Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 12 lug. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Il Partito Nuovo - 1 luglio 1991
»Nessuna nazione può risolvere i suoi problemi da sola

SOMMARIO: Il 22 aprile 1991, a Stoccolma, rappresentanti di 29 Stati sottoscrivono un Documento sul »Governo e la Sicurezza Globale . In questo documento, che costituisce una fonte d'impegno e di azione politica, si afferma la necessità di creare un sistema di sicurezza, a livello globale e regionale, non basato sulla forza militare delle singole potenze. »Pace e sicurezza - si dice - non si otterranno se la cooperazione internazionale non si estenderà anche alla gestione delle minacce che provengono dai fallimenti nello sviluppo, dal degrado ambientale e dalla mancanza di progresso nel cammino verso la democrazia.

(Il Partito Nuovo, n.2, Luglio 1991)

I leader mondiali devono agire con determinazione per costruire un nuovo sistema di pace e sicurezza su scala sia globale che regionale.

Pace e sicurezza non si otterranno se la cooperazione internazionale non si estenderà anche alla gestione delle minacce che provengono dai fallimenti nello sviluppo, dal degrado ambientale e dalla mancanza di progresso nel cammino verso la democrazia. Le ingiustizie che prevalgono nel mondo sono una minaccia costante alla sicurezza delle nazioni e dei popoli. La crescente interdipendenza, economica e ambientale, non è stata governata da adeguati strumenti di cooperazione globale.

Più di dieci anni fa, l'ex cancelliere della Germania Occidentale, Willy Brandt, creò una Commissione internazionale Nord-Sud. Nel 1980, la Commissione presentò le sue analisi e le sue proposte tese a migliorare le relazioni tra i paesi industrializzati e quelli in via di sviluppo. Nel suo rapporto Willy Brandt scrisse: »Quando governa la fame, la pace non può prevalere. Chi vuole eliminare la guerra deve eliminare anche la povertà. Moralmente non fa differenza se un essere umano è ucciso in guerra o condannato a morire di fame a causa dell'indifferenza degli altri .

I governanti dei paesi-chiave, mentre accettavano l'idea di un primo summit Nord-Sud (tenutosi nel 1981 a Cancoon), rifiutavano la maggior parte delle raccomandazioni tese ad un profondo cambiamento nelle relazioni economiche internazionali.

Simile è stata la risposta al secondo rapporto, »Crisi Comune , centrato sui temi del debito e dell'energia.

Di fronte al deterioramento delle relazioni tra Est e Ovest, nel 1980 l'allora Primo Ministro di Svezia, Olof Palme, fondò la »Commissione Indipendente sul Disarmo e la Sicurezza , che affrontò i problemi della sicurezza e della minaccia di una guerra nucleare. La Commissione Palme promosse il nuovo concetto di »sicurezza comune .

Molte delle idee-chiave della Commissione Palme, incluso il concetto di sicurezza comune, sono ora state adottate, ma solo dopo un ritardo costoso. Durante gli anni '80 la corsa al riarmo è proseguita, e violenti conflitti hanno tolto la vita a milioni di persone.

In risposta ai crescenti problemi della situazione ambientale globale, fu creata la »Commissione Mondiale sull'Ambiente e lo Sviluppo . Il Segretario Generale delle Nazioni Unite chiamò Gro Harlem Brundtland a presiedere la commissione. Il suo rapporto fu presentato nel 1987, con il titolo »Il nostro futuro comune .

Il concetto centrale introdotto dalla Commissione Brundtland fu quello di »sviluppo sostenibile . Il rapporto recitava:

»Lo sviluppo sostenibile cerca di combinare le necessità e le aspirazioni del presente senza compromettere la capacità di affrontare quelle del futuro. Lungi dal richiedere la cessazione della crescita economica, riconosce che i problemi della povertà e del sottosviluppo non possono essere risolti senza avere una nuova era di crescita nella quale i paesi in via di sviluppo giocano un grande ruolo e raccolgono ampi benefici . (...)

La Commissione Sud, creata alla fine degli anni '80, presieduta dall'ex Presidente della Tanzania, Julius Nyerere, affrontò la situazione delle nazioni in via di sviluppo, e in particolare le possibilità e le necessità di rafforzare la cooperazione Sud-Sud. Il rapporto s'intitolava »La Sfida del Sud nel 1990 . Sosteneva una strategia incentrata sulle persone e si pronunciava fermamente per il rafforzamento della democrazia e per frenare l'autoritarismo, la corruzione e la militarizzazione.

C'è un comune denominatore di base nel pensiero di tutte e quattro le Commissioni indipendenti: nessuna nazione può risolvere i propri problemi da sola.

Siamo convinti che quello che stiamo vivendo sia un momento straordinariamente propizio per prendere un'iniziativa che risponda con immaginazione e coraggio alle manifeste necessità del presente e del futuro.

