Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 12 lug. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Martelli Claudio - 1 aprile 1993
Lettera a Marco Pannella

SOMMARIO: Il testo della lettera con cui Claudio Martelli comunica a Marco Pannella, presidente del gruppo federalista, la decisione di aderire al suo gruppo parlamentare. Martelli conferma il suo impegno per il "sì" al referendum elettorale per una "riforma elettorale maggioritaria e uninominale sul modello anglosassone, l'elezione diretta del premier, il riordinamento federalista dello Stato". »In questo Parlamento - scrive ancora Martelli - al più presto occorre dar vita ad un Governo risoluto ad affrontare i nodi delle riforme, del debito e della criminalità, non affiancando chi vorrebbe bloccare il lavoro dei giudici, nè chi si serve delle inchieste per penalizzare Governo, Parlamento e vita democratica .

-------------------------------

Roma, 1 Aprile 1993

Caro Marco,

in un momento drammatico della vita della Repubblica mentre si moltiplicano le incognite e le possibilità, i segnali di disfacimento e le speranze di rinnovamento ho deciso di aderire, come socialista indipendente, al Gruppo Federalista approvando i propositi di ribattezzarlo con la parola "democratico".

Prendo questa decisione dopo aver lungamente riflettuto sui nostri percorsi del passato che tante volte si sono congiunti e soprattutto sul nuovo che deve nascere - nuovi partiti, nuove regole - se vogliamo che l'Italia esca dalle crisi spaventose in cui è precipitata la politica democratica e non si arrenda all'alternativa tra distruzione e restaurazione.

Prendo questa decisione con spirito fraterno verso i compagni socialisti cui rinnovo il mio arrivederci e pensando ai tanti amici della sinistra, dal mondo laico e cattolico che possono concorrere con noi a costruire il nuovo partito, il partito democratico di cui l'Italia ha bisogno oltre la fine dei vecchi partiti e la forma degenerata della partitocrazia italiana.

Vedo nei tuoi propositi più recenti e nelle idee che sempre ci hanno accomunato la base di un impegno comune per sostenere subito il SI nel referendum del 18 aprile, la riforma elettorale maggioritaria e uninominale sul modello anglosassone, l'elezione diretta del premier, il riordinamento federalista dello Stato.

Penso che dobbiamo riuscire a fare del Gruppo federalista democratico l'embrione di uno schieramento che restituisca fiducia ai cittadini e al Palamento, eletto nemmeno un anno fa, riconfermi il suo ruolo costituzionale insopprimibile di espressione della sovranità popolare, di arbitrio delle maggioranze e dei governi, di garante dei diritti di tutti e delle minoranze in particolare.

In questo Parlamento ho deciso di riprendere la parola politica e di incoraggiare altri a farlo.

La politica non può essere assente a ammutolita. Anche quando tanti politici sono inquisiti - a torto o a ragione e per i più diversi motivi - la parola politica non può, non deve essere spenta alzando al massimo il volume la voce e gli atti di altri poteri costituzionali senza correre il rischio di avventure incontrollabili.

In questo Parlamento al più presto occorre dar vita ad un governo risoluto ad affrontare i nodi delle riforme, del debito e della criminalità non consentendo nè con chi vorrebbe bloccare il lavoro dei giudici nè con chi si serve delle inchieste per penalizzare Governo, Parlamento e vita democratica.

Insieme con le idee giuste per affrontare questo passaggio traumatico occorrono misura e coraggio. So che a te non mancano.

A presto

Claudio Martelli

 
Argomenti correlati:
gruppo federalista
martelli claudio
sinistra
referendum
stampa questo documento invia questa pagina per mail