Radicali.it - sito ufficiale di Radicali Italiani
Notizie Radicali, il giornale telematico di Radicali Italiani
cerca [dal 1999]


i testi dal 1955 al 1998

  RSS
sab 20 apr. 2024
[ cerca in archivio ] ARCHIVIO STORICO RADICALE
Archivio Partito radicale
Suttora Mauro - 12 gennaio 1994
Oplà: Pannella fa un altro giro di valzer
di Mauro Suttora

E BRAVO MARCO CHE SORRIDE A DESTRA

Con Berlusconi e Bossi. Per rinviare le elezioni. E opporsi alla sinistra vincente. Dove vuole arrivare il leader radicale?

SOMMARIO: Lungo servizio, con sottotitoli e paragrafi. Dopo aver ricordato i numerosi digiuni fatti "per le cause più diverse", ironizza sull'appellativo "Rieccolo" che una volta era attributo di A. Fanfani ed ora invece "si attaglia bene" a Pannella. Perché ha presentato la mozione di sfiducia al governo Ciampi? Forse "per guadagnare tempo e rimandare ancora di un po' le inevitabili elezioni?" Quella di Pannella "è una strategia lucida con precisi obiettivi?"

["Ciampi deve scegliere da che parte stare"]. Scalfari accusa Pannella di essere "un politichese tra i più consumati", Pannella intanto chiede che si formi subito un "nuovo governo", con Ciampi presidente del consiglio, Segni come vicepresidente e lui stesso come Ministro degli Esteri. In realtà, Pannella vuole costringere Ciampi a "scegliere" tra il PDS e i moderati, e guadagnare tempo per la raccolta delle firme sui 13 referendum.

["Lega incinta di liberaldemocrazia"]. Come mai i radicali si sono collegati ed alleati con la Lega? In verità, Pannella ha sempre scelto "i propri alleati con pragmatismo spregiudicato": Fortuna e Baslini per il divorzio, lo stesso PDS per l'elezione del sindaco di Roma Rutelli, ecc. Si riferiscono quindi alcuni pesanti giudizi di Scalfari sul leader radicale, e di questi su Scalfari; si tratteggiano i rapporti di Pannella con Berlusconi, la Lega, Fini, ecc.

["Il PDS è l'erede della partitocrazia"]. Pannella non è catalogabile: "è di destra o di sinistra?" "Domanda antica..." Rievoca episodi della vita universitaria, le battaglie degli anni '60, per affermare poi che "la deriva a destra di Pannella sembra essere causata sopratutto da dissapori personali". E' il primo uomo al mondo "a farsi eleggere in liste con il proprio nome". Comunque, quello di Pannella è l'unico partito, col MSI, "a non essere mai stato indagato per tangenti".

(L'EUROPEO, 12 gennaio 1994)

Un tempo la sua arma preferita era il digiuno. Ne ha fatti 16 per le cause più diverse: Cecoslovacchia invasa, divorzio, fame nel mondo. Oggi, invece, ha il telefonino. E alla fine, tempestato per giorni dalle sue chiamate, anche Silvio Berlusconi ha ceduto: è andato in piazza Duomo a Milano a a firmare per i suoi nuovi referendum, lo ha ricevuto nella sua villa di Arcore.

"Rieccolo". Il soprannome che Fortebraccio aveva appioppato all'eterno Amintore Fanfani oggi si attaglia bene a Marco Pannella. In politica da 48 anni (la prima tessera, liberale, la prese quindicenne nel '45), sempre all'opposizione (tranne cento giorni nel '92 al Comune di Ostia), il leader radicale sembrava definitivamente tramontato.

Il colpo di grazia gliel'avevano dato le riunioni alle sette del mattino che aveva organizzato lo scorso maggio per difendere il Parlamento degli inquisiti. "Continuate ad essere irriconoscibili, scandalizzate, bestemmiate": così Pier Paolo Pasolini esortò i radicali prima di morire, nel '75. Consiglio preso fin troppo alla lettera, in questi anni, da Pannella.

Invece, per l'ennesima volta, "il nostro Marco nazionale" (come lo chiama il suo peggior nemico, Eugenio Scalfari) è risorto. E' lui, di nuovo, l'uomo del giorno, il protagonista di queste ultime settimane di vita politica. Il 12 gennaio la Camera è convocata per discutere la sua mozione di sfiducia al governo di Carlo Azeglio Ciampi: è riuscito a farla firmare a ben 150 deputati, quasi tutti della maggioranza.

Perché questa mossa? Il dibattito in Parlamento è un atto dovuto, come ritiene il presidente Oscar Luigi Scalfaro sempre rispettosissimo delle prerogative parlamentari, o è soltanto un espediente degli onorevoli indagati ("i carcerandi", come li dileggia Gianfranco Miglio) per guadagnar tempo e rimandare ancora di un po' le inevitabili elezioni?

