Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
ven 23 feb. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Pannella Marco - 26 novembre 1993
AFRICA: Siete complici di chi sostiene che gli africani non sono capaci di democrazia

Intervento di Marco Pannella al PE del 30 ottobre 1985

SOMMARIO: Da anni il PE si occupa dell'Africa australe e della segregazione razziale, ma ha davvero scelto "il modo migliore per affrontare il problema?" Giudicandola nel suo "contesto africano", e non dimenticando quanto è invece accaduto in Algeria, in Libano e in Estremo Oriente con le rivoluzioni armate e violente, dobbiamo tener pur conto del fatto che l'"apartheid" "garantisce una certa libertà" di diritti umani. In altri paesi africani, la situazione dei "diritti dell'uomo" è infinitamente peggiore. Agendo e discriminando come stiamo facendo, in realtà facciamo del "razzismo eurocentrico". Bisogna ammonire l'ANC ad abbandonare la sua "posizione... terrorista".

(1994 - IL QUOTIDIANO RADICALE, Speciale Parlamento europeo, 26 novembre 1993)

Signor Presidente, se c'è un problema di cui ci occupiamo spesso, è certamente quello dell'Africa australe e della segregazione razziale.

Mi chiedo se tante discussioni, tanta attenzione siano servite a qualcosa. Da una decina d'anni a questa parte il Parlamento si pronuncia tre o quattro volte l'anno: non sarà forse giunto il momento di domandarci se abbiamo scelto il modo migliore per affrontare il problema?

Il fatto è, signor Presidente, che occorre collocare questa situazione nel contesto africano molto più di quanto siamo soliti fare. Il presidente della Tanzania Nyerere ha parlato del problema delle tribù bianche del Sudafrica, le cui tradizioni e la cui volontà vanno rispettate nel quadro di un nuovo assetto dell'Africa australe. Credo che se riflettiamo a quanto è accaduto in Algeria prima e a quanto è poi accaduto, e sta accadendo purtroppo ancora oggi, in Libano, questa preoccupazione del presidente Nyerere assumerà un maggior interesse: bisogna quindi accordargli tutta la nostra attenzione. Bisogna, inoltre, soprattutto a sinistra, cari compagni e colleghi, riflettere su cosa abbiamo fatto, su cosa è accaduto in Estremo Oriente, rispetto alle nostre posizioni e alle scelte da noi operate sostenendo le lotte armate di liberazione. Non dobbiamo dimenticare la nostra, o la vostra, incapacità di comprendere i movimenti nonviolenti, come quello dei buddisti e di altri in Indocina, e poi in Vietnam, che hanno

cercato di richiamare la nostra attenzione sul fatto che poteva essere pericoloso per il popolo affidarsi alle armi, alla violenza, alla contro violenza o alla rivoluzione per ottenere il rispetto dei propri diritti e l'indipendenza.

La grande forza dell'apartheid, la sua forza storica, quella contro cui urtano tutti coloro che la disapprovano e la combattono, è che questo sistema, anche se moralmente condannabile, garantisce, come ho già fatto notare in diverse altre occasioni, una certa libertà. Quanto dico potrà sembrarvi atroce, ma è la verità e voi non potete continuare a fare gli struzzi. Andate un po' a vedere qual è la situazione dei diritti dell'uomo nel Burundi! Non se ne parla mai, forse perché la schiavitù o la discriminazione è una faccenda fra neri e, da un certo punto di vista, quello che chiedete in realtà ai sudafricani è quello che non chiedete, per razzismo eurocentrico, a tutti gli africani. E' questa la terribile realtà. Se un sudafricano non rispetta le vostre dichiarazioni sui diritti dell'uomo, vi ergete contro questo crimine. Ma qual è la situazione in Africa centrale e altrove, salvo rarissime eccezioni? Siete complici di chi afferma che gli africani non sono capaci di democrazia. Lasciate il Senegal ad arrangia

rsi. Vi accontentate di sostenere una forma di capitalismo invece di sostenere chi ha tentato di far progredire l'Africa lungo la via della democrazia politica. Ci sono situazioni molto gravi: da qualche mese a questa parte il terrorismo si sta installando in Africa facendo molte vittime soprattutto fra gli africani. Volete forse che la sinistra fra tre, cinque o sette anni debba riconoscere ancora una volta di essersi sbagliata? Non dobbiamo forse dire francamente all'ANC che deve cambiare posizione, soprattutto rispetto agli ultimi tempi, visto che si tratta di una posizione chiaramente terrorista? Non è d'altronde un caso se veniamo spesso sostenuti dalla destra o dall'estrema destra che hanno dato talvolta prova di un grande ardore nella lotta all'apartheid.

Su tutto ciò occorre riflettere, signor Presidente. Io credo che le nostre risoluzioni, e anche le opinioni delle minoranze che vi figurano, non bastino assolutamente.

 
Argomenti correlati:
africa
diritti umani
terrorismo
stampa questo documento invia questa pagina per mail