Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
gio 22 feb. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Aitonea A. - 17 settembre 1992
ROMANIA: LA META DEL PARTITO RADICALE
di A. Aitonea

SOMMARIO: Terzo ma certamente non ultimo episodio della campagna diffamatoria nei confronti del Partito radicale ad opera del sedicente settimanale "Spionaj si Contraspionaj", questo "articolo" si sofferma sulle attività eversive perpetuate dai perfidi sigg. Olivier Dupuis e Massimo Lensi, note spie magiare a capo della filiale rumena della società segreta PRT, per attentare alla sicurezza ed integrità territoriale del Paese.

(Bucarest - Spionaj si Contraspionaj, 17 settembre 1992)

Sono un rumeno - ex membro del PRT - che, dopo lo smascheramento fatto dalla rivista "Spionaggio e Controspionaggio" e dopo le proprie constatazioni vuole richiamare l'attenzione pubblica - a cominciare delle autorità ufficiali chiamate a difendere la sicurezza e l'integrità della Romania - sui seguenti fatti: il documentario rigorosamente pubblicato da "Spionaj si Controspionaj" sorprende in modo fedele il carattere sovversivo anti-romeno e pro-magiaro di questo partito-loggia massonica. E appunto questo fatto ha determinato una reazione violenta della direzione del PRT, specialmente della spia magiaro-occidentale OLivier Dupuis il quale teme che, se gli smascheramenti continuano, le opportunità di ufficializzare ed estendere l'attività radicale-trasnazionale in Romania potrebbero essere seriamente diminuite.

Preoccupata dalle diserzioni dal PRT registrate nell'ultimo periodo in seguito allo smascheramento, la direzione di Budapest di questo partito ha deciso di intensificare i contatti di "lavoro" per scoraggiare le dimissioni e per raddrizzare la situazione creatasi. Per sostenere questa azione si e' attivata anche la centrale PRT di Roma, che nel mese di agosto ha mandato a Bucarest Massimo Lensi con l'incarico di contattare alcuni rumeni basilari che istruirà per metterli a lavorare più seriamente. Tra le persone contattate ci sono state: Stan Constantin attivista PRT, Mihai Romanciuc membro della direzione della filiale di Bucarest del PRT, Sever Avram giornalista presso "La gioventù libera", Alin Alexandru dell' "Expres". Se dovessi credere a quello che mi hanno confidato Olivier Dupuis ed alcuni di loro, questi sono retribuiti con somme in valute e usufruiscono di viaggi gratuiti, in Romania e all'estero, nell'interesse del PRT

O Dupuis ha chiesto - direttamente e tramite Massimo Lensi - ai membri della direzione della filiale bucarestina di intraprendere le azioni seguenti:

- cogliere informazioni riguardanti l'evoluzione della campagna elettorale, specialmente sui giochi politici di retroscena;

- ottenere e implementare sul computer della sede PRT in via Beldiman, 1 - un appartamento affittato con un'altro pretesto da una persona privata - dati concernenti i candidati alle elezioni e i parlamentari che saranno eletti;

- contattare tutti i membri romeni del PRT e chiarire la loro situazione, l'attitudine attuale verso il PRT e se si candideranno per il parlamento;

- contattare i leader dei partiti politici per raccogliere nuovi membri o per continuare l'attività radicale. Possiamo ricordare il contatto con il sig. Otto Weber e con Gheorghi Nicolae e Burtea Vasile, quest'ultimi della direzione della Federazione Etnica dei Rom. In occasione delle discussioni avute, Massimo Lensi ha precisato che si farà attenzione alla situazione politico-economica dei rom per conoscere e far uso della loro scontentezza, con il motivo dell'immaginaria mancanza di diritti di questa etnia.

Tra i capi radicali, la figura più preoccupata della Romania - cosi' come dell'Albania - e' rimasta Olivier Dupuis. Malgrado i frequenti viaggi di quest'estate nelle zone calde della ex-Iugoslavia, egli ha trovato il tempo per dare impulso all'attività radicale nella Romania. Attualmente e' molto preoccupato di conoscere le reazioni rumene, incluse quelle della stampa, circa il congresso mondiale dei magiari, il congresso dei magiari transilvani e la conferenza europea dei rom che si e' svolta a Budapest; il modo in cui e' guardata l'attività della fondazione Soros; gli attacchi contro il PRT e i suoi membri, con una speciale attenzione alla rivista "Spionaj si Controspionaj".

