Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
mer 21 feb. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Jannuzzi Lino, Taradash Marco - 26 dicembre 1992
Onore per Bettino
La Conversazione di Lino Jannuzzi con Marco Taradash

SOMMARIO: "Fa bene a resistere... perché politicamente non è sconfitto... lo dico io, suo avversario"

(IL SABATO, 26 dicembre 1992)

Caro Taradash,

non sembra gioire molto... per le disgrazie di Craxi...

R. - Ho soltanto una grande depressione...

Eppure... ne avete avuti di scontri con Craxi... voi radicali... e lei in particolare... per la legge sulla droga...

R. - Sono stati scontri politici... e avremmo voluto una soluzione politica... e non giudiziaria...

Lo ha descritto... come un combattente...

R. - Il suo garibaldinismo in politica era francamente fastidioso... ma non si può negare che cade da garibaldino... offrendo il petto... e senza indietreggiare...

Ci fu un tempo... che andavate d'accordo...

R. - Quando si combatteva insieme il cattocomunismo... e il consociativismo... per un'alternativa... che sbloccasse la politica italiana...

Ci fu il grande referendum contro i magistrati...

R. - Un grande momento... e una grande vittoria... che Craxi rinnegò... varando una legge peggiore di quella abrogata...

E fu la rottura...

R. - Cominciò anche il suo declino...

Perché cambiò registro...

R. - Optò per la rendita di posizione...

Si scavò la sua nicchia nella partitocrazia...

R. - Una nicchia... che è diventata una tomba...

Dunque... se l'è cercata...

R. - Ma fa rabbia... che lo trattino come fosse il nemico pubblico numero uno... e si dimenticano della DC...

Con la DC... è lui che vi si è avvinghiato...

R. - Non è che nel suo partito... qualcuno ha fatto tanto per dissuaderlo...

Gli dicevano sempre di sì...

R. - Qualcuno faceva peggio... come quell'Acquaviva... il cattosocialista... l'anima nera del craxismo consociativo...

Anche sulla droga...

R. - Sulla droga... ha trovato un altro consigliere del cavolo... quel Rudolph Giuliani...

E ha sposato le tesi di Bush...

R. - Forse contava di guadagnarsene l'appoggio... anche per i suoi progetti presidenzialisti...

La riforma dello stato...

R. - Più che la riforma dello stato... il ritorno a Palazzo Chigi...

Ne ha invece sofferto la sua identità...

R. - Come succede spesso ai machiavellici ...e ai cinici... è stato sconfitto dal proprio cinismo...

Non dai giudici

R. - I giudici hanno dormito per vent'anni... hanno fatto finta di non vedere e di non sapere...

Ora si sono svegliati...

R. - Hanno scoperto il teorema della responsabilità oggettiva... E' un falso teorema...

O è eccessivo... o è carente...

R. - Carente... Se contestano alla partitocrazia l'associazione a delinquere... è innegabile che ogni atto è stato deciso o tollerato dai vertici...

I segretari dei partiti...

R. - E i trecento boiardi di regime che gli stanno d'intorno... c'è quanto meno il concorso morale...

I giudici non osano arrivare a questo...

R. - Allora ha ragione Craxi... la responsabilità penale è personale...

Fa bene a resistere...

R. - Dal suo punto di vista... non si sente sconfitto politicamente...

Ma ha sbagliato politica...

R. - La sua politica è stata premiata... con meno del 15% ha acquisito un potere straordinario...

Il Partito socialista è ridisceso sotto il 10%...

R. - Ma la DC e il PDS hanno perso in proporzione... Andremo al commissariamento della repubblica... come chiedono quelli dell'omonimo giornale... Se non vogliamo piazzale Loreto... si deve fare la riforma elettorale... all'anglosassone...

 
Argomenti correlati:
craxi bettino
partitocrazia
corruzione
stampa questo documento invia questa pagina per mail