Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
gio 20 giu. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Notizie Radicali - 14 novembre 1989
Dimissioni di Pannella (9): Dimissioni per finta?

SOMMARIO: E' ricostruita in questi testi la vicenda delle dimissioni di Marco Pannella dalla Camera dei Deputati; le questioni gravissime che con esse Pannella ha sollevato insieme al velo sporco e spesso di cui il Parlamento è ricoperto. Ecco dunque quel che l'ormai ex deputato ha scritto ai suoi colleghi, quel che ha detto in Aula, quel che a lui e ai problemi da lui sollevati è stato risposto; con l'esito a "sorpresa" dell'accoglimento delle dimissioni. E poi quel che si è detto della vicenda: in "Transatlantico", sui giornali, dai microfoni della Rai.

(Notizie Radicali n.248 del 14 novembre 1989)

Pannella è stato deputato quattro volte e quattro volte si è dimesso: tre volte dopo circa due anni e mezzo, nella ottava legislatura dopo poco più di un anno.

VII legislatura > elezione 1976.......dimissioni gennaio 1979

VIII legislatura > elezione 1979.......dimissioni novembre 1980

IX legislatura > elezione 1983.......dimissioni dicembre 1986

X legislatura > elezione 1987.......dimissioni ottobre 1989

La durata della settima, dell'ottava e della nona legislatura è stata inferiore a quella ordinaria di cinque anni per lo scioglimento anticipato delle Camere.

Nella storia del Parlamento nazionale sino a ieri tutti quei deputati che avevano espresso il desiderio di andarsene erano stati affetttuosamente trattenuti da un voto unanime del Parlamento.

GIANFRANCO PIAZZESI, Corriere della Sera

Pannella avrebbe dovuto sapere che in questo paese le dimissionmi non sui danno mai, neanche per scherzo. Non gli vale come scusante l' essere invecchiato nei luoghi della polica ripetendo 'me ne vado' e restando immancabilmente al suo posto, immobile monumento al movimentismo.

SALVATORE SCARPINO, Il Giornale

Troppe volte Pannella si è dimesso da deputato, sicuro che il suo gesto sarebbe stato respinto al mittente. E gli era andata sempre bene. Una cosa è certa: d'ora innanzi ci penserà due volte prima di rassegnare le dimissioni. Qui ti soffiano la sedia appena stacchi il sedere, caro Marco.

GIUSEPPE GIACOVAZZO, Il Mattino

Pannella ha sbagliato nel dare le dimissioni. Sono tipiche dimissioni all'italiana, presentate per essere respinte.

GUIDO GEROSA, Partito Socialista, senatore

Pannella si è dimesso, ma chiedeva che non lo si prendesse sul serio; e siccome per una volta è accaduto, si accende.

VALTER VECELLIO, Avanti!

Dimissioni accettate davvero. Ed è la prima volta.

GIORGIO BATTISTINI, La Repubblica

Paolo Grassi che conosceva la piazza ammoniva: "In Italia le dimissioni non bisogna darle perchè le accettano". Anche Marco ci contava, prima si annuncia il congedo e il coro intona "No non ci lasciare" e poi si fa subito marcia indietro: è un copione di cui è previsto e scontato il finale.

ENZO BIAGI, Corriere della Sera

 
Argomenti correlati:
nr-248
dimissioni
dichiarazione
scarpino salvatore
gerosa guido
battistini giorgio
stampa questo documento invia questa pagina per mail