E Pannella che fa? Di nuovo, forse solo per il gusto autolesionista di apparire al centro dell'attenzione, si mette alla testa del "partito degli inquisiti", oppure la sua è una strategia lucida con precisi obiettivi?

"Ciampi deve scegliere da che parte stare"

"Pannella è soltanto uno specialista nell'intorbidare le acque, è un politichese fra i più consumati", taglia corto Scalfari sulla prima pagina di Repubblica. E quasi accusa Scalfaro di essersi fatto plagiare dal capo radicale, visto che il presidente avrebbe potuto sciogliere le Camere già dal 20 dicembre.

Replica Pannella: "Anche votando a marzo, l'attuale governo resterebbe in carica fino a giugno. Ma Ciampi è ormai delegittimato: lui stesso ha dichiarato di aver esaurito il proprio compito dopo la riforma elettorale e la legge Finanziaria. E l'Italia non può certo permettersi di stare per mezzo anno senza un vero governo. Occorre quindi una nuova compagine, guidata dallo stesso Ciampi e con Mario Segni vicepresidente. Io mi propongo ministro degli Esteri".

Questa è la spiegazione ufficiale, istituzionale. Ma c'è anche un secondo movente, squisitamente politico, nella mossa di Pannella. E' lui stesso a confessarlo: "Ciampi deve scegliere: o sta con il Pds e il partito di Repubblica, o prende Segni e me. Così gli elettori potranno decidere subito fra due schieramenti".

Figurarsi se quel vecchio volpone di Ciampi cadrà nella trappola di Marco. Il presidente del Consiglio sa che, se la sinistra vincerà, potrà continuare a stare al suo posto: Achille Occhetto gli ha già offerto quella poltrona. D'altra parte, Ciampi aveva già inserito ministri di area pidiessina in questo governo: soltanto l'assoluzione della Camera a Bettino Craxi provocò le loro immediate dimissioni.

Il terzo motivo, inconfessabile, della mozione Pannella, è infine quello di prender tempo. Non tanto per rinviare le elezioni ("Mi vanno bene ad aprile"), quanto per guadagnare giorni preziosi alla raccolta di firme sui suoi referendum. "Siamo a 100mila, più le 60mila che finora ha preso la Lega", dicono al club Pannella a Roma. Tutte firme che rischiano di essere buttate.

Lega incinta di liberaldemocrazia.

E' probabile che ciò accada. Ma i referendum sono serviti a Pannella per allearsi alla Lega Nord. Com'è scoppiato questo nuovo, improvviso amore? Il leader radicale è stato l'unico ospite esterno (applauditissimo) al congresso leghista del 12 dicembre. Pannella, per la verità, si dichiara federalista da sempre. Seguace di Ernesto Rossi, Altiero Spinelli e del loro Manifesto di Ventotene per un'Europa unita e federale, nell'87 ha fatto anche cambiar nome al gruppo radicale della Camera, che da allora si chiama "federalista europeo".

"Pannella sta mettendo incinta la Lega", scherza Valerio Zanone. "Le sta inoculando il seme della liberaldemocrazia, e la Lega gode", precisa Ottavio Lavaggi, deputato pri, anch'egli nuovo fan del Carroccio. Ma c'è anche un dato umano: molti leghisti hanno votato radicale prima di sposare Umberto Bossi.

Pannella ha sempre scelto i propri alleati con pragmatismo spregiudicato: chi ci sta, ci sta. Il divorzio lo conquistò in compagnia del socialista Loris Fortuna e del liberale Antonio Baslini. Contro la fame nel mondo si alleò con i democristiani, per difendere Enzo Tortora con i socialisti.

Questa volta, sui referendum lanciati da lui e da illustri politologi come Angelo Panebianco e Saverio Vertone (Corriere della Sera), Marcello Pera (La Stampa), dal filosofo Giulio Giorello e dall'economista Antonio Martino (preside della Luiss, l'università della Confindustria), c'è stata soltanto la Lega. Ma lui li aveva proposti a tutti i partiti.

Non più tardi di un mese fa, d'altronde, Pannella ha appoggiato, assieme al Pds, il radicale Francesco Rutelli, Adriano Sansa e vari altri sindaci di sinistra. Adesso invece passa il suo tempo ad attaccare Occhetto. Perché? "La sinistra può vincere solo con me e Segni, come a Roma. Altrimenti è un bidone", risponde lui. Pannella l'indispensabile. Pannella il salvifico. "Ha una concezione tolemaica di se stesso", è la descrizione ironica di Scalfari, "è lui l'asse della verità gravitazionale, misconosciuto però da tutti. Di qui la sua paranoia vittimista".

Con Scalfari l'odio è profondo. I due si conoscono da 40 anni: bazzicavano entrambi la corrente di sinistra del Pli. Insieme hanno fondato il partito radicale nel '55. Poi però Scalfari ne divenne il vicesegretario, si volle alleare con il Psi (nel '60), e cacciò Pannella (allora filo-comunista) all'opposizione.