A dispetto degli smascheramenti della stampa, Olivier Dupuis continua ad avere in Romania qualche persona fedele. Tra di queste si fa notare per il suo zelo e lealtà Stan Constantin, un giovane bucarestino figlio di una magiara che ha lavorato presso una pubblicazione. Federalista convinto e amante di azioni anarchiche, Stan Constantin ha partecipato in modo attivo alla" Golaniada" sulla piazza dell'università, cosi come alle azioni devastatrici del giugno 1990, dopo di che e' fuggito a Budapest. Li' e' stato "istruito" da Olivier Dupuis e da altri che spalancano gli occhi avidi verso la Transilvania, dopo di che e' stato mandato di nuovo a Bucarest, dove e' stato imposto nella direzione della filiale PRT e stipendiato con 125 dollari al mese. Se li merita, il ragazzo, perché è diligente; percorre la strada fino su al parlamento per trasmettere a Erno Borbely, Vasile Diacon e ad altri membri "del gruppo radicale" i pensieri per bene di O.Dupuis.

Tra "i problemi radicali" che non sono stati trattati nel suo documentario, mi fermerei sulla collaborazione anti-romena, federalista e pro-magiara del PRT con la fondazione Soros. Non mi riferisco al fatto che tutte e due le organizzazioni sovversive seguono le stesse mete, ma alla loro collaborazione effettiva in quanto ad azioni e persone. Una di queste allude al giornalista Sever Avram, membro del PRT dal 1991. Recentemente egli e' stato trasferito al giornale "La gioventù libera" per essere poi "istruito", "radicalizzato" per piacere ai suoi superiori. Per tale scopo la fondazione Soros, su proposta del PRT gli ha offerto una borsa di studio di nove mesi in occidente. Alla fine di agosto egli ha ricevuto la valuta accordata da Soros, la partenza per "l'istruzione" essendo stabilita per il 5 settembre.

La maggiore preoccupazione di oggi della filiale di Romania del PRT sono le elezioni che si avvicinano. I "galoppini" radicali dovranno stabilire in modo operativo quanti radicali sono rimasti ancora nel parlamento e determinare quelli rimasti a continuare la loro attività nell'ambito di questa società segreta, essendo accettata pure la possibilità di assicurare la discrezione necessaria. Parallelamente essi si chiariranno sulla possibilità di attrarre nuovi deputati al PRT, per rifare "il gruppo parlamentare radicale" che potrebbe essere (comunque cosi' si desidera) il più numeroso gruppo della camera dei deputati; sono preconizzati tentativi di reclutamento di membri anche tra i senatori. E, per non perdere quelli che non sono stati più eletti nel parlamento, essi saranno contattati e impegnati in varie attività radicali, nel quadro della estensione della attività del PRT fuori del parlamento.

Piani grandi e perfidi, non so perché - forse perché sono troppo lasciati liberi di fare di testa loro - siccome le autorità e il parlamento stesso e i partiti politici sottostimano il pericolo che rappresenta il PRT; il che facilita la continuazione e pure l'estensione dell'attività di questa società segreta anti-romena in Romania. Sullo sfondo di questa indifferenza, che avrà delle conseguenze gravi, il PRT pianifica di insistere perché sia approvato il carattere ufficiale della sua attività in Romania. Arriveremo forse fino a quel punto li ?

N.R. Apprezziamo il contributo del sig. Aitonean all'informazione dei lettori e delle autorità, in quanto al pericolo reale che l'attività del PRT costituisce per la Romania e, di conseguenza, pubblichiamo integralmente i dati ricevuti. Data la gravità di questo problema e' da desiderare che il sig. Aitonean e altri lettori ci mandino nuovi dati riguardanti l'attività ufficiale o clandestina del PRT contro la Romania, dati che faremo immediatamente pubblici.

In quanto al nuovo parlamento, vogliamo credere che magari adesso esistano la ragione e la dignità necessarie per non permettere che in seno al potere di stato rumeno si ripari una società segreta straniera che agisce accanto ai nemici dichiarati, contro la sovranità e integrità territoriale della Romania.

 
Argomenti correlati:
trasnazionale
lensi massimo
ungheria
stampa questo documento invia questa pagina per mail