I firmatari del Piano di Stoccolma:

- Ali Alatas, Indonesia, Ministro degli Affari Esteri;

- Patricio Aylwin Azocar, Presidente del Cile;

- Benazir Bhutto, Pakistan, ex Primo Ministro;

- Willy Brandt, Repubblica Federale Tedesca, ex Cancelliere, Presidente dell'Internazionale Socialista, Presidente Onorario dell'SPD, Presidente della »Commissione Nord-Sud ;

- Gro Harlem Brundtland, Norvegia, Primo Ministro, membro della »Commissione Palme , Presidente della »Commissione Mondiale sull'Ambiente e lo Sviluppo ;

- Manuel Camacho Solis, Messico, Capo del Distretto Federale;

- Fernando Henrique Cardoso, Brasile, senatore;

- Ingvar Carlsson, Svezia, Primo Ministro;

- Jimmy Carter, Stati Uniti d'America, ex Presidente;

- Bernard Chidzero, Zimbabwe, ex Presidente del »Comitato per lo Sviluppo del Banco Mondiale e del FMI, ex Vice Segretario Generale dell'UNCTAD, membro della »Commmissione Brundtland ;

- Reinaldo Figueredo Planchart, Venezuela, Ex Ministro degli Affari Esteri;

- Bronislaw Geremek, Polonia, Presidente del »Comitato per i rapporti con l'Estero ;

- Abdlatif Al Hamad, Kuwait, Direttore Generale del »Fondo Arabo per lo Sviluppo Economico e Sociale , membro della »Commissione Brandt e della »Commissione Sud ;

- Mahbub ul Haq, Pakistan, Consigliere Particolare dell'UNDP, Ministro delle Finanze e della Pianificazione dal 1982 al 1988;

- Vaclav Havel, Cecoslovacchia, Presidente;

- Edward Heath, Gran Bretagna, membro della Camera dei Comuni, Primo Ministro dal 1970 al 1974, membro della »Commissione Brandt ;

- Enrique Iglesias, Uruguay, Presidente del »Banco Interamericano per lo Sviluppo , Ministro degli Esteri dal 1985 al 1988, Segretario Esecutivo della »Commissione Economica delle Nazioni Unite per l'America Latina e i Caraibi dal 1972 al 1985, membro della »Commissione Sud ;

- Hong Koo Lee, Repubblica di Corea, ambasciatore in Gran Bretagna;

- Stephen Lewis, Canada, ex Ambasciatore alle Nazioni Unite;

Michael Manley, Giamaica, Primo Ministro;

- Vladlen Martynov, Unione Sovietica, Direttore dell'»Accademia delle Scienze ;

- Thabo Mbeki, Sud Africa, Direttore degli Affari Internazionali e membro del Comitato Esecutivo dell'ANC;

- Robert McNamara, Stati Uniti d'America, membro del Board, »Istituto Mondiale delle Risorse , ex Presidente del Banco Mondiale;

- Bradford Morse, Stati Uniti d'America, Amministratore dell'UNDP dal 1976 al 1986;

- Julius Nyerere, Tanzania, ex Presidente della Repubblica Unita di Tanzania, Presidente della »Commissione Sud ;

- Babacar Ndiaye, Senegal, Presidente del »Banco per lo Sviluppo Africano ;

- Saburo Okita, Giappone, ex Ministro degli Esteri;

Jan Pronk, Paesi Bassi, Ministro per la Cooperazione e lo Sviluppo, vice Segretario Generale dell'UNCTAD dal 1980 al 1985; membro di ufficio della »Commissione Brandt ;

- Shridath Ramphal, Guyana, Segretario Generale del Commonwealth dal 1975 al 1990, Ministro degli Affari Esteri dal 1972 al 1975, membro delle Commissioni »Brandt , »Palme , »Brundtland e »Sud ;

- Nafis Sadik, Pakistan, Direttore Esecutivo del »Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione ;

- Salim Salim, Tanzania, Segretario Generale dell'Organizzazione dell'Unità Africana, membro della »Commissione Palme ;

- Arjun Sengupta, India, Ambasciatore in Belgio, Lussemburgo e CEE;

- Eduard Shevardnadze, Unione Sovietica, ex Ministro degli Esteri;

Kalevi Sorsa, Finlandia, membro del »Board of Management della Banca di Finlandia , Primo Ministro;

- Maurice Strong, Canada, Segretario Generale della »Conferenza delle Nazioni Unite sull'Ambiente e lo Sviluppo , membro della Commissione Brundtland;

- Brian Urquhart, Gran Bretagna, »Fondazione Ford .

 
Argomenti correlati:
il partito nuovo
sicurezza
cooperazione allo sviluppo
democrazia
poverta'
piano di stoccolma
stampa questo documento invia questa pagina per mail