Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
dom 21 lug. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Spadaccia Gianfranco - 20 novembre 1989
SCIASCIA: UN COSTANTE PUNTO DI RIFERIMENTO PER I RADICALI
di Gianfranco Spadaccia

SOMMARIO: Gianfranco Spadaccia esprime "dolore" e "commozione" per la morte di Leonardo Sciascia: "Ciò che Leonardo ci ha insegnato è stato il dovere di tener fermi alcuni essenziali principi di libertà e di tolleranza": per questo i radicali lo hanno sentito vicino come "costante punto di riferimento".

(NOTIZIE RADICALI, 20 novembre 1989)

Roma, 20 novembre '89 - N.R. - Gianfranco Spadaccia, senatore del gruppo Federalista Europeo Ecologista, ha dichiarato:

"E' morto Leonardo Sciascia. Radio Radicale mi chiede una dichiarazione. Non voglio, non posso formulare un necrologio. Mi è difficile in questo momento esprimere il mio dolore, la mia commozione.

Si affollano i ricordi, le emozioni.

Sento piuttosto il desiderio di riaprire e rileggere le pagine che trenta, trentacinque anni fa seppero parlare ai miei sentimenti, alle mie aspirazioni giovanili e che contribuirono alla formazione della coscienza civile, mia e di molti altri, allora, miei coetanei.

Perché ciò che Leonardo ci ha insegnato è stato il dovere di tener fermi alcuni essenziali principi di libertà e di tolleranza, e il dovere di ubbidire sempre alla propria coscienza.

Lui ha saputo farlo in maniera eccezionale.

Lo ha fatto con i suoi libri. E lo ha fatto, in tante drammatiche circostanze, della nostra storia civile di questi decenni, con la parola, lo scritto, l'impegno pubblicistico e politico, senza timore - lui così schivo, perfino introverso - di esporsi, nell'intervento e nella polemica politica, ogni volta che l'importanza della causa l'imponeva alla sua coscienza.

E' la ragione per cui, nonostante il suo distacco, noi radicali lo abbiamo sempre sentito e avuto vicino come un costante punto di riferimento".

 
Argomenti correlati:
morte
stampa questo documento invia questa pagina per mail