono molto contento. Pannella non può continuare a giocare con le istituzioni.

MAURO SANGUINETI, Partito Socialista, deputato

Finalmente ce lo siamo tolto dai coglioni.

SILVANO LABRIOLA, Partito Socialista, deputato

Secondo Labriola finalmente si sono tolti Pannella dai coglioni.

Peccato che siano rimasti i coglioni.

SERGIO TURONE, 'Avvenimenti'

Non sono soddisfatta della discussione svolta. Non sottovaluto l' importanza del dibattito, ma sono state pronunciate parole alte ed appassionate senza la possibilità di far seguire alcuna decisione riguardo ai molti temi trattati, dai problemi dell' informazione al corretto funzionamento dei meccanismi istituzionali. Si possono attivare gli strumenti idonei a giungere a decisioni senza limitarsi a pronunciare soltanto parole.

NILDE IOTTI, Presidente Camera Deputati

 
Argomenti correlati:
nr-248
dimissioni
dichiarazione
labriola silvano
mazzola francesco
mastella clemente
fumagalli carulli ombretta
testa chicco
barca luciano
binelli gian carlo
bassanini franco
del pennino antonio
sterpa egidio
costa raffaele
mancini giacomo
lezzi pietro
del bue mauro
sanguineti mauro
iotti nilde
stampa questo documento invia questa pagina per mail