Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mer 21 feb. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Il Partito Nuovo - 31 maggio 1992
La »guerra alla droga

SOMMARIO: In un'intervista al settimanale tedesco »Der Spiegel - ne pubblichiamo uno stralcio - il Premio Nobel americano Milton Friedman sostiene che tutti i tentativi che prevedono l'impiego di leggi penali e di misure di polizia per la risoluzione del problema droga sono condannati al fallimento. »L'intervento statale - afferma Friedman - crea un mercato della droga a prezzi esorbitanti, che favorisce la nascita di sindacati del crimine .

(IL PARTITO NUOVO - N. 7 - MAGGIO 1992)

Domanda: »Negli USA si spendono 12 miliardi di dollari l'anno per la 'guerra alla droga'. Quando è iniziata questa 'guerra'? .

Risposta: »Cominciò Richard Nixon nel 1969, e fallì. Fu ripresa da Reagan, che non riuscì a vincerla. Bush, poi, dichiarò 'guerra totale' e nominò William Bennett 'zar' della droga: si ritirò dopo aver spiegato che le misure da lui introdotte avrebbero raggiunto il pieno successo. Ciò non si verificò. Già nel 1972 avevo predetto il fallimento del progetto anti-droga di Nixon e chiesto una liberalizzazione della droga. Sono per l'abrogazione del proibizionismo e mi batto perchè le droghe siano trattate nello stesso modo dell'alcool e del tabacco .

D: »La cui vendita è legale .

R: »Con certe limitazioni. L'alcool può essere acquistato solo dai maggiorenni, in alcuni luoghi solo negli esercizi gestiti dal rispettivo Stato e non può essere venduto prima dell'orario della funzione religiosa .

D: »Chi deve produrre le droghe? .

R: »Chi lo sa fare meglio: l'industria farmaceutica .

D: »In un mercato della droga legalizzato, chi fornirebbe le materie prime necessarie all'industria farmaceutica? Può immaginarsi campi di papaveri nel Kansas e piantagioni di marihuana in California? .

R: »Perchè no? D'altra parte le coltivazioni di marihuana continuano ad esistere, nonostante le distruzioni operate dalle squadre antidroga. Nella politica della droga statunitense la marihuana ha un ruolo predominante. Fu dichiarata guerra all'erba sebbene non si conosca un solo caso di morte per overdose da marihuana e dozzine di ricerche scientifiche classifichino questa droga come innocua. La marihuana diventò più costosa e il consumatore trovò improvvisamente interessanti il prezzo della cocaina e recentemente del crack. Il proibizionismo lo spinse da una droga innocua ad una pericolosissima. La conseguenza dell'attuale politica della droga è la rovina delle grandi città statunitensi: ogni anno si contano 10.000 omicidi in più nell'ambiente della droga, le prigioni sono affollate e rimane poco tempo per la persecuzione degli altri reati .

D: »Visto che la 'guerra alla droga' non ha portato ad alcun successo visibile, si può supporre che forze imponenti facciano valere i propri soldi e la propria influenza per continuare ad impedire questi successi? .

R: »La gente che guadagna i suoi soldi con il traffico della droga, farebbe di tutto per assicurarsi la sua fonte di guadagno: è un comportamento prevedibile dei membri di una branca dell'industria .

D: »Ma una legalizzazione colpirebbe anche le autorità preposte alla persecuzione della droga? .

R: »Nella 'guerra alla droga' persecutore e perseguito hanno in un certo senso un interesse comune. Il proibizionismo assicura un buon guadagno ai perseguiti, ai fornitori e ai venditori di droghe. La stessa cosa vale per i persecutori: i loro bilanci aumentano continuamente e gli stipendi crescono. Fama e buone possibilità di carriera sono assicurate .

 
Argomenti correlati:
pn-7
droga
friedman milton
stampa questo documento invia questa pagina per mail