Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mar 21 mag. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Jannuzzi Lino, Pannella Marco - 20 gennaio 1990
Cervelli fusi
di Lino Jannuzzi

SOMMARIO: Registrazione, poi ridotta giornalisticamente, di una conversazione telefonica tra l'autore, Lino Jannuzzi, e Marco Pannella, secondo lo schema proprio della rubrica tenuta dal giornalista. Vi si commenta la richiesta, lanciata da Pannella (che si rivolgeva in particolare ad Occhetto) durante il Consiglio nazionale del partito radicale, per cinquantamila nuovi iscritti. Jannuzzi sostiene che i nuovi iscritti - dei quali Pannella fa l'elenco - provengono "più o meno" dallo schieramento a favore del referendum per la riforma della legge elettorale; a sua volta Pannella afferma che lo schieramento è ben più ampio. "Ma se il referendum passa - pungola Jannuzzi - non rischiate di fornire un pretesto per lo scioglimento della legislatura"? "E' sempre stato così - risponde Pannella - anche per l'aborto e gli altri referendum..."

(IL SABATO, 20 gennaio 1990)

Caro Marco, vuoi mille iscritti entro il 31 gennaio, cinquemila entro febbraio, diecimila entro marzo e, se non sbaglio, addirittura cinquantamila entro la fine dell'anno... Non è un pretesa un po' eccessiva?

"Non è passata una settimana dalla fine del nostro consiglio nazionale e si sono già iscritti in più di seicento..."

E sono tutti comunisti?

"Questa è un'altra frottola della disinformazione nazionale... Non è vero che ci siamo rivolti solo ai comunisti..."

Ma Occhetto è stato il più coccolato...

"E cinquanta militanti hanno annunciato pubblicamente l'iscrizione al Partito radicale..."

Nonostante i fulmini di Pajetta...

"E la sezione Salario..."

Che hanno fatto alla sezione Salario?

"Alla sezione Salario del Pci, a Roma, hanno rifiutato di dare la tessera comunista 1990 a un loro iscritto dell'89 che ha preso la tessera radicale..."

E' vero dunque che la sirena radicale canta soprattutto per i comunisti...

"Ma si è iscritto anche Gianni Mattioli, il leader storico dei verdi... e questo è il sintomo di una maturazione grossa..."

Sono maturati i verdi...

"Sono maturati loro e siamo maturati noi... E si è iscritto anche Virginio Bettini, parlamentare europeo..."

I verdi sono molto vicini ai radicali...

"Non da sempre, non sempre e non tutti..."

Però questi verdi arcobaleno lo sono...

"Nell'arcobaleno ci sono componenti verdi e comuniste e demoproletarie... E' da queste che vengono i nuovi iscritti..."

Comunisti, demoproletari e verdi arcobaleno... Si potrebbe dire: se non è zuppa...

"Si iscrivono i liberali, come Beatrice Rangoni Machiavelli e Giorgio Fontana... e socialdemocratici come Scovacricchi... e sindacalisti della Cisl come Amato Lamberti..."

E' più o meno lo schieramento a favore del referendum per la riforma della legge elettorale...

"Per questo c'è in più la nutrita pattuglia democristiana, con i Segni, gli Scalfaro, i Ciccardini..."

E si è aggiunto, fresco, fresco, De Mita...

"Il che dimostra la forza di questa proposta: se è riuscita a far tornare alla ribalta persino De Mita, e sia pure con il cervello fuso..."

Perché cervello fuso?

"Perché anche lui crede a questa bestialità della "non ammissibilità" costituzionale del referendum..."

E' una bestialità?

"Una bestialità dei socialisti alla Amato, un altro che da quando Craxi l'ha fatto vicesegretario trimezzato, gli si è fuso il cervello..."

Ma la corte costituzionale...

"La Corte costituzionale ci fregò il referendum contro il Consiglio superiore della Magistratura (e allora il primo a gridare allo scandalo fu Bettino Craxi) perché proponevano di abolire integralmente una legge, e finché non se ne faceva un'altra, si sarebbe venuto a creare un vuoto giudirico..."

Questa volta invece...

"Questa volta chiediamo di sopprimere due o tre commi della legge, che continuerà a funzionare, sia pure in modo diverso, anche senza quei commi..."

Sia pure col cervello fuso, come dici tu, De Mita non perso l'occasione... Non rischi di fornirgli, a lui e ai comunisti, un pretesto per ritessere la vecchia tela del compromesso storico...

"Alle radici ci siamo noi e democristiani come Segni, Scalfaro e Ciccardini... Non è la migliore compagnia per il compromesso storico..."

Eppure Veltroni è corso ad abbracciare De Mita e a rassicurarlo che la loro iniziativa non voleva essere una alternativa alla Dc...

"Ma è precisamente ciò che vado predicando da un anno: il degrado partitocratico, che ha ammorbato tutti, costringe oggi ad un'alternativa al sistema e al regime, e questa alternativa non si può fare senza una buona parte della Dc..."

E se il referendum passa, non rischiate di fornire un pretesto per lo scioglimento della legislatura...

"E' sempre stato così, anche per l'aborto e gli altri referendum... Perciò abbiamo costituito la Lega per la difesa della legislatura..."

E Occhetto si è affrettato ad aderire anche a quella...

"Certamente... Meglio di Alessandro Natta che invece si accordò con Ciriaco De Mita per affossare la scorsa legislatura..."

 
Argomenti correlati:
pci
verdi
de mita ciriaco
referendum
uninominale
stampa questo documento invia questa pagina per mail