Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
gio 22 feb. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Pannella Marco - 21 novembre 1989
In ricordo di Leonardo Sciascia: Marco Pannella

SOMMARIO: A poche ore dalla scomparsa di Leonardo Sciascia, Marco Pannella ricorda l'uomo che ha dato alla luce "la drammatica certezza della parola, della libertà, della legge, della saggezza, dell'amore possibili".

(Notizie Radicali n.248 del 14 novembre 1989)

Con Leonardo Sciascia ci lascia un uomo d'altri tempi, speriamo futuri. Leonardo Sciascia ha concepito e dato alla luce, nel buio delle democrazie reali e nella desolazione del nostro secolo, la certezza, necessaria alla vita, la drammatica certezza, della parola, della libertà, della legge, della saggezza, dell'amore possibili.

Sciascia ha coltivato con amore e dolore in noi, ed in se stesso, i Candides necessari alla vita dell'etnos e dell'ethos del nostro tempo. Innocenti, drammaticamente liberi e responsabili, umili e forti, non più solamente ingenui e liberati, improbabili e cinici, come il grande prototipo di Voltaire. E del suo Diderot, come dei suoi siciliani, ci ha dato la assetata e inesausta attesa di una società abitata dalla tolleranza, dalla saggezza e dalla nobiltà oltre che dal male di vivere.

Sciascia era, è stato, è, sarà un maestro. Ci ha portato alla ricerca, la sua, nella puntualità del passato ed in quella del presente, con amore, con rigore, con vigore, con impareggiabile cultura e maestria.

Sto ascoltando da Radio Radicale, questa istituzione sciasciana nel metodo se non nella consapevolezza, ma, qualche volta, anche nella riuscita, la sua voce. Il fascino della sua dizione esitante della sua parola sicura ne fa un oratore straordinario. Aveva torto lui, e ragione io, nel suo ritenere che l'amore mi facesse velo nel dirglielo.

E' stato, è il più intelligente degli europei della politica e nella politica. Egli ha immortalato l'aberrazione mafiosa, per primo e praticamente solo, nella nostra letteratura e nella nostra vita civile. Per questo è stato ed è il più forte punto di riferimento e il più illuminante dei possibili legislatori di fronte alla società ed alle istituzioni antimafiose, mafiose ed eredi della mafia, della sua cultura e della sua prepotente, quasi sacrale intolleranza.

Sciascia ha ammonito che la legge, che la sua certezza, che la certezza delle regole, che la uguaglianza di tutti di fronte alla legge, è quanto va opposto proprio all'"emergenza" del male, sia essa "politica" o "criminale". E, fino a ieri, ha sentito su di sè, sulla sua immagine e quasi sul suo corpo lo strazio della lapidazione della sua verità e della sua identità, operata a Palermo o a Roma, ovunque, attraverso quella della sua immagine.

Con Leonardo, ci lascia e mi lascia la sola persona presso la quale sono accorso, sicuro di poterlo, per prendere consiglio, e seguirlo, nei momenti più difficili della mia vita, e forse di quella del paese, o che tali mi apparivano, trovando sempre ascolto e risposta.

Nè il nostro Stato, nè le istituzioni "letterarie" del mondo, hanno onorato - come potevano - l'uomo, lo scrittore, il cittadino, dando misura di se stessi, non di lui.

Che egli abbia onorato con la sua presenza il Parlamento italiano, e - sia pur brevemente - quello europeo, grazie al Partito Radicale ed ai suoi elettori; che in tutte, davvero in tutte, le battaglie di libertà e di diritto che stiamo combattendo la sua parola, il suo consiglio, il suo consenso non ci siano mai mancati, oggi tutto questo ci lascia più soli, tremendamente soli, a Mosca o a Roma, a Praga o in Canada, dove che si sia: a Palermo, o a Catania.

Per questo, se non altro, possiamo intendere non solamente con il cuore la passione, il dolore immenso di Maria, di Anna Maria e Laura e sapere d'esser loro vicini.

Mentre non lo sarò, fisicamente, ai suoi funerali. Vi saranno infatti quelle televisioni, quei mass-media, quei potenti e quei nemici e falsi amici che hanno cercato di ferirlo, di abbatterlo, di deturparlo, di farlo misconoscere, non di rado riuscendoci; e che, con lui lontano, continueranno a Roma, a Palermo, altrove nella loro opera, per tanti versi mafiosa-antimafiosa.

Pubblicheremo i discorsi e le interviste di Leonardo e le ridaremo sovente, fin che le avremo, da Radio Radicale e da Teleroma 56, perchè - se egli ci manca oggi così dolorosamente - non manchi la sua parola, a lungo, molto a lungo, in Sicilia ed in Italia.

 
Argomenti correlati:
morte
nr-248
stampa questo documento invia questa pagina per mail