"Marco è un esibizionista logorroico", dice Scalfari. E Pannella ricambia: "Scalfari è un libertino mascherato da tartufo: con una mano indica il Dio della democrazia, con l'altra tocca le cosce della corruzione. Ha fornicato per anni con coloro che attaccava".

Fra Pannella e Silvio Berlusconi, invece, c'è simpatia. Al Cavaliere il leader radicale piace perché è l'uomo politico più spettacolare d'Italia. Una sua intervista a Mixer lo scorso maggio ha conquistato otto milioni di spettatori. E alle comunali di Roma Pannella è stato il più votato (dopo il missino Teodoro Buontempo) fra tutti i capilista 14mila preferenze, il doppio di Enrico Montesano (il più gradito fra i pidiessini).

Le Tv Fininvest hanno aiutato molto il partito radicale sia nell'86 sia nel '92, quando Pannella minacciava di chiudere il Pr se non si fossero raggiunti 10mila e 30mila iscritti. Il leader radicale è un assiduo di tutti i programmi berlusconiani, dall'"Uno contro tutti" di Maurizio Costanzo fino a "Scherzi a parte". In questi giorni il Tg di Paolo Liguori (ex redattore di Radio radicale) su Italia Uno lo coccola, intervistandolo spesso.

Amore per Bossi, ostilità con Scalfari, sintonia con Berlusconi. Alle elezioni Pannella finirà nel blocco moderato? Con Mariotto Segni il rapporto è agrodolce: il capo del Pr si vanta di essere stato il primo a proporre, nell'86, il maggioritario uninominale, e di aver convinto lui Segni. Perfino con Gianfranco Fini c'è qualche punto di contatto: vent'anni fa Pannella fu l'unico a difendere il Msi dalla campagna per metterlo fuorilegge: "I veri fascisti oggi sono i democristiani", sosteneva assieme a Pasolini. E nell'82 fu il primo segretario di partito che parlò a un congresso missino.

"Il Pds è l'erede della partitocrazia".

Quel che è certo, è che Pannella non è catalogabile. E' di destra o di sinistra? Domanda antica quanto lui stesso. Negli Anni '50, da liberale gobettiano, fece entrare il Pci nel parlamentino degli universitari italiani che presiedeva. Nel '59, assieme a Occhetto, cacciò Bettino Craxi dalla guida dell'Unione goliardica. Poi scrisse una lettera aperta a Palmiro Togliatti su Paese Sera, proponendo l'alternativa di sinistra.

Trent'anni fa Giancarlo Pajetta gli offrì un seggio da deputato (rifiutato) come indipendente di sinistra. Poi i rapporti si guastarono, perchè il Pci su divorzio e aborto non voleva attaccare troppo la Dc, mentre Pannella era un anticlericale acceso. "Furgone di immondizia", lo apostrofò Fortebraccio, il corsivista dell'Unità.

Dopo che Occhetto ha cambiato nome al partito, Pannella è stato un interlocutore attento e speranzoso del nuovo Pds, che però oggi considera come "l'erede principale del regime partitocratico". E' stato anche uno dei fondatori di Alleanza democratica, "che adesso non mi invita neanche più alle sue riunioni", si lamenta. E Leoluca Orlando? "Un piccolo Peron", taglia corto. Insomma, la deriva a destra di Pannella sembra essere causata soprattutto da dissapori personali.

Dal '92 Pannella è il primo politico al mondo a farsi eleggere in liste con il proprio nome. Neanche il generale Charles De Gaulle era arrivato a tanto narcisismo. "Ma questa è la politica del futuro, basata sulle persone e non sugli apparati burocratici di partito. Si vota il singolo candidato, come in America", si difende Marco. Che però è stato abbandonato da molti dei suoi compagni di un tempo: Massimo Teodori, Gianfranco Spadaccia, Mauro Mellini, Adelaide Aglietta.

In ogni caso, quello di Pannella è l'unico partito, assieme ai Verdi, a non essere mai stato indagato per tangenti. Anche Lega, Rifondazione e Msi hanno dirigenti inquisiti. I radicali no. Pannella l'incorruttibile vive solo per la politica, abita in una soffitta al quinto piano senza ascensore dietro la fontana di Trevi. Passa i Ferragosti a visitare prigioni, e Natali e Capodanni a concionare da Radio Radicale. Riuscirà a far parlare di sè anche dopo il Duemila, c'è da scommetterlo.

 
Argomenti correlati:
pannella marco
sinistra
bossi umberto
governo
ciampi carlo azeglio
panebianco angelo
zanone valerio
federalismo
fininvest
partitocrazia
alleanza democratica
craxi bettino
stampa questo documento invia questa pagina per mail